Regole per essere ammessi a casa Berlusconi: prima ''squillo'', poi noemi e cognoemi. Alla faccia di Mara Carfagna, family day, Chiesa e sesto comandamento!

Il caso "squillo" a Palazzo Grazioli e Villa Certosa fa affiorare alla mente le parole dell'11/9/08 della ministra Mara Carfagna: "Mi fa orrore questo fenomeno, non comprendo chi vende il proprio corpo per trarne profitto, ma comprendo che esiste e non si puo' debellare, come la droga.

21/giu/2009 02.33.32 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il caso ''squillo'' a Palazzo Grazioli e Villa Certosa fa affiorare

alla mente le parole dell'11/9/08 della ministra Mara Carfagna: ''Mi

fa orrore questo fenomeno, non comprendo chi vende il proprio corpo

per trarne profitto, ma comprendo che esiste e non si puo' debellare,

come la droga. L'idea di prostituirsi in cooperative e nelle case

chiuse mi fa rabbrividire, come donna impegnata in politica sono

consapevole che il fenomeno esiste e va contrastato''. E in

un'intervista del 14/9/08 (pubblicata nel sito governoberlusconi.it:

www.governoberlusconi.it/detail.php?id=177) la stessa ministra

aggiungeva: ''Non abbiamo toccato la legge Merlin nella parte in cui

sancisce il divieto di esercitare la prostituzione all'interno delle

case ''chiuse''... Per un'organizzazione criminale sarebbe

difficilissimo operare in una casa''.

Ammesso e non concesso che Massimo D'Alema avesse avuto sentore (forse

dal ministro Raffaele Fitto?) dell'inchiesta di Bari, in realta'

l'11/9/09 la moglie del premier, Veronica Lario, aveva scritto al

Corriere della Sera: ''La verita' del rapporto tra me e mio marito non

e' neppure stata sfiorata''. Quali altre scosse dobbiamo aspettarci? E

perche' la Chiesa tace? Forse per non entrare nella vita privata del

Presidente del Consiglio? Giusto. Allora perche' il cardinale Javier

Lozano Barragan, presidente del Pontificio consiglio per gli operatori

sanitari per la Pastorale della salute, il 27/2/09 ha detto: ''Abbiamo

un comandamento, il quinto, che dice di non uccidere. Chi uccide un

innocente commette un omicidio e questo e' chiaro. Se Beppino Englaro

ha ammazzato la figlia Eluana allora e' un omicida''? Esiste anche il

sesto comandamento, o sbaglio? Alla faccia del ''family day''. Credo

che Marcello Dell'Utri e Silvio Berlusconi abbiano commesso un grosso

errore, dovevano chiamarla ''Sozza Italia''.

Giovanni Panunzio, insegnante di religione

panunzio@email.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl