basta piangiare è ora di reagire

06/dic/2006 20.00.00 stradi loris Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E’ ormai emergenza. In ogni sito internet, giornale oprogramma televisivo non si parla ormai d’altro.

I prodotti tipici italiani consumati nel mondo, vedono circa la metà dell'intero fatturato delsettore originale contraffatto, per un valore che sul mercato mondiale valealmeno 50 miliardi di euro.

Ed ecco la denuncia di Coldiretti nei confronti di questa "pirateria agroalimentare" chediffusa globalmente inganna i consumatori danneggiando le imprese di tutte leregioni italiane.

Una tavola imbandita con tutti i prodottiagroalimentari made in Italy contraffatti è stata allestita dalla Coldiretti diNapoli, in occasione del Meeting dei Presidenti dell’Organizzazione, perattirare l’attenzione sul mercato mondiale delle imitazioni di prodottialimentari italiani.

Il comparto dei prodotti tipici èsicuramente stimato come fra i più promettenti e dotati di un potenziale dicrescita.

La ragione sta nel fatto che una buonaparte degli abitanti del pianeta vedono il proprio futuro garantito ed hannoabbandonato la preoccupazione della quotidiana sopravvivenza, e sono nella fasedove la qualità della vita diventa il bene primario. L’ ”Italianway of life” è quindi il modello a cui ispirarsi, ed è nell’alimentazioneil primo elemento qualificante dello stile di vita.

Ma per assecondare questa tendenza ènecessario iniziare un’ opera di “acculturamento” di questipotenziali consumatori, avvalendosi degli strumenti della comunicazione e dinuove forme di sensibilizzazione.

E’ certo che per fare questo,occorre uno sforzo coordinato di tutti i soggetti avente causa, e quindi, acominciare dalle istituzioni e dalle associazioni.

Vi sono già forme di promozione in atto,e stanno avendo un ottimo successo e risultati eccellenti. Forme di promozionenate per passione e tramutatesi in ottimi veicoli di pubblicità. Tra questiquello che sta avendo un ottimo successo è utilizzare come veicolo il mondo delgolf.

Il fenomeno golf è abbastanza recente e complessoe sicuramente in crescita. La realtà del golf si colloca all’internodella filosofia del buon vivere che si basa sulla ricerca del benesserepsico-fisico, sulla riscoperta dei prodotti tipici di qualità. Un case historydi successo è sicuramente il Balsamic Golf Trophy – Trofeodell’Aceto Balsamico di Modena – che nel corso di 4 anni dalla suaideazione da parte di Loris Stradi titolare di Golf & Food, ha portato ilcondimento modenese nei più prestigiosi circoli golfistici italiani ed esteri.Il famoso Oro Nero è stato ovviamente il capitano di una squadra di prodottitipici modenesi che hanno potuto farsi conoscere ed apprezzare Tigelle,Amaretti di Modena, Lambrusco, Greppole, Cunza sono usciti dai confini modenesied hanno padroneggiato nei circoli golfistici italiani.

Purtroppo avere tanti campioni ma nessunallenatore porta a far si che in Cina siano arrivati prima i prodotticontraffatti che i Made in Italy, e quando si ha un allenatore ed un campo dovegiocare manca la volontà politica o associativa di ascoltare le novità.

Alla fine piangono tutti.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl