Omaggio a Colomba Antonietti 2017

08/giu/2017 12:07:35 Cinzia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

13 giugno 2017, ore 17

 

Omaggio a Colomba Antonietti

nel 168° anniversario della sua morte

 

                      Roma, Passeggiata del Gianicolo

Busto dell’eroina

 

 

h. 17.00 Saluti e breve introduzione di Annalisa Venditti.

 

h. 17. 15 “Le donne della Repubblica Romana”, a cura di Cinzia Dal Maso.

 

h. 17.30  Paola Sarcina. direttore artistico del festival internazionale Cerealia, leggerà un brano tratto da “La Italia. Storia di due anni 1848 - 49” di Candido Augusto Vecchi, testimone oculare della morte di Colomba.

 

h. 17.45 Torna il pane di Colomba: un ringraziamento al panificio Panella che ha realizzato per Cerealia un pane in omaggio a Colomba Antonietti, figlia di un rinomato fornaio di Foligno.

Anche quest’anno, infatti, l’Omaggio a Colomba è inserito in Cerealia, il festival ispirato ai riti delle Vestali e ai Ludi di Cerere ed esteso a tutti i paesi del bacino del Mediterraneo.

 

h. 18.00  Assegnazione del Premio Colomba Antonietti.

Specchioromano.it, rivista telematica di cultura,  ha stabilito di conferire ogni anno un riconoscimento a due donne che si siano distinte per il loro impegno nello studio e nella diffusione della storia e degli ideali risorgimentali.

In questa edizione, le targhe saranno consegnate a Mara Minasi, responsabile del Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina e a Maria Antonietta Grima Serra, presidente dell’Associazione Nazionale Garibaldina.  

La nota stilista romana Vanessa Foglia, ideatrice del marchio Abitart, da anni impegnata nel sociale e nella valorizzazione culturale, ha creato un foulard dedicato a Colomba Antonietti, per offrirlo alle premiate come simbolo della femminilità combattente dell’eroina.

 

h. 18,15  Deposizione di un mazzo di rose ai piedi del busto di Colomba.

 

  

Una storia da ricordare

 

Il 13 giugno del 1849 la Repubblica Romana aveva i giorni contati. Fin dalle prime ore del mattino l’artiglieria francese del generale Oudinot aveva iniziato un incessante bombardamento delle mura gianicolensi, per aprirvi delle brecce. Il punto più bersagliato era il sesto Bastione, quello che si vede ancora oggi in largo Giovanni Berchet. Proprio qui, intorno alle sei del pomeriggio, una palla di cannone rimbalzava sul muro e feriva orribilmente un giovane soldato che spirava di lì a poco, per un’emorragia inarrestabile. Un ufficiale, il conte Luigi Porzi, si gettava su quel corpo in preda alla più profonda disperazione: il soldato era sua moglie, Colomba Antonietti, che nonostante i suoi 22 anni da tempo combatteva insieme al marito in abiti virili. Una vicenda di vero patriottismo, ma anche una struggente storia d’amore tra la figlia di un fornaio e un nobile cadetto pontificio, che si erano sposati andando contro le convenzioni sociali dell’epoca.

 

 

 

Info: Ufficio stampa Praxilla    328.7690756

 

                                                  328.9110434

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl