Il Bari dopo 8 anni è di nuovo serie A

La massima serie mancava dal 2001 ROMA, 8 maggio - La notte dell'undicesima promozione del Bari è arrivata nel modo più comodo, senza nemmeno scendere in campo.

08/mag/2009 22.36.38 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Grazie alla sconfitta del Livorno nell'anticipo i pugliesi di Conte raggiungono la promozione matematica senza giocare. La massima serie mancava dal 2001
bari vs empoli
ROMA, 8 maggio - La notte dell'undicesima promozione del Bari è arrivata nel modo più comodo, senza nemmeno scendere in campo. Il Livorno non vince, anzi perde, contro la Triestina, allenata dall'ex tecnico dei pugliesi Maran, e lascia il via libera ai festeggiamenti dei biancorossi, ormai matematicamente irraggiungibili se non dal Parma: il Bari torna in A dopo otto anni di purgatorio, con la squadra che sabato scende in campo contro il Piacenza con la testa solo al ritorno immediato in città, dove la attendono caroselli, bandiere e un'atmosfera mistica: si risale nella massima serie nella settimana di celebrazioni di San Nicola.

CONTE-PERINETTI, TANDEM VINCENTE - Una promozione costruita mattone dopo mattone dallo splendido progetto tecnico, che i Matarrese hanno affidato alla guida di Conte e all'abilità sul mercato del ds Perinetti. Una cavalcata impetuosa e inarrestabile da gennaio, quando la squadra ha toccato per la prima volta il primo posto in classifica, e proseguita dal 28 febbraio con una vetta mai più abbandonata.

RINASCITE, SCOPERTE E CONFERME - La porta blindata con un Gillet da serie A, la conferma del giovane Ranocchia al centro della difesa, un Parisi finalmente tornato ai livelli di quando militava nel Messina e aveva toccato l'azzurro della nazionale; e ancora la solidità di Masiello, il 'Thuram bianco' come lo chiamava Capello ai tempi della Juventus, la regia sapiente del rigenerato argentino Donda, la quantità e qualità di De Vezze e Gazzi, la fantasia di Guberti, strappato all'Ascoli a gennaio e rivelatosi decisivo a furia di gol e assist; e ancora un Barreto inarrestabile e capocannoniere, un Kutuzov generoso e trascinatore, un Kamata imprendibile sulla fascia. E gli otto gol di Caputo, giovane pugliese di Altamura che ha vissuto un sogno nel sogno passando dal Noicattaro a indossare la maglietta biancorossa e a segnare reti pesantissime, come la tripletta contro il Grosseto rimasta nei cuori dei tifosi.

SEGUI LO SPECIALE BARI IN SERIE A SUL NOSTRO SITO

WATCH THE MATCH IN OUR SITE - FREE STREAMING
MIRA EL PARTIDO EN ESTE SITIO - GRATIS
REGARDER LE MATCH DE NOTRE SITE
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl