A Lodi il “Giretto d’Italia”, un’iniziativa Legambiente

Verrà contato il numero di biciclette che passano in 3 punti della nostra città dalle 7:30 alle 9:30 e si concorre con altre città, in categorie diverse a seconda della popolazione delle città interessate (quindi Lodi è nella categoria delle medio-piccole realtà urbane): vince naturalmente la città con più passaggi di biciclette nei tre punti scelti come campione nell'arco delle due ore interessate.

26/apr/2011 17.43.43 Lodinotizie.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
giretto

Martedì 3 maggio il Comune di Lodi partecipa al “Giretto d’Italia”, iniziativa promossa a livello nazionale da Legambiente.Verrà contato il numero di biciclette che passano in 3 punti della nostra città dalle 7:30 alle 9:30 e si concorre con altre città, in categorie diverse a seconda della popolazione delle città interessate (quindi Lodi è nella categoria delle medio-piccole realtà urbane): vince naturalmente la città con più passaggi di biciclette nei tre punti scelti come campione nell’arco delle due ore interessate.  A Lodi i tre punti sono: via Nino Dall’Oro; Viale Pavia (zona stadio); Via Castelfidardo (angolo Piazzale Medaglie d’oro)

Il Giro d’Italia lo vince, ogni anno, un grande campione del ciclismo. Il Giretto d’Italia lo vincerà una grande città di ciclisti. Per conquistare il primo bisogna pedalare tanto, per vincere il secondo bisognerà essere in tanti a pedalare. Il primo Campionato nazionale della ciclabilità urbana, assegnerà infatti la maglia rosa al Comune capace di mettere più ciclisti in circolazione. A sfidarsi, il prossimo 3 maggio, saranno 27 città divise in tre gironi (grandi, medie e piccole) che avranno il compito di convincere gli abitanti che solitamente si spostano con mezzi a motore a utilizzare la bicicletta per andare a scuola o al lavoro. Per capire quale saranno le tre vincitrici i Comuni allestiranno tre diversi check-point, in tre diverse strade, monitorando uno per uno tutti i veicoli in transito dalle 7,30 alle 9,30: i centri urbani con la migliore percentuale di spostamenti a pedali rispetto quelli a motore, si aggiudicheranno i rispettivi gironi.

CITTA’ IN GARA – Alla sfida – organizzata da Legambiente, Fiab e Cittainbici con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente – sono iscritte 25 città. Nel girone delle “Grandi” (oltre i 250mila abitanti) ci sono Bari, FirenzeGenova, Milano, Roma,Torino, Venezia e Verona. Tra le ” Medie” (oltre i 100mila abitanti), ci sono BolzanoFerrara, Grosseto, ModenaPadova,ParmaRavenna, Reggio Emilia, Trento, Vicenza e tra le “Città Piccole” (meno di 100mila abitanti), La Spezia, Lodi,MonfalconePisaPordenoneSchioSenigalliaUdine e Carpi. “Il Giretto d’Italia – sottolineano gli organizzatori – vuole dimostrare che ci sono già oggi città dove la mobilità a due ruote è una realtà consolidata e che hanno percentuali di spostamenti a pedali paragonabili a quelli di capitali europee, come Copenaghen o Berlino, unanimemente considerate a misura di bici”.

www.corriere.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl