FEDERCONTRIBUENTI: BENE LE NUOVE NORME BANKITALIA SUI MUTUI

Michela Russo che in una nota ribadisce che da oggi la norma impone alle banche di offrire anche prodotti targati BCE, ovvero condizioni ancorate ai parametri di indicizzazione della Banca Centrale Europea.

03/gen/2009 19.28.11 federcontribuenti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

  Non possiamo che salutare positivamente  la disposizione di Banca d'Italia relativa ad una piu' completa pubblicità sulle condizioni dei mutui mediante una nuova documentazione informativa circa le caratteristiche offerte dalle banche da inviare ai clienti esistenti e a disposizione di coloro che vorranno sottoscrivere un nuovo mutuo. Questo il giudizio del coordinamento dello Sportello Nazionale Utenti Bancari e del credito della Federcontribuenti, diretto dall'Avv. Michela Russo che in una nota ribadisce che da oggi la norma impone alle  banche di offrire anche prodotti targati BCE, ovvero condizioni ancorate ai parametri di indicizzazione della Banca Centrale Europea.Questa norma impone, dal 1° gennaio 2009, alle banche che offrono alla clientela mutui garantiti da ipoteca per l'acquisto dell'abitazione principale, di assicurare ai clienti la possibilità di stipulare tali contratti a tasso variabile indicizzato al tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale della Banca centrale europea (Bce). La ragione della norma è da ricercare probabilmente nella considerazione che le turbolenze finanziarie degli ultimi mesi del 2008 avevano provocato un tale sconquasso nel mercato interbancario (e cioè nelle relazioni finanziarie tra le banche) da rendere l'Euribor un parametro non più affidabile. Cosicché la legge ora impone, per i consumatori che lo desiderino, di ancorare il proprio mutuo al più stabile tasso Bce piuttosto che al più volatile Euribor. Novità della direttiva Bankitalia e che sia fornita alla clientela una informativa riguardante tutte le tipologie di mutuo offerte dalla banca stessa, che agevoli le scelte del cliente verso prodotti piu' confacenti alle sue esigenze. Sotto questo profilo, le banche dovranno indicare in modo chiaro le caratteristiche e i rischi tipici delle varie operazioni di mutuo proposte alla clientela, e cio' in modo tale da agevolare la comprensione delle principali differenze tra i diversi prodotti offerti. In particolare dovranno essere oggetto di pubblicizzazione, in relazione ai vari prodotti:
a) il tasso d'interesse (l'indicizzazione se si tratta di fisso o variabile; e in caso di tasso variabile, lo spread, il parametro di riferimento e l'ammontare del tasso al momento della pubblicità);
b) la durata minima e massima del mutuo;
c) le modalita' di ammortamento;
d) la periodicità delle rate.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl