2-2 Cittadella - Parma (16/05/09) | Video Gol – Highlights | Sintesi completa - I gol della Serie B

17/mag/2009 00.59.36 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PARMA, 16 maggio 2009 - Il passato gridava: “Finche vedrai sventolar questa bandiera, tu saprai che qui si spera di tornare in serie A”. Ora la Curva Nord del Tardini dovrà modificare una semplice parola perché il Parma è diventato grande. Un anno di inferno è bastato: “Serie A, serie A: noi torniamo finalmente in serie A”. Il cuore crociato batte forte, subito dopo la fine della partita contro il Cittadella. Ore 18.10: piazza Garibaldi, anima della città, si riempie di bandiere, striscioni e sciarpe. E’ giusto così: deve essere il centro nevralgico della realtà ducale a esplodere di gioia per un risultato che riporta la società di viale Partigiani d’Italia nell’elite del calcio nazionale.

FINE DEL PURGATORIO — La felicità dei tifosi è incontenibile: anche Garibaldi sembra avere un sorriso diverso, nel pomeriggio di festa gialloblù. Ebbrezza da tifoso, brividi che spiegano la soddisfazione di tanti ragazzi, giovani e meno giovani, che vivono con il Parma tatuato sulla pelle. Un pensiero fisso, dalla domenica al sabato, durante tutta un’annata di vero e proprio purgatorio: “E’ stata una stagione difficile: quello che provo adesso, però, mi ripaga della sofferenza vissuta dodici mesi fa” racconta Giulio, che non smette di sventolare la sciarpa neppure durante l’intervista. Il tempo passa, i tifosi aumentano, la piazza si riempie: il bello dello sport è nascosto dietro a un abbraccio tra due sconosciuti che, comunque, sanno di avere una matrice comune. “Ho sempre creduto in questa squadra, in Guidolin, nel presidente Ghirardi: ho rinnovato l’abbonamento durante la stagione in serie B perché ero convinto che il Parma non mi avrebbe deluso”.

TUTTI IN PIAZZA GARIBALDI — Sentimenti di un innamorato capace di perdonare anche qualche piccolo tradimento. Due parole che portano in paradiso: serie A. Sono, in assoluto, le tre sillabe più gettonate nel sabato pomeriggio parmigiano: l’antipasto di settimana scorsa con la quasi matematica certezza della promozione, è ormai un lontano ricordo. Ora è il momento di gustare la portata principale, di saziarsi con la frenetica e festosa bolgia che il centro storico regala: “Mi sono catapultato qui al fischio finale del match perché non volevo perdere neppure un minuto della serata dedicata al Parma. E’ il momento di cantare: ce lo meritiamo. Questo giorno è solo nostro”. Già, cantare e prepararsi ad una nuova stagione: “Finche vedrai sventolar questa bandiera, tu saprai che qui si spera di restare in serie A”. Ma forse, per questo coro, è ancora presto.

Pietro Razzini

GUARDA GLI "HIGHLIGHTS" NEL NOSTRO SITO

WATCH THE MATCH IN OUR SITE - FREE STREAMING
MIRA EL PARTIDO EN ESTE SITIO - GRATIS
REGARDER LE MATCH DE NOTRE SITE

Clicka per guardare tutti i gol della Serie B

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl