Sofferenze d'amore? Una pillola per i cuori infranti

07/gen/2010 22.49.08 SoloCalcio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A chi non è mai capitato di versare fiumi di lacrime per una storia finita, per un tradimento, per un amore non corrisposto?Tranquilli, per tutti i cuori infranti la soluzione è in un farmaco: la pillola Amorex, prodotta dalla ditta farmaceutica Coropharm di Villach (Carinzia), già in commercio in tutta l’Austria. Costa 18,7 euro e può essere acquistata senza ricetta in farmacia a partire dai 14 anni. Come annunciato dal tabloid Kronen Zeitung, l’assunzione di Amorex vince quell’orribile senso di abbandono e disperazione che assale tutti, prima o poi, almeno una volta nella vita, quando il partner se ne va. La pillola è estratta dai frutti esotici di un albero che cresce in Costa d’Avorio, il Griffionia simplicifolia, noto da secoli nel continente nero: adesso le sue virtù approdano dall’Africa nel vecchio continente, a beneficio di tutti i malati d’amore. Secondo la casa produttrice, la pillola è un importante integratore dei componenti psicologici necessari in fasi difficili della vita. Le sue «sostanze influenzano positivamente, senza effetti collaterali, i processi biochimici», si legge sul sito del prodotto. I sintomi dei dolori amorosi sono ben noti e a diffusione planetaria: mal di testa, emicrania, difficoltà respiratorie, ansia, vertigini, depressione, apatia, insonnia, dolori muscolari e addirittura febbre. Ingerendo la pillola - a digiuno al mattino e la sera prima di coricarsi (in casi acuti anche più spesso) - si può fare tranquillamente a meno dei soliti placebo come la cioccolata, l’ alcool, psicofarmaci, o addirittura la droga. Gli stati in cui la pillola è consigliata sono molteplici e in genere hanno riguardato tutti almeno una volta nella vita: perdita del partner, separazione, divorzio, abbandono, tradimento. Funzionerà davvero?Se si il rischio è che i grandi amori tragici della letteratura universale - che hanno ispirato Dante, Petrarca, Shakespeare e Omero - non esisteranno più e vivremo tutti felici e contenti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl