L'artista Sovranista

17/giu/2019 10:20:39 Cinzia Bau Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
In un momento storico per la libertà di espressione globale, Tonietto Luisa Albachiara, artista di fama internazionale, ci racconta l'epoca attuale e i fatti che ci circondano, in modo del tutto originale, esplosivo e irriverente. Definita dalla critica l'Artista Sovranista.

In un momento storico per la libertà di espressione globale; in un paese come l'Italia, che si trova al 47 posto per libertà di stampa (graduatoria di Rsf); in un epoca in cui assistiamo inermi a continue e ripetute violazioni estreme dei diritti umani e della libertà di informazione, culminate recentemente con l'arresto di Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks,
rimangono pochi coloro che riescono ad affermare e sostenere i principi della libertà di manifestazione del pensiero o libertà di coscienza che è un diritto fondante riconosciuto in tutte le moderne costituzioni, ma mai come in questo momento, in pericolo.

Si chiama Tonietto Luisa Albachiara, e dipinge da quando era bambina. Ha iniziato con l'arte nella sua forma più classica, fino ad arrivare alle sue ultime opere, tecnicamente molto complesse, alla quale ha associato immagini grafiche che vengono codificate dal fruitore in modo immediato e intuitivo.

I suoi dipinti sono esposti in molte gallerie e vanno a ruba tra i collezionisti.
Caratterizzati da una visione scarna e un approccio molto diretto, profondamente incisivi e quasi brutali, raccontano con coraggio quella realtà che spesso non ci viene raccontata , o che ci viene raccontata a metà...

Artista a tutto tondo, vive dentro ad una Riserva Naturale assieme a famiglia e tanti piccoli Gatti Leopardi;
ha esposto in tutto il mondo ma non ama i riflettori, anche se risulta molto abile nello stringere relazioni, grazie al suo linguaggio umile e amichevole, colto ma mai presuntuoso.

E' una leader nel lavoro, nella vita privata e anche per telefono....


Lei è la voce del popolo, rappresenta la verità percepita , reale e vissuta, non quella manipolata dai media.

Ecco come si è presentata a noi, in una lunga telefonata con la nostra redattrice Camilla Bortignon. Ve ne riportiamo un estratto.

"I giornalisti hanno sempre meno libertà, i politici sono sempre più corrotti, e il popolo si sente sempre più depredato di tutti i fondamentali diritti umani e della propria libertà".

Parole dure quelle dell'artista Tonietto Luisa Albachiara, che da sempre si schiera dalla parte dei deboli e degli indifesi raccontando con le sue opere un mondo senza censura e senza veli:

"Il mondo è in agonia. La pace ci sta sfuggendo dalle mani;
il pianeta viene distrutto in modo sempre più irresponsabile e irreversibile;
i popoli vivono nell' incertezza del domani;
le comunità vivono in modo sempre più reciprocamente estraneo;
i bambini vengono uccisi;
la natura si sta ribellando e il nuovo sistema globale che ci sta rendendo dei sottoprodotti privi di diritti ma sopratutto privati della "gioia di vivere"...

Tutto ciò è orribile, insensato.

Come artista, come cittadina, come madre, non posso accettare tutto questo"

Io condanno la miseria che soffoca la vita; la fame che ammazza;
le disuguaglianze economiche che minacciano quasi tutta la popolazione mondiale a vantaggio dei pochi....

"Condanno il disordine sociale; l'ingiustizia della giustizia, l'anarchia che invade le nostre Comunità.

In particolare condanno l'aggressione e l'odio in nome di Dio."

Questo schifo deve cessare.

Dobbiamo cambiare rotta, dobbiamo ritornare ad avere rispetto per la comunità degli esseri viventi intesi come uomini, animali e piante;
e avere cura della salvaguardia della terra, dell'aria, dell'acqua e del suolo.

Abbiamo la responsabilità individuale di tutto ciò che facciamo, perchè tutte le nostre decisioni, azioni e omissioni, hanno delle conseguenze.

Dobbiamo comportarci con gli altri come vogliamo che gli altri si comportino con noi.

Dobbiamo rispettare la vita e la dignità, l'individualità e la diversità, così che ogni persona venga trattata in maniera umana, senza eccezioni.

Non possiamo dimenticare mai i bambini, gli anziani, i poveri, i sofferenti, gli handicappati, i rifugiati e le persone sole.

Dobbiamo impegnarci in favore di una cultura della non violenza, del rispetto, della giustizia e della pace.

Per ottenere questo, dobbiamo superare il predominio della sete di potere, prestigio, denaro e consumo, al fine di creare un mondo giusto e pacifico.

Ecco perché nei miei dipinti ritraggo tutto ciò che sta portando la nostra terra alla distruzione: l'inquinamento, lo spaventoso ristagno di problemi globali irrisolti, la paralisi politica, la corruzione ad ogni livello, un ceto politico senza intelligenza e prospettive, lo strapotere finanziario, in generale un troppo scarso senso del bene comune.

Centinaia di milioni di persone del nostro pianeta sono sempre più vittime della miseria, della fame, della distruzione delle famiglie e dell'ambiente in cui vivono.

E i poteri forti cosa fanno?
Invece di cercare un equilibrio tra i popoli e la loro pacifica convivenza , pianificano la riduzione della popolazione attraverso modalità non note, o quasi....

Mi dispiace ma non ci sto.

Lo sono sempre stata e sempre lo sarò, l'eccezione."

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl