Mondiali: picco degli ascolti in TV … e i consumi elettrici?

Esiste, infatti, una stretta relazione tra alti ascolti televisivi e bassi consumi energetici.

11/giu/2010 12.35.01 Luisa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Terna monitora l’andamento del fabbisogno di energia in occasione delle partite dell’Italia.

11 giugno: a Johannesburg è tutto pronto. Oggi alle 16, ora italiana, partirà ufficialmente il Mondiale di calcio 2010: il Sudafrica, nazione organizzatrice, incontra il Messico.


L’Italia, campione in carica, disputerà la sua prima partita il 14 giugno alle 20,30.


A casa, o in piazza davanti ai maxi schermi, la stragrande maggioranza degli italiani seguirà la Nazionale. Quella sera, come per le altre in cui giocheranno gli Azzurri i tecnici di Terna monitoreranno sugli schermi di controllo il possibile verificarsi di un fenomeno curioso: i consumi elettrici diminuiranno.


Esiste, infatti, una stretta relazione tra alti ascolti televisivi e bassi consumi energetici. La semifinale Italia-Germania dei Mondiali del 2006, per esempio, ha messo in chiara evidenza il fenomeno.


Nel corso del match, svoltosi tra le 21 e le 23 del 4 luglio, Terna ha rilevato una consistente diminuzione della domanda di energia elettrica, pari a circa 2.500 MW in meno rispetto alla previsione, quantità che corrisponde al fabbisogno energetico di una città come Roma. 



La ragione è presto detta. Ristoranti, cinema, discoteche erano chiusi per via del match e nelle abitazioni il consumo di elettricità subì una forte contrazione perché durante la partita le luci degli altri ambienti erano spente. 



In quell’occasione, poi, il calo dei consumi ha iniziato a manifestarsi con largo anticipo rispetto all’orario di inizio dell’incontro: commenti pre-partita, servizi di approfondimento, l’attesa ha trainato verso la TV ascolti maggiori del previsto. Fin dalle 12 e sino alle 21 la domanda di elettricità registrò un calo medio di circa 1.000 MW. Il fabbisogno tornò ai livelli abituali verso la mezzanotte.


A proposito di energia elettrica: uno dei tanti paradossi di questi Mondiali in Sud Africa è che in ampie zone del grande Paese manca l’elettricità. Saranno, così, milioni i potenziali tifosi che non potranno vedere nemmeno una partita.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl