Annalisa Martino commenta manifestazione contro riforma Gelmini

Centinaia di newsletters gratuite, ti aspettano su http://www.mailextra.com °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° COMUNICATO STAMPA Annalisa Martino commenta manifestazione contro riforma Gelmini La responsabile scuola dell'Italia dei Diritti: "L'avvio dell'anno scolastico ha fatto emergere in tutta la sua drammaticità gli effetti nefasti del provvedimento" Roma, 5 ottobre 2009 - " Il 14 settembre sono iniziate in tutta Italia le lezioni scolastiche e sin da subito il personale docente e non docente ha potuto toccare con mano i risvolti negativi della decurtazione di fondi voluta dal duo Tremonti-Gelmini".

05/ott/2009 16.24.50 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Questa e-mail ti giunge perchè sei iscritto alla newsletter:

Movimento Nazionale

http://www.italymedia.it/italiadeidiritti

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Musica, viaggi, sport, borsa, amicizie, economia, oroscopo, sexy, news, lavoro, divertimento, aggiornamenti. Centinaia di newsletters gratuite, ti aspettano su http://www.mailextra.com

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

COMUNICATO STAMPA



Annalisa Martino commenta manifestazione contro riforma Gelmini



La responsabile scuola dell'Italia dei Diritti: "L'avvio dell'anno scolastico ha fatto emergere in tutta la sua drammaticità gli effetti nefasti del provvedimento"







Roma, 5 ottobre 2009 - " Il 14 settembre sono iniziate in tutta Italia le lezioni scolastiche e sin da subito il personale docente e non docente ha potuto toccare con mano i risvolti negativi della decurtazione di fondi voluta dal duo Tremonti-Gelmini". Questo il commento di Annalisa Martino, responsabile scuola dell'Italia dei Diritti, in merito alle proteste degli insegnanti che da diverse settimane hanno luogo in tutto lo stivale e che sono culminate nei due cortei che nel pomeriggio di sabato scorso hanno attraversato la capitale. "Le manifestazioni contro la riforma - ha aggiunto l'esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro - sembrano non avere più tanta risonanza e pare non si abbia più ricordo degli scioperi e delle agitazioni dello scorso anno scolastico. D'altra parte, si sa, molti insegnanti, in particolare quelli di ruolo, notoriamente indolenti e ignavi, si dissociano dal coro di quei 'facinorosi' che in questi giorni stanno facendo tanto baccano ri!

fiutando le 'laute' e 'risolutive' offerte del governo. Ai molteplici precari che rivendicano la restituzione del posto di lavoro sottratto loro obtorto collo, il ministro ha offerto i cosiddetti contratti di disponibilità, che consistono in un sussidio di disoccupazione valido per un anno scolastico e che hanno un valore simbolico, ahimè, di elemosina più che di retribuzione. Scaduti i contratti, lo Stato lascerebbe al loro destino dei professionisti che hanno investito nella scuola pubblica cedendo ad essa, fino allo scorso anno, tutte le proprie energie.

Tali tagli comportano una riduzione di 60.000 posti di lavoro, tra docenti, personale di segreteria e collaboratori scolastici e sono stati ottenuti dequalificando la scuola pubblica mediante la diminuzione delle ore di insegnamento di molte discipline, l'eliminazione delle compresenze, la riduzione delle ore di sostegno, l'aumento, a parità di stipendio, del carico di lavoro degli insegnanti di ruolo, l'innalzamento del numero di alunni per classe.

A fronte di tanto svilimento dell'offerta formativa, si chiedono prestazioni più puntuali degli allievi e maggior rigore in fase valutativa. Spesso però i nostri giovani non posseggono quegli alfabeti di base che sono il leggere, lo scrivere, l'esprimersi oralmente in forma corretta, il far di conto, l'eseguire un problema poco più che astratto. Non crediamo, quindi, alle dichiarazioni autoreferenziali che Gelmini e Berlusconi ci rilasciano in ogni Tg. Si tratta di volgari slogan, degni di quell'asta di mercato che è ormai diventata la nostra televisione. Non va tutto bene come vogliono lasciarci intendere mentre le patologie dell'istruzione pubblica si cronicizzano. Le agitazioni che i precari stanno organizzando in ogni parte d'Italia non esprimono solo una difesa ancorché legittima di posti di lavoro, ma un progetto più ampio di scuola giusta ed egualitaria. Il sostenerli rappresenta una difesa della cultura e un investimento di futuro per tutti noi."









Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Michele Ferrelli- Daniele Cardarelli

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli

Via Virginia Agnelli, 89 - 00151 Roma

tel. 06-97606564 - 06/65494632 - 347/7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italymedia.it/italiadeidiritti















°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

www.mailextra.com - CENTINAIA DI NEWSLETTER GRATUITE!

LA NEWSLETTER IN EVIDENZA DI OGGI:

AOL MAILINGLIST

Mailing List di altaforteonline, la comunità della Gioventù Identitaria napoletana

Per iscriversi alla newsletter descritta clicca qui: http://www.mailextra.com/newsletter.asp?ID=5172

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Per cancellarsi dal servizio di newsletter clicca qui:

http://www.mailextra.com/elimina.asp?ID=11836



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl