Del Neri “torna” alla Samp

02/giu/2009 02.03.30 SoloCalcio - Partite Calcio Gratis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A 29 anni di distanza Luigi Del Neri torna nella Genova blucerchiata. Nella stagione 1980/81 vestì la maglia della Sampdoria, segnando anche un gol in un derby; siederà sulla panchina che per due campionati è stata di Walter Mazzarri.

L’annuncio ufficiale è arrivato attraverso il sito della società, a mettere una parola definitiva dopo i tanti sussurri delle ultime settimane. Cinquantanove anni il 23 agosto, prima giornata del nuovo campionato, il tecnico sbarca a Genova (con un contratto, sembra, biennale) dopo due stagioni all’Atalanta, portata al nono posto due stagioni fa e all’undicesimo nel torneo appena concluso. Nato ad Aquileia, in Friuli, Del Neri ha debuttato come giocatore, nel ruolo di centrocampista, nella squadra della sua città per poi dare il via a un piccolo Giro d’Italia che lo ha portato a indossare le maglie della Spal, del Novara, del Foggia, dell’Udinese, del Lanerossi Vicenza, del Siena, della Pro Gorizia e infine dell’Opitergina. Proprio queste due ultime società battezzano la sua nuova carriera da allenatore, proseguita sulle panchine di Partinicaudace, Teramo, Ravenna, Novara, Nocerina (promozione dalla C2 alla C1), Ternana (doppia promozione dalla C2 alla B). Nel 2000 Del Neri viene chiamato a Verona, sponda Chievo, e nasce il miracolo: promozione in A al primo tentativo, zona Uefa l’anno successivo, Oscar del Calcio dell’Associazione Calciatori come miglior tecnico del torneo, ed un altro paio di ottimi piazzamenti.

Il gioco offensivo, la manovra sulle fasce, l’applicazione e l’organizzazione valgono a Del Neri la chiamata del Porto, che solo il mese prima, con José Mourinho, aveva vinto la Champions League. È una parentesi, con un esonero che interrompe il lavoro già in estate, senza partite ufficiali. Ricomincia il valzer delle panchine con Roma, Palermo, e di nuovo Chievo. Infine Atalanta, con due campionati d’alto profilo. Alla Sampdoria Del Neri è chiamato a dare respiro al progetto del presidente Garrone e dell’amministratore delegato Marotta: coniugare successi sportivi e bilanci mixando l’esperienza di alcuni campioni (Cassano, Pazzini, Palombo) con la freschezza e l’entusiasmo di molti giovani. E proprio quest’ultimo aspetto, caratteristica del gioco di Del Neri, sembra aver convinto la società blucerchiata nella scelta del nuovo allenatore.

Da alcuni anni, infatti, la Sampdoria ha imboccato la strada del vivaio per offrire rifornimenti alla prima squadra: con la formazione Primavera la società blucerchiata ha conquistato la scorsa stagione campionato, coppa Italia, Supercoppa, mettendo in luce numerosi talenti: da Poli a Marilungo, da Fiorillo a Mustacchio a Regini. Il nome di Del Neri aveva fatto nascere nei giorni scorsi alcune perplessità circa la convivenza con Antonio Cassano, che con il tecnico friulano ebbe un rapporto piuttosto conflittuale ai tempi della Roma, ma è stato lo stesso Cassano a fugare anche gli ultimi dubbi addossandosi la responsabilità per quella infelice esperienza giallorossa.

Segui le partite della Sampdoria 2009/2010 sul nostro sito

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl