Stop alla tecno-spazzatura: Ore contate per i RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) in Italia.

08/mag/2007 13.02.00 Andrea Pietrarota Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Sta per diventare operativo in Italia il D.Lgs.151/05 di recepimento delle Direttive Ue in merito alla gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, in sigla RAEE.



 
 La Normativa sui RAEE
·    Il 2007 vedrà l'entrata in vigore di una nuova legge, il Dlgs 151/05, che regola la raccolta e il riciclo dei prodotti elettrici ed elettronici, con una serie di ripercussioni, economiche e non, per tutti i soggetti del mercato: dai produttori ai consumatori finali. Questa nuova legge introduce il concetto di "responsabilità dei produttori" per i prodotti immessi nel mercato, che sono così chiamati ad implementare e gestire un sistema di raccolta dei prodotti a fine vita, e la possibilità per i cittadini di consegnare gratuitamente, presso il punto vendita, i vecchi prodotti elettrici a fronte di un nuovo acquisto;
·    L'entrata in vigore di questa Normativa andrà a coinvolgere un range di prodotti pressoché infinito che comprende al suo interno frigoriferi, lavatrici, computer e monitor, tv, radio e prodotti di illuminazione; ovvero sostanzialmente tutti quei prodotti che utilizzano circuiti elettrici per funzionare;
·    Il Decreto Legislativo che recepisce la Direttiva sul riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è il 151 del 2005, la cui entrata in vigore è già stata prorogata 2 volte. L'ultima proroga risale al dicembre scorso e dà come termine ultimo luglio 2007, previa - però - emanazione dei principali decreti attuativi. Questi decreti, usciti dal Ministero dell'Ambiente hanno recentemente ricevuto il parere favorevole anche da parte degli altri Ministeri competenti (Ministero dell'Interno, Min. delle Finanze, Min. della Salute, e per ultimi i Ministeri dello Sviluppo Economico e dei Trasporti) e sono attualmente al vaglio della conferenza Unificata Stato-Regiorni
·    Con questo passaggio di consegne si concludono di fatto le fasi più impegnative dell'iter legislativo. L'approvazione ai Decreti da parte della Conferenza unificata, prevista a meno di ulteriori sorprese per fine aprile, aprirebbe la strada alla pubblicazione dei Decreti sulla Gazzetta Ufficiale e all'inizio operativo del sistema RAEE.
·    A spingere perché si accelerino i tempi, o quanto meno non si dilatino ulteriormente, sono entrati in gioco persino la Camera dei Deputati e gli stessi produttori di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). La Commissione Ambiente della Camera ha approvato all'unanimità a metà marzo una risoluzione che impegna il Governo alla pubblicazione dei Decreti in materia di riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). entro i tempi previsti dal Decreto 300/2006;
 
Il ruolo dell'industria
L'industria e i Produttori di AEE si stanno muovendo per evitare di farsi trovare impreparati all' entrata in vigore del sistema di raccolta e trattamento dei RAEE. Ad oggi sono nati 9 consorzi di produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche proveniente da utenze "domestiche" ed è probabile che qualche altro consorzio si aggiunga ancora nei prossimi mesi.
A questo proposito, in anticipo rispetto a quanto previsto dalla Normativa stessa, nel mese di marzo è stato costituito il Centro di Coordinamento: l'organismo multi-consortile con il compito di "ottimizzare le attività di competenza dei sistemi collettivi di gestione dei RAEE" e rappresentare i consorzi dei RAEE domestici nei confronti degli interlocutori di riferimento. Il primo atto del nuovo organismo è stata l'elezione del presidente Giorgio Arienti (di Ecodom) e del comitato esecutivo, composto da 5 membri eletti direttamente dai consorzi stessi:  Danilo Bonato (di Re.Media), Paolo Colombo (di Ecolamp), Umberto Raiteri (di ERP) e Giuliano Maddalena (di Ecoped / Ridomus).
I compiti del Centro di Coordinamento sono:
·     coordinare l'azione dei diversi Sistemi Collettivi per garantire un servizio omogeneo sull'intero territorio nazionale;
·     raccogliere le richieste di servizio provenienti dai Centri di Raccolta ed inoltrarle ai Sistemi Collettivi;
·     fornire informazioni aggiornate agli Organismi di controllo.
 
 
I principali Sistemi Collettivi RAEE
 
Ad oggi, i Produttori di Apparechiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) hanno dato vita ad una serie di Sistemi Collettivi, alcuni dei quali specifici per tipologia di prodotti (rifiuti) e altri trasversali a tutti i RAEE.
 
Di seguito elenchiamo una rapida panoramica dei Sistemi Collettivi volontari e senza fini di lucro nati in risposta alla Normativa sui RAEE:
 
ECODOM
Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici, costituito dai principali Produttori che operano nel mercato italiano dei grandi elettrodomestici (frigo, cottura, lavaggio, cappe e scalda-acqua).
 
ECOLAMP
Consorzio per il recupero e lo smaltimento delle sorgenti luminose e degli apparecchi di illuminazione.
 
RE.MEDI@
Consorzio operante nei settori dell'elettronica di consumo, dell'informatica, delle telecomunicazioni, della climatizzazione, dei giocattoli, degli strumenti musicali e degli orologi.
 
ERP
European Recycling Platform è un società attiva già in altri Paesi UE per la gestione di tutte le tipologie di RAEE.
 
ECOLIGHT
Consorzio per il recupero e lo smaltimento delle apparecchiature di illuminazione e delle sorgenti luminose.
 
ECOPED
Consorzio per il trattamento dei piccoli elettrodomestici.
 
EcoR'it
Consorzio per la gestione di tutte le tipologie di RAEE.
 
RIDOMUS
Consorzio per il recupero e lo smaltimento di condizionatori, climatizzatori e deumidificatori ad uso domestico.
 
ECOSOL
Consorzio per la gestione di tutte le tipologie di RAEE.


Tra i suddetti Sistemi Collettivi della "filiera RAEE"   si distinguono come già pronti per diventare pienamente operativi, Ecodom, Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici ed Ecolamp, (qui invece metterei tutti quelli già operativi o nessuno) Consorzio per il Recupero e lo Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione.
Il primo, Ecodom, è il Consorzio competente di circa il 70% degli elettrodomestici bianchi, ossia quasi la metà di tutti i RAEE in peso (tra cui frigoriferi, congelatori etc). il secondo, Ecolamp, ha una delle attività più delicate perché, occupandosi delle moderne lampade a basso consumo energetico ed apparecchiature luminose, è chiamato a gestire e trattare rifiuti pericolosi (come le polveri fluorescenti e il mercurio presenti all'interno delle lampade a risparmio energetico) per l'ambiente e la salute collettiva.

Come funzionerà a livello operativo la raccolta dei RAEE
·    Le piazzole ecologiche messe a disposizione dai comuni riceveranno i RAEE dai cittadini e della distribuzione. Una volta raccolta, il Centro di Coordinamento istituito presso i consorzi dei produttori smisterà i "ritiri" dei RAEE dalle piazzole da parte dei singoli consorzi sulla base ad un sistema "algoritmico" che terrà conto della tipologia di RAEE trattati da ogni consorzio e delle loro quote di mercato;
·    I Consorzi dei produttori sosterranno i costi della logistica, dalle piazzole in poi, e i costi del riciclo. Saranno i Consorzi ad attivare contratti con le imprese private di trasporto e con gli impianti di riciclo, e a garantire l'effettivo riciclo. In questo senso i produttori si sostituiscono ai comuni nella gestione/smaltimento/riciclaggio dei rifiuti elettrici ed elettronici;
·    i cittadini potranno conferire i RAEE presso le piazzole ecologiche e anche presso la distribuzione (qualora acquistino un prodotto nuovo equivalente);
·    il finanziamento del sistema verrà assicurato da un eco-contributo che verrà applicato su tutti i prodotti nuovi, e che potrà essere reso visibile (dunque separato dal prezzo del prodotto) oppure invisibile, ovvero incluso nel prezzo totale.
·    
   I numeri
L'entrata in vigore della Normativa sui RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) coinvolge     uno dei settori più importanti dell'economia nazionale. Ad oggi:
·    11.000 le aziende in Italia che producono apparecchiature elettriche ed elettroniche;
·    Un fatturato annuo di 32 miliardi di euro;
·    212.000 addetti ai lavori - secondo per dimensioni alla sola industria automobilistica;
·    40 gli impianti di riciclo dei RAEE attivi in Italia (considerando tutte le tipologie dei RAEE);


UFFICIO STAMPA:
Andrea Pietrarota
Hill & Knowlton Gaia
p:   06 441640327
m:  335 5640825
pietrarotaa@hkgaia.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl