Campagna web di SL: l’inizio di un fecondo percorso

09/giu/2009 15.09.56 Sinistra e Libertà Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

350.000 visitatori unici, 1,5 milioni di pagine visualizzate, 10.000 amici su Facebook: sono solo alcune delle cifre che confermano il successo della campagna elettorale in rete di Sinistra e Libertà.


In queste elezioni Internet ha giocato un ruolo importante. Anche se Sinistra e Libertà non ha raggiunto il quorum, lo strumento della rete si è rivelato comunque  detrminante nella diffusione del messaggio politico della nostra giovane formazione.

E infatti dopo la campagna web di Obama nessuno ha più messo in discussione l’utilità della rete ai fini di mobilitazione politica e, a maggior ragione per i partiti che non accedono ai grandi media,  il suo potenziale come strumento diretto di informazione agli elettori.

Certo, per fare campagna via Internet occorrono risorse umane e finanziarie e ci si aspetta che ancora una volta,  i grandi partiti la facciano da padrone. Ma Internet non è come la televisione che decide di oscurare partiti e candidati scomodi all’establishment, o come i giornali al soldo di questo o di quel potentato economico: Internet è (ancora) di tutti e se usata correttamente può essere veramente quella grande piazza pubblica dove parlare di politica.

Sinistra e Libertà ha voluto fare tesoro della lezione americana e, pur senza la pretesa di innescare gli effetti dell’e-campaign d’oltreoceano, ha incassato un discreto successo per la sua campagna web. La sentita partecipazione dell’elettorato è cresciuta rapidamente, soprattutto grazie alla comunicazione trasparente, puntuale e rispettosa dei contributi degli utenti.

Superando l’antiquata visione dei siti-bacheca,  il nostro portale ha puntato tutto sulla reale capacità di interazione con gli elettori, oltre ad adempiere a funzioni informative, di servizio e di networking.

In appena due mesi di attività abbiamo ricevuto diverse migliaia di commenti e pubblicato decine di contributi direttamente sul nostro sito, stimolando la discussione ed avviando il dibattito.  Abbiamo altresì raccolto numerosi stimoli provenienti da militanti, elettori e simpatizzanti per sottoporle direttamente ai leader di Sinistra e Libertà.

Ma per rendercene conto vediamo alcune cifre: in solo due mesi di attività oltre 350.000 utenti unici hanno visitato il nostro sito, sono state visualizzate 1.500.000 pagine e 10.000 elettori hanno scaricato del materiale elettorale.

Per far circolare i suoi contenuti e contaminare la rete, Sinistra e Libertà si è servita di tutti gli strumenti del web 2.0. A cominciare dal social networking. Con quasi 10.000 amici, il gruppo ufficiale di SL su Facebook ha lanciato 112 thread di discussione  e totalizzato 1.500 post in bacheca. Grazie a Twitter, la nuova frontiera della comunicazione politica, abbiamo seguito per voi in tempo reale diversi eventi centrali della campagna, facendovi respirare l’atmosfera che si creava intorno agli incontri. Sempre con il “cinguettio†del microblogging, che oggi conta oltre 240 followers, in soli 140 caratteri alla volta vi abbiamo informato sulle principali iniziative  del nostro sito e vi abbiamo ricordato gli appuntamenti più importanti.

Una buona parte della campagna è stata giocata anche attraverso il Social Broadcasting. Sinistra e Libertà ha da subito creato una propria webtv con un proprio canale su YouTube. SLtv, affidandosi anche alla Keyword Advertising, ha avuto un record di accessi, ed oltre alle numerose interviste e presentazioni di tutti i candidati, ha prodotto dei divertenti video dal contenuto virale, come quello della parodia di Nichi Vendola. Ha avuto anche il merito di aver organizzato la diretta non-stop di 12 ore con gli interventi dei candidati e testimonial, oltre ad aver ospitato le numerose iniziative satellite a Sinistra e Libertà, tra cui il popolarissimo video dei Democratici Anonimi.

Sfruttando tutte le potenzialità della rete, e soprattutto spostando l’attenzione dalla dimensione dell’informazione a quella della mobilitazione, sono state lanciate due divertenti iniziative per attivare gli utenti e farli diventare i protagonisti della campagna. Si tratta di CiaoDemBattiQuorum. Con il primo è stato possibile innescare gli effetti virali della rete facendo viaggiare il messaggio dell’iniziativa intrapresa dai delusi del Pd, mentre con il secondo è stato messo a disposizione dei nostri elettori un kit con tutti gli strumenti utili per convincere gli indecisi e gli astensionisti a votare per Sinistra e Libertà.

Tra le tecniche utilizzate per la promozione dei contenuti siamo ricorsi al Viral e Buzz Marketing, volte alla diffusione del messaggio della campagna all’interno dei blog, forum e social network. Ad oggi, cercando con Google Search la keyword “sinistraelibertà†vengono restituite 28 mila pagine web che parlano di noi. Un buon risultato si evince anche dal numero di link dei blog al nostro sito, in tutto circa 360.

Insomma, nonostante le poche risorse a disposizione e diversamente dagli altri partiti, SL è riuscita in una piccola impresa: far parlare di sé la rete e grazie alla rete, parlare alle persone. L’augurio è di poter continuare a farlo. Magari con il vostro contributo.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl