La Chiesa accetta l’esistenza degli Alieni

13/nov/2009 16.52.55 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Universo

Durante la settimana di studi di Astrobiologia promossa dalla Pontificia accademia delle Scienze e dalla Specola Vaticana (l’osservatorio astronomico e centro di ricerca scientifica della Chiesa cattolica) è stato ribadito da padre Josè Gabriel Funes, astronomo e direttore della Specola Vaticana, come sia probabile l’esistenza di forme aliene nel cosmo. Il concetto era già stato espresso in passato da padre Funes ma in questo caso è stato ribadito con forza “se gli esseri intelligenti verranno scoperti, essi dovranno anche essere considerati come parte della creazione. Se ci fosse un incontro tra l’uomo e forme di vita extraterrestre, capiterebbe all’umanità quello che è successo quando gli europei hanno incontrato altre popolazioni. Possiamo  immaginare cosa possano aver pensato le persone nate in America quando si sono incontrate con gli europei. Sarebbe anche un incontro di culture e civilizzazione”.

All’evento hanno partecipato fisici, chimici, astronomi biologi e geologi provenienti da tutto il mondo che hanno definito probabile l’esistenza di centinaia di milioni di luoghi abitabili nella sola Via lattea. Al termine dell’evento in conferenza stampa, il direttore della Specola vaticana ha infine dichiarato che “nonostante l’astrobiologia sia un campo nuovo e un argomento in via di sviluppo le domande sulle origini della vita e sulla presenza di vita fuori dalla Terra, nell’universo, sono legittime e meritano seria considerazione”. Un bel passo in avanti per quella chiesa che fino a quattrocento anni fa non ammetteva neanche la possibilità che fosse la terra a girare intorno al sole e non viceversa, come invece accade.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl