SACCHETTO DI PLASTICA PER LA SPESA ADDIO

SACCHETTO DI PLASTICA PER LA SPESA ADDIO SACCHETTO DI PLASTICA PER LA SPESA ADDIO ROMA - Ritenuti una delle invenzioni che più hanno cambiato la nostra vita, i sacchetti di plastica per metterci dentro la spesa sono però inquinanti, ci vuole tanto petrolio per farli e rimangono nell'ambiente decine e decine di anni.

31/mag/2009 11.04.44 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

SACCHETTO DI PLASTICA PER LA SPESA ADDIO

ROMA - Ritenuti una delle invenzioni che più hanno cambiato la nostra vita, i sacchetti di plastica per metterci dentro la spesa sono però inquinanti, ci vuole tanto petrolio per farli e rimangono nell'ambiente decine e decine di anni. Da tempo si stanno prendendo nel mondo e in Europa misure per limitarne l'uso. L'Unicoop di Firenze, prima tra le catene di grande distribuzione europee, li ha eliminati da tutti i suoi punti vendita anticipando leggi italiane e direttive Ue. Un primo passo verso un mondo in cui il vento, nei campi, farà ondeggiare solo le spighe di grano e non bianchi e celestini sacchetti di polietilene. Globalmente oggi si producono dai 500 a mille miliardi di buste di plastica l'anno: quasi un milione al minuto! In Italia se ne producono 260 mila tonnellate l'anno, con un consumo mensile di circa 2 miliardi. Nel nostro paese consumiamo da soli circa un quarto del totale dei sacchetti della spesa in plastica di tutta l'Unione Europea che ne usa 100 miliardi l'anno. Un milione di tonnellate di plastica che in questo modo ogni anno vengono disperse nell'ambiente.
I sacchetti di plastica per la spesa, i cosiddetti 'shopper', finora sono stati fatti soprattutto in polietilene, un prodotto che deriva dal petrolio e, per produrli, si usa energia e si usano altri elementi chimici. I sacchetti di plastica sono riciclabili, ma vengono poi effettivamente riciclati solo in minima parte: in genere, il loro utilizzo ultimo è quello di contenitori per altri rifiuti e finiscono smaltiti negli inceneritori o, peggio, dispersi nell'ambiente. Nei campi, in mare, sulle coste si degradano in 10-20 anni e si dissolvono completamente in circa 200 anni. Con questi tempi lunghissimi rischiano di entrare nella catena alimentare con un carico terribile per gli ecosistemi, soprattutto quello marino. Ridurre l'utilizzo di sacchetti di plastica per la spesa è divenuto dunque un obbiettivo primario a livello globale. A partire dal 2002 molti paesi hanno preso iniziative in tal senso. Perfino in Cina - dove per descrivere il fenomeno dei sacchetti di polietilene che inondano le strade è stato coniato il termine di 'inquinamento bianco' - sono stati messi al bando quelli più sottili e ne è stata vietata la distribuzione gratuita nei supermercati. Anche in Europa si è corsi ai ripari, applicando tasse sui sacchetti di plastica usa e getta, promuovendo campagne di sensibilizzazione e, in alcuni casi, arrivando a proibirne l'uso. In Italia, a legge Finanziaria del 2007 ha recepito la normativa comunitaria in cui è previsto che entro il 2010 i sacchetti in polietilene vengano sostituiti con quelli in materiali biodegradabili, le cosiddette bioplastiche.
La Cina, per produrre il suo fabbisogno di 'shopper' tradizionali (300 miliardi l'anno), raffina annualmente 5 milioni di tonnellate di greggio (37 milioni di barili circa), gli Usa, per lo stesso scopo, utilizzano 12 milioni di barili di petrolio per fare 100 miliardi di buste. Se in Italia si evitasse la produzione delle 260 mila buste di plastica che vengono usate ogni anno, si risparmierebbero circa 380 mila tonnellate di petrolio con una riduzione di circa 760 mila tonnellate di C02 (gas responsabile dell'effetto serra) disperse nell'atmosfera. Le attuali bioplastiche sono generalmente fatte di amido di mais e oli vegetali. Il loro utilizzo per i sacchetti può contribuire in maniera determinante al controllo dei gas serra (perché utilizzano la C02 già assorbita dalle piante). In più sono rapidamente e totalmente biodegradabili: nel giro di poche settimane si dissolvono nel suolo o nel compostaggio minimizzando gli impatti ambientali sul nostro pianeta.

SPORT LIVE - CLICCA QUI - CLICK HERE

L'UNICO SITO DOVE GUARDI LO SPORT GRATIS - DOPO LE GARE GUARDA GLI HIGHLIGHTS DEL MATCH
THE ONLY SITE WHERE TO SEE THE FREE GIRO D’ITALIA, AFTER THE SHOW HIGHLIGHTS

GUARDA IL GIRO IN "STREAMING" NEL NOSTRO SITO CLICCA QUI

WATCH THE MATCH IN OUR SITE - FREE STREAMING
MIRA EL PARTIDO EN ESTE SITIO - GRATIS
REGARDER LE MATCH DE NOTRE SITE

(CLICK HERE) FOR THE STREAMING LIVE MATCH
(PULSE AQUI) PARA VER EL PARTIDO IN STREAMING
(CLIQUEZ ICI) POUR LE MATCH LIVE STREAMING
(CLICK HERE)点击这里下载流实时匹配
(CLICK HERE)Нажмите здесь для STREAMING LIVE MATCH
(CLICK HERE) إضغط هنا للحصول على تدفق يعيشون المباراة

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl