Osservatorio Antiplagio news: le ''veline'' di Striscia la notizia aderiscono alla campagna Narconon di Scientology

Osservatorio Antiplagio news: le "veline" di Striscia la notizia aderiscono alla campagna Narconon di Scientology Osservatorio Antiplagio, blog di vigilanza sulla tv e sui media, rende noto che il 10 maggio scorso, a Brescia, le "veline" di Striscia la notizia, Costanza Caracciolo e Federica Nargi, hanno aderito alla campagna "Dico no alla droga", promossa dalla chiesa di Scientology attraverso il programma Narconon.

26/mag/2009 00.29.44 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Osservatorio Antiplagio, blog di vigilanza sulla tv e sui media, rende

noto che il 10 maggio scorso, a Brescia, le ''veline'' di Striscia la

notizia, Costanza Caracciolo e Federica Nargi, hanno aderito alla

campagna ''Dico no alla droga'', promossa dalla chiesa di Scientology

attraverso il programma Narconon. Come riportato nel sito Allarme

Scientology (http://xenu.com-it.net), Narconon e' un metodo

riabilitativo inadeguato per tossicodipendenti ed alcolisti: il cuore

dell'iniziativa si chiama "Purification Rundown" e viene reso

operativo con massicce dosi di vitamine e svariate ore di sauna al

giorno, per ripulire il corpo dai residui di droghe. Non esistono

prove scientifiche, ne' sperimentazioni, che testimonino l'efficacia

di Narconon. Ai ''pazienti'' viene detto che se dopo la

somministrazione riprendono a bere o a drogarsi, il trattamento non e'

stato completato. Nell'enciclopedia online Wikipedia

(http://it.wikipedia.org/wiki/Narconon) si legge che le pratiche

descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state

sottoposte alle verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico

o non le hanno superate. Pertanto potrebbero essere inefficaci o

dannose per la salute. Narconon e' considerato generalmente fuori da

ogni consesso scientifico e istituzionale europeo perche' non divulga

dati, metodi, risultati verificabili, ne' il numero di

tossicodipendenti che passano per esso, ne' e' soggetto a controlli

statali. Narconon tra l'altro non fa parte del Forum of Civil Society,

coordinamento di 35 grandi associazioni che operano sulle dipendenze,

costituito dalla Commissione Europea. Osservatorio Antiplagio spera

che ''Striscia'', che e' solita

stigmatizzare le terapie ''miracolose'', chiarisca l'episodio e si

augura che le ''veline'' abbiano agito con dabbenaggine. Auspica che

in futuro chi aderisce a campagne di sensibilizzazione contro le

tossicodipendenze si informi a dovere, soprattutto se vuole essere un

punto di riferimento per i giovani. Non e' la prima volta che le

''veline'' non riescono a velare la loro imprudenza: il 18 e 20

dicembre 2001, in piena campagna anti Wanna Marchi, Elisabetta Canalis

e Maddalena Corvaglia, insieme al Gabibbo, pubblicizzarono un prodotto

''prodigioso'' contro la cellulite, le smagliature e i chili di

troppo. La telepromozione fu giudicata ingannevole dall'Antitrust, ma

Antonio Ricci & c. non hanno mai dato spiegazioni.

Osservatorio Antiplagio www.antiplagio.org

Resp. prof. Giovanni Panunzio

panunzio@email.it

Tel. +39.338.8385999

Cagliari 25/05/09



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl