Cialtrone.com: Morte choc in campo per Piermario Morosini

L'ex azzurro dell'under 21 ha avuto un malore durante l'incontro Pescara-Livorno.

Persone Andrea Battistella, Bartali, Blatter, Piermario Morosini
Luoghi Livorno, Pescara
Organizzazioni UEFA
Argomenti sport, calcio

16/apr/2012 16.38.58 AIDnetwork Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'ex azzurro dell'under 21 ha avuto un malore durante l'incontro Pescara-Livorno. Inutile ogni tentativo di rianimarlo.

16/04/2012 - 16/04/2012 - Sospendo solo un attimo l'attività di questo blog - e cioè quella di ironizzare e demistificare ogni cosa - per fare solo una riflessione. Concedetemela.

Vi faccio una domanda: vent'anni fa voi vi ricordate tutte queste partite alla settimana? Solo vent'anni fa c'erano le partite alla domenica. Di pomeriggio. Tutte. Ogni tanto c'era quella di coppa. Un evento! Oggi, invece, il numero delle partite è triplicato, mentre il numero della rosa dei giocatori è rimasto sempre diciotto, diciotto! Questo significa che lo sforzo che si richiede a questi ragazzi è tale da non farcela qualche volta e nessuno mi leverà mai dalla testa che i medici delle squadre sono sempre più pressati dai vertici alti delle società perché trasformino questi giocatori in Terminator degni di uno spot della Duracell.

Addirittura Blatter (che non è uno scarafaggio, ma il capo della UEFA) era arrivato a proporre di organizzare i mondiali ogni due anni. Lo stesso che voleva allargare le porte per dare più spettacolarità alle partite, più gol, più partite! Perché? Per soldi, ipotizzo io che non sono nessuno.

Le mie sono solo ipotesi, ma di sicuro ho la certezza che Morosini non è il primo a morire così giovane sul campo per un infarto. O forse per soldi? I soldi di altri.

Bartali e Coppi tanti anni fa correvano su delle biciclette pesanti il triplo di quelle di oggi e, nonostante tutto, ce la facevano e si scambiavano la borraccia dell'acqua; oggi gli sportivi se non si scambiano droga non riescono a far fronte ai numerosi impegni di gara e, quindi, agli sponsor.

La mia conclusione è solo una: spegnete la tv, odiate il calcio televisivo e ficcatevi nella testa che è giunto il momento di pensare che sia meglio giocarlo anziché guardarlo!

Ciao Piermario. Ex Under '21. Ex 26enne.

Il Cialtrone
Andrea Battistella 
www.cialtrone.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl