Biciclette, come scegliere la migliore.

30/mar/2014 11.25.50 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Una buona bicicletta va scelta non tenendo in considerazione solo il badget che si ha a disposizione ma il motivo principale per cui sentiamo di fare questo acquisto. Potremmp così farci una certa cultura e comprendere molto di più, scendendo nei dettagli e scoprendo ad esempio quanto può essere particolae una bici STR Scandium.

Con questo termine ci riferiamo ad un telaio, realizzato appositamente per dare il meglio di se su diversi tipi di percorsi. Secondo gli esperti questo modello ha un telaio adatto alla corsa, è di fatto considerata la più veloce sul mercato. Schede tecniche di questo tipo di biciclette conferma la presenza dello Scandio è aggiunto alle leghe di alluminio, in modo da aumentare la durevolezza del materiale, addirittura fino al 50%.

In pratica si vanno a rafforzare le particelle dela lega, in modo da rendere il metallo meno soggetto ai problemi e ai difetti che possono poi rendere la parte scheletrica fragile ad un percorso accidentato. La resistenza, è bene sottolineare, che è fondamentale per qualsiasi tipo di percorso.

Essa è di fatto due volte più forte dell'alluminio, in realtà ciò nasconde anche un altro pregio, ovvero quello di poter usare meno materiali per realizzare una bicicletta molto resistente. E ciò aiuta anche a livello di leggerezza, di fatto una struttura del genere per quanto sia resistente come l'acciaio è quasi del 15% più leggera di una normale bicicletta.

Secondo vari studi quindi una bicicletta che ha un alluminio scandium è il miglior compromesso per affrontare nel giusto modo una sfida, unca corsa competitiva. In quanto batte tutte le altre in peso, fondamentale la leggerezza per affrontare le salite con il minor sforzo possibile ma anche per i prcorsi urbani.

Batte, in resistenza ottima per le disces, per le strade sterrate e per i percorsi urbani, e di conseguenza la durevolezza in quanto il telaio non arrugginisce come l'acciaio, di conseguenza la biciciletta risulta durare di più nel tempo. Con il risultato che conserva tale resistenza per una durata maggiore rispetto ad atri materiali come il carbonio.

Il telaio sembra sia una via di mezzo fra il telaio della crono e quella di un classico telaio da corsa. Assuendo così varie caratteristiche in base alle situazioni, proprio per la loro geometria. Risultando così molto veloce in pianura, per l'inclinazione del tubo verticale. In salita aiuta la propulsione umana grazie alla reattività.

Nella discesa ha la giusta stabilità che bisogna avere per essere sicuri. Ciò che la rende ancora un modello unico è stata la caparbietà di metterla sul mercato in diverse taglie, in modo tale da consetire la scelta della posizione migliore. Nelle due taglie L concepite, ad esempio si può individuare il punto di miglior spinta in modo da meglio regolare il baricentr o, appunto nel centro del telaio, senza preoccuparsi dei manubri.

 

Portando la sicurezza della guidabbilità a livelli massimi anche quando è in discesa. A distribuire le forze della pedalata ci pensano elementi che quasi passano inosservati, come il tubo verticale tondo, in modo da minimizzare le dispersioni. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl