L’avvelenamento da marijuana e da hashish non va sottovalutato

09/set/2020 23:53:54 Celebrity Centre Firenze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Non si scherza con la droga, e neppure con le droghe cosiddette “leggere”. L’hashish è una droga derivata della cannabis, simile alla marijuana ma più concentrata. È sempre più diffusa l’abitudine di usare tale droga come ingrediente per cucinare, in Colorado ci sono centinaia e centinaia di negozi dove è possibile acquistare legalmente una grande varietà di cibo contenente marijuana e altre resine simili allo hashish.

In trentino un uomo aveva cucinato una torta aggiungendo hashish come ingrediente, senza dirlo agli ospiti. Una sua parente, inconsapevole del contenuto tossico, ne ha mangiato una fetta e lo scherzo si è rivelato drammatico: la serata è finita al pronto soccorso con vertigini, tachicardia, rallentamento generale, vista appannata.

La donna se l’è cavata, ma l’uomo ha ricevuto una visita dei cani antidroga e una denuncia per lesioni aggravate. In casa è stato trovato un “grinder”, un attrezzo usato da tossicodipendenti e spacciatori per preparare la sostanza stupefacente.

In Colorado, dove i derivati della cannabis sono legali, episodi come questo sono all’ordine del giorno. Dopo la legalizzazione di tali sostanze stupefacenti, si sono moltiplicate i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento, e le vittime sono molto spesso bambini e animali domestici.

È evidente che la nostra società si deve prendere cura dei propri cittadini per prima cosa informandoli sulla natura e sui rischi delle sostanze stupefacenti. Si tratta di veleni (anche le droghe leggere sono tossiche) che a lungo andare creano problemi di tutti i tipi, fisici e mentali.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl