Iniziativa di Anima e Pentapolis sulla violenza nelle immagini - Roma, 3 luglio 2007

Iniziativa di Anima e Pentapolis sulla violenza nelle immagini - Roma, 3 luglio 2007 INVITO Con il patrocinio delMinistero delle Comunicazioni LA VIOLENZA NELLE IMMAGINIDirettive e iniziative per la tutela e l'educazione dei minori dai linguaggi violenti e responsabilità sociale del settore dell'entertainment video MARTEDI' 3 LUGLIO Biblioteca del CNEL, Via Davide Lubin 2 - ROMA ore 10,30 - 13,30 A 6 mesi dall'appello contro la violenza nei videogame,Pentapolis e Anima promuovono un dibattito sugli indirizzi politici e di Governo, e sui provvedimenti realizzati e in itinere in Italia e in Europa, allargando il tema all'aspetto, più generale, della violenza nelle immagini e nei linguaggi dei prodotti di entertainment video destinati ai ragazzi.

21/giu/2007 18.03.00 Andrea Pietrarota Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




INVITO
                                                                 
Con il patrocinio del
Ministero delle Comunicazioni
LA VIOLENZA NELLE IMMAGINI

Direttive e iniziative per la tutela
e l'educazione dei minori dai linguaggi violenti
e responsabilità sociale del settore dell'entertainment video

MARTEDI' 3 LUGLIO
Biblioteca del CNEL, Via Davide Lubin 2 - ROMA
ore 10,30 - 13,30


A 6 mesi dall'appello contro la violenza nei videogame,
Pentapolis e Anima promuovono un dibattito sugli indirizzi politici e di Governo, e sui provvedimenti realizzati e in itinere in Italia e in Europa, allargando il tema all'aspetto, più generale, della violenza nelle immagini e nei linguaggi dei prodotti di entertainment video destinati ai ragazzi.
Videogame, cinematografia, Internet, televisione, cellulari: un media mix importante nella formazione e nell'educazione dei ragazzi, nel quale però appare in aumento la quantità di violenza nei contenuti. O
ccorre riflettere sui potenziali effetti negativi di una eccessiva esposizione dei ragazzi a stimoli violenti e diseducativi. Occorre ragionare insieme - Istituzioni, esperti, associazioni, mondo politico, imprese - sulla necessità di offrire a bambini e ragazzi strumenti positivi per una crescita equilibrata dal punto di vista psicologico e sociale.
Ne parleremo martedì 3 luglio, dalle ore 10,30 alle 13 presso la Sala Biblioteca del CNEL e l'incontro costituirà una tappa importante verso
il Forum della Comunicazione Responsabile - Premio Aretè del prossimo autunno a Roma.

Modera: Ilaria Catastini, coordinatrice dell'iniziativa per Anima e Pentapolis
Introduce: Maria Cristina Selloni, Vice Capo Gabinetto del Ministero delle Comunicazioni

Intervengono: Adriana Bizzarri, CittadinanzAttiva; Mussi Bollini, RAI3 Bambini/Ragazzi; Daniela Brancati, Giornalista e scrittrice; Alberto Contri, Fondazione Pubblicità Progresso; Marina D'Amato, Università RomaTre; Andrea Granelli, Ministero dei Beni Culturali; Marida Lombardo Pijola, giornalista, autrice del libro "Ho 12 anni, faccio la cubista, mi chiamano Principessa"; Thalita Malagò, Associazione Editori Software Videoludico ; Elisa Manna, Censis; Roberto Marchionni, Saatchi & Saatchi; Angela Nava, Associazione Genitori Democratici; Valerio Neri, Save the Children; Giovanni Maria Pirone, Istituto Italiano di Medicina Sociale; Caterina Torcia, Vodafone.

Presentazione quarta edizione Premio Areté: Enzo Argante, Presidente di Pentapolis e Direttore di Tempo Economico

Concludono: Prof. Mario Morcellini, Preside Facoltà di Scienze della Comunicazione - La Sapienza; On. Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati; Sen. Anna Serafini, Presidente della Commissione Bicamerale per l'Infanzia.

L'appello promosso nel novembre scorso da Anima per il sociale nei valori d'impresa e da Pentapolis, contro la violenza nei videogame ha raccolto 1200 firme, di personalità del mondo politico, imprenditoriale e manageriale, della pubblica amministrazione, dello spettacolo, della cultura, del giornalismo, dell'educazione, dell'associazionismo e della società civile. Éstato il segnale di una forte attenzione rispetto ad un tema che è sotto gli occhi di tutti: quello di una società e di un sistema economico che spesso non riescono ad offrire a bambini e giovani strumenti corretti e sani di crescita e che tendono a far prevalere le ragioni del business su quelle della responsabilità sociale e della collettività. Le firme raccolte sono state inviate lo scorso dicembre alle associazioni dei produttori e dei distributori di videogames, ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente del Consiglio dei Ministri e consegnate in occasione di un dibattito alla Camera dei Deputati al Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni e all'On. Ermete Realacci, primo firmatario di un'interrogazione sul tema.

RSVP: PENTAPOLIS - Alessandra Guerra <guerra@pentapolis.it> tel. 02.454.95.135
UFFICIO STAMPA - Nicoletta Vulpetti vulpettin@hkgaia.com tel. 340/6730754










blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl