DURANTE LE FESTE: ATTENZIONE ALL’ALCOL

22/dic/2014 17.53.00 Missione della Chiesa di Scientology di Barletta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Questa fine settimana i volontari “Amici di L. Ron Hubbard” faranno prevenzione a Pescara; posizioneranno presso i negozi della città  l’opuscolo informativo gratuito “LA VERITA’ SULL’ALCOL”.

Il perché di questa iniziativa è sotto i nostri occhi; specie nei fine settimana masse di giovani si ritrovano con il bicchiere in mano tanto per fare qualcosa in compagnia senza neanche rendersi conto della quantità di alcol ingerita.

Sono proprio gli alcolici i numeri uno delle classifiche distruttive, attualmente punto di realtà della maggior parte dei giovani.  Dopotutto è legale, è parte della vita sociale ed è perfino consigliato da alcuni medici come salutare se preso a piccole dosi.

Questo opuscolo contiene le statistiche internazionali, spiega chiaramente che cos’è l’alcolismo e la dipendenza, inoltre numerose testimonianze rendono chiara l’idea dei danni che l’alcol può causare.

Gli incidenti per stato di ebrezza sono la causa principale della morte dei giovani in Italia ed in altri paesi europei. In Italia l’alcol è responsabile di almeno 24.000 morti ogni anno.

L’alcol viene assorbito nel sistema circolatorio attraverso dei piccoli vasi sanguigni nelle pareti dello stomaco dell’intestino tenue. Entro pochi minuti dall’assunzione di alcol, viaggia dallo stomaco al cervello, dove produce velocemente i suoi effetti, rallentando l’azione delle cellule nervose.

Cosa succede se insieme all’alcol vengono usate altre droghe?

Ne derivano mix letali che possono anche uccidere!

Le numerose testimonianze rendono l’idea di come un bicchiere in compagnia possa trasformarsi in tragedia prova ne è quanto segue: “Quando ho cominciato a smettere di bere, ho capito che l’alcol ha preso il controllo del mio corpo in modo tale da non riuscire a smettere. Tremavo al punto che sembrava stessi per spezzarmi, cominciavo a sudare, non potevo pensare fino a che non bevevo. Non potevo più andare avanti senza alcol”

Visita il sito: www.noalladroga.org  

Per info:

Aiudi Renata 335 7864031

 

19 dicembre 2014

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl