Linee guida, percorsi, processi, procedure, di Massimo Girotto per Idea Padova

Linee guida, percorsi, processi, procedure, di Massimo Girotto per Idea Padova Questo mese voglio proporre all'attenzione dei lettori un altro breve articolo tratto da Gimbenews, giornale informatico del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze, che consente di chiarire agli "addetti ai lavori" ed ai "non addetti a lavori" termini dal significato diverso che spesso vengono utilizzati in medicina come sinonimi, ostacolando la condivisione di un linguaggio comune ed esponendo i professionisti a potenziali rischi medico-legali.

05/ott/2009 15.35.41 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Questo mese voglio proporre all'attenzione dei lettori un altro breve articolo tratto da Gimbenews, giornale informatico del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze, che consente di chiarire agli “addetti ai lavori” ed ai “non addetti a lavori” termini dal significato diverso che spesso vengono utilizzati in medicina come sinonimi, ostacolando la condivisione di un linguaggio comune ed esponendo i professionisti a potenziali rischi medico-legali. 

  1. Linee Guida

Secondo la definizione dell'Institute of Medicine le linee guida sono “raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti (e manager) nel decidere le modalità di assistenza più appropriate in specifiche circostanze cliniche”. Negli ultimi 10 anni, la qualità delle linee guida prodotte da agenzie governative e da società scientifiche è progressivamente migliorata in tutte le dimensioni previste dallo strumento AGREE: obiettivi, coinvolgimento delle parti in causa, rigore metodologico, chiarezza, applicabilità, indipendenza editoriale. Anche per tale ragione, un'azienda sanitaria non ha la mission di produrre linee guida - progetto utopistico per risorse, competenze e tempo - ma quella di implementare e verificare l'impatto dei percorsi assistenziali, previa ricerca, valutazione critica, selezione di una linea guida di riferimento e suo adattamento locale. 

  1. Percorso Assistenziale

Sinonimi: percorso (o profilo) di cura, percorso diagnostico-terapeutico, percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale.

Costituisce lo strumento finalizzato all'implementazione delle linee guida e risulta dall'integrazione di due componenti: le raccomandazioni cliniche della linea guida di riferimento e gli elementi di contesto locale in grado di condizionarne l'applicazione. Infatti, in ciascuna realtà assistenziale esistono ostacoli di varia natura (strutturali, tecnologici, organizzativi, professionali, socio-culturali, geografico-ambientali, normativi) che impediscono l'applicazione di una o più raccomandazioni delle linee guida. Pertanto, nella fase di adattamento della linea guida, previa analisi del contesto locale e identificazione degli ostacoli, i professionisti devono verificare con la direzione aziendale la possibilità di rimuoverli. Se questo non è possibile, la specifica raccomandazione deve essere modificata nel percorso assistenziale, per non aumentare il rischio clinico dei pazienti e quello medico-legale di professionisti e organizzazione sanitaria. 

  1. Processo

Rappresenta l'unità elementare del percorso assistenziale, costituito da diversi processi assistenziali che, in relazione al numero di strutture e professionisti coinvolti, possono essere molto semplici o estremamente complessi....

continua su Idea Padova

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl