Il Comune di Verona non vuole la bandiera della pace

25/set/2008 17.23.16 Movimento Nonviolento Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Bandiera della Pace. L’Assessore Di Dio si informi meglio,

e poi si vergogni e chieda scusa ai Comboniani e ai pacifisti.





L’Assessore Di Dio non vuole vedere le bandiere della pace in Piazza

Brà. Nemmeno se a issarle sono persone al di sopra di ogni sospetto come

i padri Comboniani, che insieme al Centro Missionario Diocesano hanno

preparato la "Carovana della pace", di passaggio a Verona. Per

l’assessore quelle sono bandiere sovversive. Certamente è male

informato. Forse conviene ricordagli la vera storia di quel vessillo.



La prima bandiera della pace con i colori dell’arcobaleno, in Italia, fu

cucita a mano con pezze che c’erano in casa alla vigilia della prima

marcia Perugia-Assisi il 24 settembre 1961.

Aldo Capitini, filosofo, fondatore del Movimento Nonviolento e ideatore

della prima grande Marcia pacifista, voleva un simbolo per la pace, ma

tutte le altre bandiere significavano già qualcosa. Quella contro la

guerra secondo lui doveva avere tutti i colori dell’internazionale dei

popoli, tutti i colori del mondo. Fu una bimba che allora aveva 12 anni,

Francesca Siciliani, figlia del noto maestro musicale, a cucire quella

prima bandiera, ancor oggi conservata a Todi, nella casa di Lanfranco

Mencaroni, amico e compagno di Capitini.

"Le bandiere hanno il colore dell’arcobaleno, ma il richiamo alla natura

ha un significato: l’arcobaleno questa volta lo vogliamo prima della

tempesta, non dopo", scrisse quel giorno Gianni Rodari, uno dei 30mila

pacifisti in marcia, con un esplicito riferimento al versetto della

Genesi in cui Dio suggella la sua alleanza con gli uomini dopo il

diluvio universale. Anche Bruno Munari, artista e designer, suggerì a

Capitini di usare l’iride per la marcia Perugia-Assisi. Disse che

l’archetipo della pace era l’arcobaleno, simbolo insieme di pluralità e

di unità.

Aldo Capitini aveva già visto sventolare quella bandiera dai pacifisti

stranieri. La vide usata da Bertrand Russel in Inghilterra per la

campagna sul disarmo nucleare all’inizio del 1960. L’arcobaleno indicava

la pace dopo la tempesta della Seconda guerra mondiale e la speranza di

un mondo senza armi nucleari. Fu così che la bandiera della pace iniziò

a diffondersi in Italia…



…fino ad oggi, quando un assessore del Comune di Verona decide di

vietarla… alla faccia di Capitini, di Rodari, di Munari, di Russel.

Non prova nemmeno un po’ di vergogna il povero Di Dio?



Mao Valpiana

Movimento Nonviolento

Verona



25.09.2009

--

_____________________

Movimento Nonviolento

via Spagna, 8

37123 Verona



tel. 045 8009803

Fax 045 8009212



sito: www.nonviolenti.org





War is over (John Lennon)



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl