Video Festeggiamenti Inter Campione D'Italia 2009 (Inter Channel Scarpini Live) Mediaset Premium 16/05/09 – Video Intervista a Ibrahimovic

17/mag/2009 12.23.45 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

MILANO, 10 maggio 2009 - "Con l'organico che si ritrova l'Inter, sono tanti gli allenatori che avrebbero vinto lo scudetto". In questa frase, dedicata a Mourinho, e pronunciata dal tecnico della Sampdoria Walter Mazzarri al termine della semifinale di Coppa Italia, è contenuto il nocciolo del dibattito che ha accompagnato la prima stagione italiana del tecnico portoghese.

due partiti — L'universo Inter si è diviso fra i nostalgici di Mancini e coloro che hanno accolto con entusiasmo l'avvento dello Special one. I nostalgici sottolineano come i giocatori voluti dal nuovo allenatore sono rapidamente spariti di scena, e come perfino il modulo di gioco prevalente sia stato il rombo di Mancini. I sostenitori del nuovo corso ascrivono a merito del portoghese un nuovo metodo di allenamento, una maggiore positività dell'ambiente, il lancio in pianta stabile di Balotelli e Santon, due diciottenni. Nonchè un'abilità mediatica che ha rilanciato su scala mondiale l'immagine del club. Difficile se non impossibile stabilire ragioni e torti, sullo sfondo però c'è una realtà incontestabile: tutti i tecinici avversari hanno riconosciuto che sui 24 giocatori l'Inter è la più completa, la più fornita, quindi inarrivabile, e questo è un chiaro merito della società.

L'unico sito dove guardi il calcio gratis - Subito dopo la partita guarda gli HIGHLIGHTS del Match
Calcio Live
GUARDA IL CALCIO IN "STREAMING GRATIS" NEL NOSTRO SITO

WATCH THE MATCH IN OUR SITE - FREE STREAMING
MIRA EL PARTIDO EN ESTE SITIO - GRATIS
REGARDER LE MATCH DE NOTRE SITE

Esteban Cambiasso, arrivato all'Inter da svincolato. Reuters
Esteban Cambiasso, arrivato all'Inter da svincolato. Reuters

ACQUISTI AZZECCATI — Da 4 anni l'Inter sul mercato si muove assai bene. Moratti ha saputo pescare in campo internazionale, e a costi assai contenuti, giocatori del calibro di Julio Cesar, Cambiasso, Maicon, Maxwell: diventati in breve pilastri di questa formazione. L'investimento su Ibrahimovic, 24 milioni, ha reso tantissimo in termini sportivi e anche in termini economici, se è vero che oggi si parla di un valore di mercato di almeno 60-70 milioni. Praticamente il triplo di quanto speso tre anni fa. Moratti non avrebbe cambiato Mancini senza le compromettenti dimissioni del dopo Liverpool: bisogna partire da questa verità per comprendere l'ingaggio, oneroso, di Mourinho. Ritenendo, dopo il Liverpool, di non potersi più fidare dell'allenatore italiano, nel frattempo pentitosi, il presidente è andato alla ricerca del meglio. E tutte le indicazioni raccolte gli dicevano che il meglio, in quel momento, era Josè Mourinho.

MISSIONE EUROPA — Il portoghese è arrivato con una missione: portare l'Inter sul tetto d'Europa. L'ha fallita, però è uscito col Manchester United, che oggi è in finale. Ci riproverà con altri giocatori, firmando così a tutto tondo la nuova Inter. Ha chiesto 1-2 difensori, 2 centrocampisti, 2 attacanti. È prevedibile che partano almeno 7-8 elementi di questa rosa, e quindi saremo di fronte a una squadra assai diversa dall'attuale. Ecco, quella della prossima stagione sarà davvero l'Inter di Mourinho, e allora i giudizi sul suo lavoro potranno essere completi.

LA MISSIONE DI MORATTI — In attesa di ciò che sarà, Moratti può essere fiero di ciò che è stato di questi ultimi anni. Conquistare 4 scudetti consecutivi, non era riuscito neanche alla Grande Inter di suo padre, ma al Grande Torino del dopoguerra: un accostamento da brividi per un appassionato di calcio qual è il petroliere. Tra 20 anni questa squadra sarà ricordata come la Grande Inter-bis, ma intanto il presidente ha nel mirino la Champions. Serve quella conquista per completare questo ciclo, e per dare a Moratti il senso di una missione compiuta. Aveva ripreso l'Inter per riassaporare le gioie vissute da ragazzo. È a un passo dall'obbiettivo.

Nicola Cecere

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl