RAEE: Ecolamp, Consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione

26/apr/2007 17.30.00 Andrea Pietrarota Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Il consorzio Ecolamp, Consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione, è stato costituito il 19 ottobre del 2004 per volontà delle principali aziende del settore illuminotecnico nazionale.
Scopo del consorzio Ecolamp è l'implementazione di un sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti derivanti da apparecchiature di illuminazione, oltre che la corretta informazione e sensibilizzazione su questo argomento, nel pieno rispetto del Decreto Legislativo 151 del 2005, "Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE".
Il consorzio Ecolamp, che non ha fini di lucro, è costituito con lo scopo di offrire ai Consorziati e agli altri soggetti interessati un servizio di raccolta e riciclo dei rifiuti su basi eque, trasparenti e non discriminatorie. A tutti i soggetti sarà così consentito di operare in conformità alla normativa nell'esecuzione delle politiche ambientali inerenti lo smaltimento dei rifiuti.
Il consorzio Ecolamp metterà a disposizione in modo capillare in tutto il Paese soluzioni logistiche efficaci ed efficienti per il recupero delle apparecchiature di illuminazione a fine vita, organizzando processi di raccolta, trasporto e smaltimento in una logica di ottimizzazione dei costi e di rispetto per l'ambiente.
Al fine di raggiungere gli obiettivi di raccolta e recupero previsti dal Decreto Legislativo 151 del 2005, il consorzio Ecolamp affianca al già citato sistema logistico una comunicazione mirata e coordinata. Ecolamp si pone, infatti, come obiettivo anche la sensibilizzazione degli operatori del settore illuminotecnico, dei soggetti coinvolti nella filiera del riciclo e dell'opinione pubblica in generale circa i vantaggi derivanti dal riciclo e recupero delle apparecchiature di illuminazione.
Attraverso la definizione di una fitta rete di accordi con aziende partners esperte e qualificate nel settore del trasporto e trattamento dei rifiuti, Ecolamp offre ai propri consorziati una gamma completa di servizi connessi al processo di raccolta, trattamento, recupero e riciclaggio delle apparecchiature di illuminazione:
o    interazione con i punti di raccolta preposti al conferimento dei RAEE di apparecchiature di illuminazione sul territorio nazionale; le attività connesse con la logistica che Ecolamp sta studiando prevedono, con ogni probabilità, la fornitura di appositi contenitori standard;
o    ritiro delle apparecchiature di illuminazione presso i punti di raccolta presenti sul territorio nazionale;
o    trasporto delle apparecchiature di illuminazione raccolte presso selezionati centri di stoccaggio temporanei e successivo trasferimento presso impianto di riciclo;
o    selezione e predisposizione di centri di stoccaggio intermedi;
o    riciclo e trattamento delle apparecchiature di illuminazione presso impianti appositamente selezionati.
A due anni dalla costituzione, il consorzio Ecolamp si è dotato di uno staff sufficientemente "snello" in termini quantitativi, anche in relazione con le altre realtà europee.
Insieme al Presidente e al Direttore Generale, il consorzio Ecolamp è composto da figure professionali chiamate a presidiare tre aree fondamentali: l'area logistica, l'area del marketing e l'area della finanza e controllo.
Un team con competenze specifiche in grado di implementare e gestire il sistema di recupero e smaltimento, e rispondere adeguatamente alle direttive del Decreto Legislativo 151 del 2005.

Tra i propri soci fondatori il consorzio Ecolamp annovera le maggiori aziende, nazionali e internazionali, del settore illuminotecnico, che operano nel mercato italiano: General Electric, La Filometallica, Leuci, Osram, Philips e Sylvania, in rappresentanza di una quota di mercato che si attesta circa al 70%.
Le aziende fondatrici sono accomunate dalla ferma volontà di rispettare le normative emanate a salvaguardia dell'ambiente e di ricercare soluzioni tecnologicamente innovative, economicamente sostenibili ed operativamente efficaci per l'impostazione e la gestione di un corretto sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti di apparecchiature di illuminazione.
General Electric Lighting fa parte dell'omonima multinazionale statunitense fondata nel 1878 all'interno della divisione Consumer & Industrial. Con un fatturato annuale di 13 miliardi di dollari e circa 300.000 collaboratori impiegati in oltre 100 paesi nel mondo, GE è uno dei leader mondiali nel settore elettrodomestici ed illuminazione.
La Filometallica, fondata nel 1932, è un'azienda italiana specializzata nella produzione di sorgenti luminose quali lampade ad alogeni, fluorescenti e a scarica. Proprietaria dello storico marchio Imperia, La Filometallica distribuisce in Italia marchi stranieri come MegaMan, Feelux e Fooz.
Leuci, fondata a Lecco nel 1919, è specialista nella produzione e commercializzazione di lampade e apparecchi di illuminazione. Con un fatturato di oltre 52 milioni di euro, Leuci produce oltre 140 milioni di pezzi ogni anno commercializzati in Italia e nei maggiori mercati esteri.
Osram, il cui marchio è stato registrato a Berlino nel 1906, è una delle più antiche aziende di sorgenti luminose in Europa. Oggi Osram è una multinazionale nel settore illuminotecnico con più di 38.000 collaboratori in tutto il mondo ed un fatturato complessivo nel 2005 di 4,3 miliardi di euro.
La Royal Philips Electronics è una delle più grandi società al mondo nel settore elettronico con 159.200 dipendenti in oltre 60 paesi. In Italia dal 1923, Philips conta oggi 1.100 dipendenti e un fatturato di oltre un 1 miliardo di euro.
L'azienda Nord Americana Sylvania, con sede in Massachusetts, è oggi tra i principali produttori al mondo di sorgenti luminose operando in oltre 100 paesi.
L'inizio delle attività di raccolta e recupero da parte dei sistemi collettivi, inizialmente prevista dal Decreto 151/2005 per il 13 agosto 2006, è stata prorogata al 31 dicembre 2006 per la necessità di procedere con l'emanazione dei Decreti ministeriali. La mancata emanazione dei Decreti attuativi previsti dal Decreto n. 151/05 ha determinato una seconda proroga al 30 giugno 2007.
Il consorzio Ecolamp è attualmente impegnato nel perfezionamento del sistema di raccolta con l'obiettivo di diventare subito operativo non appena la normativa sui RAEE entrerà in vigore.

Per informazioni:
Hill&Knowlton Gaia
Giorgio Scappaticcio 06-441640309
 scappaticciog@hkgaia.com
Andrea Pietrarota
06-441640327
/ 335-5640825
pietratoraa@hkgaia.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl