Big Red, tapiro al Gabibbo... e L'Espresso ignora l'Antiplagio

Big Red, tapiro al Gabibbo... e L'Espresso ignora l'AntiplagioANTIPLAGIO: GABIBBO COPIA DI BIG RED SULL'ESPRESSO

03/gen/2004 18.53.55 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ANTIPLAGIO: GABIBBO COPIA DI BIG RED SULL'ESPRESSO 
Gabibbo = Big Red
Telefono Antiplagio, che ha scoperto il tarocco del secolo, non viene neanche citato... in nome della completezza dell'informazione. Complimenti all'Espresso! Sarebbe stato sufficiente curiosare un po' in internet: www.striscia.org ..

Attualità STAR TV / CLONI IN TRIBUNALE
Un Tapiro al Gabibbo - di Francesco Bonazzi
Una squadra di basket Usa accusa 'Striscia' di avere copiato il pupazzo dalla loro mascotte.
E vuole sapere quanto ha guadagnato finora per chiedere un risarcimento

Per prima cosa fateci vedere tutte le fatture del Gabibbo dal 1991 a oggi e poi, forse, ne riparliamo. Con queste parole, i rappresentanti della squadra di basket Western Kentucky University (Wku), madrina della mascotte Big Red della quale il Gabibbo sembra il gemello, hanno gelato i legali della Mediaset. Teatro dello scontro è il tribunale di Lugo (Ravenna), dove il 21 novembre è fallita l'ipotesi di un accordo tra le parti. E così, il prossimo 3 marzo, sarà un giudice a decidere questa singolare causa civile tra pupazzi che muovono milioni di euro.

Tutto comincia un anno fa, quando a denunciare per plagio il Gabibbo sono la Wku, l'inventore di Big Red, Ralph Karey, e la società ravennate Adfra di Gianfranco Strocchi, il talent-scout che registrò l'antifurto Bullock. Sul fronte opposto, per tutelare il pupazzo di 'Striscia la notizia', si costituiscono in giudizio Fininvest, Mediaset, Rti, Copy (la società di Antonio Ricci) e Giochi Preziosi, che ha il merchandising del Gabibbo. Nel 2002, Strocchi acquista negli Usa i diritti per l'Italia di 55 mascotte universitarie, tra le quali Big Red. Si tratta di un grasso pupazzo rosso con occhi e sopracciglioni neri che si agita a bordo campo, guidando i tifosi della Wku. A guardare le sue foto, sembra proprio il clone del Gabibbo. Solo che Ralph Karey lo ha disegnato nel 1979 e da oltre vent'anni Big Red è anche una star del canale tv di sport ESPN. Mentre il Gabibbo, instancabile telefustigatore di truffe e ingiustizie varie, è nato solo nel 1991. Tra le carte portate a Lugo, i legali di Wku (lo studio Mondini di Milano) hanno presentato un'ampia raccolta di fotografie di Big Red e i bozzetti preparatori di Karey. Ma quella che rischia di essere la prova regina è la fotocopia di un'intervista di Ricci a 'Novella' del 16 febbraio 1991. Esaltato dal successo del Gabibbo, il patron di 'Striscia' racconta la sua genesi: "Tutto è cominciato con una foto. C'era questo pupazzo, Big Red, che faceva la mascotte di una squadra di basket in America, la Western Kentucky University. Gioca in tornei minori, ma il pupazzo era simpatico... Così Big Red è diventato il Gabibbo".

Adfra, nel frattempo, ha già messo il logo di Big Red sui giubbotti catarifrangenti per automobilisti obbligatori dal prossimo anno. E ha pianificato una campagna pubblicitaria imponente. Una prima pagina di pubblicità del solo Big Red è stata fatta uscire a gennaio su 'il Giornale' di Paolo Berlusconi. Sotto il titolo: 'Mi chiamo Big Red' campeggia una foto del simil-Gabibbo yankee e il messaggio si chiude con un criptico: 'Arrivederci a presto'. A ottobre è partita la campagna dei giubbotti, con esordio su 'Panorama'.

I legali di Mediaset hanno provato a dividere il fronte dei denuncianti proponendo ad Adfra un accordo di pacifica convivenza tra Gabibbo e Big Red. I due pupazzi potrebbero continuare a fare ognuno i propri affari, facendo attenzione a non farsi concorrenza. Big Red, ad esempio, dovrebbe evitare di pubblicizzare (come sta facendo) il suo servizio di soccorso stradale, che ricorda abbastanza lo 'Sos Gabibbo', in onda ogni sera alla fine di 'Striscia'.

La settimana scorsa, Adfra è stata tentata dalla proposta dei legali Mediaset, ma alla fine ha deciso di non rompere il fronte con gli americani. I quali vogliono sapere con esattezza quanto Mediaset e i suoi partner abbiano guadagnato in questi 12 anni di utilizzo a loro dire 'abusivo' del Gabibbo, per quantificare il risarcimento. Di fronte alla richiesta di esibire le fatture, la bozza di transazione è però sfumata. E così, come non bastasse il sorpasso operato da Paolo Bonolis ai danni di 'Striscia', ora su Ricci pende anche il rischio di perdere il 'suo' Gabibbo per sequestro giudiziario.

www.striscia.org
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl