ALESSANDRO BERTOLINI PROVA LA PISTA DEGLI ITALIAN "DERNY E CORSA A PUNTI DARANNO SPETTACOLO: SOGNO UNA MAGLIA TRICOLORE"

07/set/2010 15.35.48 mori2010 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
testatina mori 2010.jpg
 
 
 
MORI 2010: ALESSANDRO BERTOLINI PROVA LA PISTA DEGLI ITALIANI: “DERNY E CORSA A PUNTI DARANNO SPETTACOLO: SOGNO UNA MAGLIA TRICOLORE”

 
 
Manca ancora un mese e mezzo ai campionati italiani di ciclismo su pista, ma a Mori si comincia già a respirare aria di tricolore. E comincia a respirarla anche il padrone di casa Alessandro Bertolini (moriano “doc”), 38enne professionista della Androni Diquigiovanni, quest'anno già a segno al Giro del Trentino e grande amante delle sfide. L'inossidabile “Berto”, che rientrerà alle corse in occasione del Brixia Tour, ha approfittato di una mezza giornata di tempo libero per provare la nuova pista del velodromo di Mori, simulando una gara di derny assieme al tecnico del Centro Pista Mori (società organizzatrice degli Italiani) Diego Trepin.
“La nuova pista è davvero ottima - racconta Bertolini dopo la ricognizione -. L'avessi avuta io vent'anni fa una pista del genere... Innanzitutto voglio complimentarmi con tutti coloro che si sono impegnati per la realizzazione dell'impianto e con chi sta organizzando gli Italiani. Un grande lavoro ed anche una grande occasione, per Mori ed il Trentino. Non la dobbiamo assolutamente perdere e per questo voglio a tutti i costi esserci anch'io, per dare il mio piccolo contributo. Non è da tutti inaugurare una pista con un campionato italiano e questo dimostra la grande fiducia che la Fci ha nei nostri confronti. La dobbiamo ripagare. Ed anche in chiave futura invito i ragazzini a provare la pista, un'occasione per correre fuori dal traffico e per imparare ad andare in bicicletta. La pista è la base del ciclismo”.
Inutile nascondere che Bertolini voglia lasciare il segno nella rassegna tricolore di casa, lui che con le sfide va d'amore e d'accordo. “Finito il Brixia Tour mi dedicherò con più costanza alla pista e cercherò di stendere un programma, tant'è che per partecipare agli Italiani salterò anche il Giro del Veneto di fine agosto - continua il moriano -. Certo indossare la maglia tricolore in casa sarebbe il massimo. In che gara? L'individuale a punti ed il derny, di sicuro non la velocità. Il derny sarebbe l'ideale, anche perché penso sia la gara più spettacolare ed inoltre quella che chiuderà il programma. Tre anni fa ho già vinto una gara di derny alla Sei Giorni di Milano. Chissà che non riesca a ripetermi”.
Mori ed il Trentino tifano per Bertolini e lo fa anche il noto imprenditore trentino Gianni Marangoni, amico e sostenitore del “Berto” che, da buon appassionato di ciclismo, ha voluto seguire il corridore trentino nel corso dell'uscita in pista. “L'impianto di Mori è fantastico e penso rappresenti uno strumento ideale per avvicinare altri giovani al ciclismo, fuori dalle strade e dai pericoli - commenta Marangoni -. Un nuovo bacino, dal quale si potranno pescare i campioni del domani. Sono sempre stato dell'idea che ogni impianto sportivo porti dei vantaggi alla società, anche in termini di salute: meglio nuovi impianti sportivi che nuovi ospedali. Alessandro? E' un campione e spero possa chiudere la propria carriera con una vittoria agli Italiani di Mori. Sarebbe una degna e meritata chiusura”.
Intanto, sulla nuova pista continua l'attività. Mercoledì prossimo il Centro Pista Mori proporrà una gara nazionale per Esordienti, Allievi e Juniores. Un primo assaggio di quello che si potrà vedere dal 22 al 28 agosto prossimi in occasione dei campionati italiani giovanili ed assoluti.
 
 
Uffcio Stampa Mori 2010
Luca Franchini
cell. 349/7190267
 



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl