Il mal di schiena nello sport

Il mal di schiena nello sport La lombalgia, o mal di schiena, è una patologia frequentissima che può manifestarsi a qualsiasi età e che spesso risulta molto invalidante non solo per gli sportivi, ma anche per coloro che svolgono una vita sedentaria.

21/dic/2009 01.10.00 SoloCalcio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



La lombalgia, o mal di schiena, è una patologia frequentissima che può manifestarsi a qualsiasi età e che spesso risulta molto invalidante non solo per gli sportivi, ma anche per coloro che svolgono una vita sedentaria.
Dal punto di vista anatomico la colonna vertebrale è un vero e proprio organo formato da 24 vertebre “mobili”, dal sacro e dal coccige. Oltre ad offrire un’ideale protezione per il midollo spinale, svolge un importante funzione di sostegno. La colonna vertebrale è dotata di grande mobilità e nello stesso tempo di grande solidità ed è sede di inserzione di molti muscoli e legamenti. Il mal di schiena può essere dovuto ad una disfunzione di queste molteplici strutture sia singolarmente che in combinazione tra di loro.
La lombalgia è una manifestazione dolorosa localizzata alla regione lombare, generalmente diffusa verso i glutei, su uno o su entrambi i lati, che colpisce soggetti di ambo i sessi in tutti i periodi della vita. Nella lombosciatalgia/cruralgia il dolore in sede lombare si associa ad una netta irradiazione lungo l’arto inferiore ed in particolare nei territori rispettivamente del nervo sciatico (coscia posteriore) e del nervo crurale (inguine). L’80% della popolazione soffre di lombalgia almeno una volta nella vita, solo nel 15% dei casi la sintomatologia clinica dura oltre le 2 settimane ed infine solo nel 5% dei casi diventa cronica (lombalgia cronica).
Numerose possono essere le cause di lombalgia in uno sportivo. A parte la lombalgia post-traumatica particolarmente frequente nello sportivo, le cause si possono suddividere in: patologia del disco intervertebrale (ernia del disco, protrusione discoartrosi), patologia articolare (difetti intervertebrali minori o DIM, sindrome delle faccette articolari, manifestazioni artosiche), patologie muscolari, legamentose e fasciali (contratture, sindrome del piriforme, disfunzione del muscolo Ileopsoas), patologia congenita (spondilolisi con listesi, sacralizzazione della 5° lombare), patologia meningo-radicolo-midollare (infiammatorie, infettive, tumorali, post-traumatiche).
Per una corretta diagnosi, come sempre, è importante ascoltare e visitare con attenzione il paziente. Le radiografie (RX) sono molto utili dal punto di vista diagnostico, soprattutto dopo un trauma; anche se non possono dimostrare la presenza di una protrusione o ernia discale, rappresentano il primo orientamento diagnostico per escludere altre patologie (artosi, patologie congenite, ecc.). La TAC e la Risonanza Magnetica Nucleare sono diventati negli ultimi anni gli esami più affidabili per confermare la diagnosi. Più precisamente la TAC può dare maggiori informazioni sulla patologia scheletrica associata (osteofiti, faccette articolari) oltre che sul disco erniato. La RMN è più dimostrativa nella patologia discoarticolare.
Il trattamento della lombalgia varia in funzione della fase clinica della stessa, cioè se acuta, subacuta o se la lombalgia è presente da qualche tempo (cronica). Nella fase acuta è quasi sempre indicata la terapia medica con la somministrazione di farmaci miorilassanti, antinfiammatori, analgesici e riposo a letto non oltre le prime 48 ore. In un secondo tempo, a caso secondo giudizio medico, si comincia la fisiochinesiterapia e le manipolazioni articolari, iniziando un programma di rieducazione che mira al riequilibrio muscolare ed a costituire una muscolatura che assicuri una buona protezione del rachide. Nella fase sub-acuta può non rendersi necessaria la terapia medica e si rende utile intraprendere subito la fisiochinesiterapia, il trattamento manipolativo e la rieducazione.
Le manipolazioni hanno un ruolo determinante nella risoluzione della lombalgia quando questa è di origine articolare (DIM, sindrome delle faccette articolari, blocchi delle articolazioni sacro iliache con disfunzioni meccaniche del bacino) e nelle lombalgie di origine discale, ma in queste ultime è necessaria un’attenta valutazione clinica medica. In linea generale la manipolazione è un approccio terapeutico all’interno di un più ampio spettro terapeutico che come già accennato include la fisiochinesiterapia e la rieducazione.
Sono numerosi i consigli utili per chi soffre di mal di schiena: innanzi tutto è necessario cercare di evitare quelle attività (es. certi esercizi in allenamento) che si ritiene possano essere la causa scatenante della lombalgia. Estremamente utile è la prevenzione che mira ad ottenere un rinforzo ed equilibrio della muscolatura in modo che assicuri una buona protezione della colonna, per sopportare il “peso” dell’attività quotidiana e rispondere a sollecitazioni impreviste. Per ottenere questo è necessario migliorare il movimento delle articolazioni delle anche, delle ginocchia e dei piedi con mobilizzazioni passive e posture e rinforzare i muscoli lombopelvici; inoltre è utile far rilasciare e allungare i muscoli posteriori, particolarmente gli ischio-crurali, spesso contratti nelle persone che soffrono di lombalgia.

Per ulteriori informazioni è utile consultare la Guida del Paziente all’indirizzo:
http://www.isokinetic.com/index.cfm?page=guida/patologie_infortuni/schiena/lombalgia

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl