ANTIPLAGIO : Big Red - Gabibbo una brutta storia!

01/mar/2004 05.42.41 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa di Telefono Antiplagio 338.8385999 www.antiplagio.org - Comitato di volontariato in difesa delle vittime dei ciarlatani e contro gli abusi nelle telecomunicazioni e nei confronti dei minori

  Mercoledi' 3 marzo p.v. si tiene il processo contro Antonio Ricci & c. per il plagio della mascotte USA 'Big Red', scoperta dal nostro comitato di volontariato, ribattezzata 'Gabibbo'. Questa e' la cronologia dei fatti.

  CRONISTORIA BIG RED/GABIBBO
  1988 - Nasce Telefono Antiplagio (T.A.), opera solo in Sardegna.
  1990 - Dicembre, un volontario di T.A. scrive ai quotidiani e periodici di aver scoperto che il Gabibbo, comparso da un paio di mesi a Striscia la Notizia, e' plagiato dalla mascotte americana Big Red.
  1991 - Febbraio, Antonio Ricci, intervistato da Novella 2000, ammette che per dare vita al Gabibbo ha preso spunto da Big Red.
  1992 - Un cabarettista (piu' volte protagonista di Drive In e Striscia) conferma a T.A. che Antonio Ricci gli ha detto, alla fine del '90, di aver adottato Big Red, rinominandolo Gabibbo.
  1994 - T.A. inizia a operare in tutta Italia.
  1997 - Nasce il sito internet di T.A.
  1999 - Striscia consegna il tapiro a Adriano Celentano (Rai 1) per la pubblicita' occulta di un'acqua minerale - T.A. segnala a Striscia che le pubblicita' occulte del programma Ok, il prezzo e' giusto (Mediaset) sono molto piu' evidenti, ma Antonio Ricci fa finta di nulla.
  2001 - T.A., dopo la denuncia di un cittadino, sostiene che i servizi di Striscia contro i benzinai siano una bufala - Striscia smentisce e decide di intervistare i responsabili di T.A., censurando il 75% delle loro risposte (come dimostrato nel sito www.antiplagio.org/maidireitalia/striscia.htm ).
  2001 - Striscia attacca Wanna Marchi & c., ma nello stesso periodo reclamizza un prodotto dai poteri magici e ignora i ciarlatani pubblicizzati da Mediaset - T.A. segnala all'Antitrust il prodotto in questione, che viene condannato per pubblicita' ingannevole - Striscia promette un'indagine su quel prodotto, ma non mantiene la promessa.
  2002 - Antonio Ricci e Piersilvio Berlusconi querelano T.A. per aver diffuso la notizia della condanna dell'Antitrust - T.A. pubblica nel nuovo dominio striscialanotizia.net, Osservatorio televisivo e sito parodia di Striscia, le contraddizioni di Antonio Ricci, tra cui la clonazione di Big Red, la condanna dell'Antitrust e un servizio taroccato contro un antifurto per auto, senza che i produttori possano replicare.
  2002 - L'inventore dell'antifurto criticato, Gianfranco Strocchi (titolare della societa' Adfra), ringrazia T.A. per la difesa disinteressata, dopodiche' decide di acquistare i diritti di Big Red per l'Italia e l'Europa e denunciare la societa' di Ricci (Copy) per plagio; Strocchi pero' non riconosce a T.A. la fonte e la paternita' della scoperta di Big Red, nonostante la notizia sia di dominio pubblico su internet.
  2002 - Anche gli americani denunciano la Copy e Mediaset, chiedendo un risarcimento di 250 milioni di dollari, e Mediaset denuncia T.A. per il dominio striscialanotizia.net, chiedendone la chiusura (con procedura d'urgenza) e un risarcimento di 50.000 euro - Su Mediaset appaiono, inaspettatamente, le pubblicita' dell'antifurto stroncato da Striscia.
  2003 - T.A. apre altri due siti critici su Striscia, www.striscia.org e www.striscia.tv - Su alcuni giornali (e in seguito in tv) compare la pubblicita' del giubbetto rifrangente denominato 'Big Red pronto intervento', in vendita a 19 euro, paragonabile a 's.o.s. Gabibbo'.
  2004 - Antonio Ricci dichiara al New York Times che nel '91, quando ha detto a Novella 2000 di aver adottato Big Red, stava scherzando.
  2004 - 3 marzo p.v. a Lugo di Romagna si tiene la causa (con procedura d'urgenza) di Big Red contro Antonio Ricci & c., le possibili soluzioni sono: 1) il giudice riconosce il plagio e condanna Striscia a mandare in pensione il Gabibbo e Mediaset a pagare i danni; 2) il plagio c'e', ma la condanna si limita al pre-pensionamento del Gabibbo; 3) il plagio e' evidente, ma i due pupazzi possono coesistere, anche se Mediaset dovra' pagare i danni per i 14 anni di vita e telepromozioni del Gabibbo; 4) il plagio non esiste, Big Red e Gabibbo possono convivere, non viene riconosciuto alcun risarcimento alla mascotte USA.
  Un fatto, invece, e' certo: l'opera di sciacallaggio e strumentalizzazione che in questa brutta storia e' stata messa in atto, per il business di qualcuno, nei confronti di Telefono Antiplagio (comitato di volontariato) e' disgustosa.
  Ufficio Stampa Antiplagio 338.8386000
  1/3/04
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl