Tutto il motomondiale in esclusiva solo sul nostro sito – Gran Premio di Spagna – Moto Gp Circuito di Jerez – I Tempi – Statistiche – Sessione: Qualifiche e Gara Live

Il pilota della Yamaha ha fermato il cronometro sul tempo di 1:38.933, dopo un durissimo duello con il connazionale Dani Pedrosa in sella alla Honda.

03/mag/2009 02.19.10 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lorenzo beffa Pedrosa

Jorge Lorenzo conquista una strepitosa pole nelle qualifiche del GP di Spagna, classe MotoGP. Il pilota della Yamaha ha fermato il cronometro sul tempo di 1:38.933, dopo un durissimo duello con il connazionale Dani Pedrosa in sella alla Honda. Terzo tempo per la Ducati di Casey Stoner, mentre è solo quarto Valentino Rossi, staccato di 7 decimi dal compagno di box. Sesto tempo per Loris Capirossi (Suzuki), ottavo per Andrea Dovizioso (Honda).

 

Terza prova del motogp in diretta dal Giappone dalle ore 14:00 su questo sito
MotoGP 2009 Live Streaming for FREE
GUARDA IL MOTO GP IN "DIRETTA STREAMING GRATIS" NEL NOSTRO SITO

WATCH THE MATCH IN OUR SITE - FREE STREAMING
MIRA EL PARTIDO EN ESTE SITIO - GRATIS
REGARDER LE MATCH DE NOTRE SITE

PUBBLICITA' 

Carburante_728x90

Il vento di Jerez infastidisce i piloti, ma non raffredda gli animi. Tutti già belli incarogniti per le qualifiche della MotoGP, con i due spagnoli in prima fila ad aprire le danze. Pronti-via, Pedrosa si prendere subito il miglior tempo, ma Lorenzo è lì attaccato, con l'occhio vispo di chi ha l'asso nella manica.
Nelle retrovie intanto Rossi e Stoner devono sistemare gli assetti, da adattare al volo alle mutate condizioni della pista rispetto al venerdì. I due lavorano tanto con i rispettivi tecnici, attendendo il momento buono per provare a piazzare la zampata.
A un quarto d'ora dal termine parte il film delle gomme morbide: Lorenzo va subito a prendersi la pole, togliendo 439 millesimi dal tempo che Pedrosa aveva fatto segnare con gomme dure. Da qui è un ring di pugilato: Dani ci prova e risponde con un giro strano, non eccezionale, ma fatto di un ultimo settore che vale la pole provvisoria. In prima posizione però ci resta poco. Giusto il tempo di far terminare il secondo giro filato con le morbide a Jorge, che picchia duro e tira giù altri 400 millesimi abbondanti.
Al terzo posto ci sono intanto Capirossi e Stoner, con un De Puniet che si infila tra loro a singhiozzo, mentre Rossi naviga intorno alla settima posizione.
Siamo alle battute finali: Lorenzo esce dai box e butta giù ancora tre decimi, ma Pedrosa non ci sta. Tira più che può ed è ancora lì, ma alle sue spalle, staccato solo di 51 millesimi. Una situazione identica a quella delle libere del mattino, ma a posizioni invertite tra i due. Jorge è consapevole di poter fare meglio, ma un innocente Capirossi lo rallenta nell'ultimo giro buono e il tempo non si abbassa più.
E' quindi pole per un Lorenzo che si veste da "Rocky" e a casa sua inizia a suonarle a tutti. L'impressione è che Pedrosa si voglia calare nei panni larghi di "Ivan Drago", per provare in tutti i modi a rovinare la festa al connazionale. Un patriottismo che relega in terza e quarta posizione i due campionissimi Stoner e Rossi. Vale, che partirà dalla seconda fila, dovrà cercare lo spunto buono per non lasciare scappare chi gli sta davanti. Approfittando magari delle scintille tra i due spagnoli.
Attenzione però a Capirossi e Dovizioso che sul passo gara potrebbero diventare insidiosi, mentre, con l'undicesimo tempo, Melandri va alla caccia di un'altra buona prestazione. Intanto è facile immaginare un sorriso sul volto del ravennate nel vedere che le altre tre Ducati occupano le ultime tre posizioni.

di M.C.

Lorenzo beffa Pedrosa

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl