Coppa Italia Hockey Pista al SiaInfoplus Bassano!

0'21" Alessandro Michielon (B), 7'11" Alessandro Michielon (B), 8'58" Alberto

08/gen/2004 16.25.53 Stefano Zamperin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
 COPPA ITALIA 2003/2004 - FINAL EIGHT
 
 
FINAL EIGHT
- FINALE - Martedi' 06.01.2004
 
PALABASSANO di Bassano del Grappa (Vicenza) - ore 16.30
 
SIAINFOPLUS BASSANO HOCKEY 54 - PRATO PRIMAVERA = 3-0 (1° tempo: 0-0; 2° tempo: 3-0)
 SiaInfoplus Bassano Hockey 54:
Massimo Cunegatti, Dario Rigo, Alberto Orlandi (1), Alberto Michielon, Alessandro Michielon (2) - Subentrati: Michele Panizza - Non entrati: Enrico Giaretta, Marco Conte, Luis Nunes, Giovanni Fontana

 Prato Primavera:
Oriol Bargallo, Pierluigi Bresciani, Enrico Mariotti, Alessandro Bertolucci, Mirko Bertolucci - Subentrati: Mauricio Videla, Marcelo Uribe - Non entrati: Massimo Mariotti, Pierluigi Aguzzoli, Caciagli
 Marcatori: 1° Tempo: - - 2° Tempo: 0'21" Alessandro Michielon (B), 7'11" Alessandro Michielon (B), 8'58" Alberto Orlandi (B)
 Cartellini Gialli: 19' Alberto Michielon (B), 25' Mauricio Videla (P), 30' Pierluigi Bresciani (P), 33' Enrico Mariotti (P), 38' Alessandro Michielon (B) - Cartellini Blu: 30' Alberto Michielon (+ 2 min.)

 Arbitri:
Fedon di Gorizia e Di Nicola di Novara
 
 

 23 anni di astinenza, la Coppa Italia ritorna a Bassano nel cinquantesimo
 
 
Il SiaInfoplus Bassano stravince la Finale di Coppa Italia in un PalaBassano strapieno di gente festeggiante. Lo squadrone giallorosso fa crollare un sacco di record ormai da anni a favore degli acerrimi nemici toscani. 3000 le presenze ufficiali per questo primo verdetto della stagione per entrambe le compagini. Solo tre settimane fa i Campioni d'Italia avevano piegato i giallorossi con un doppio 2 a 1, soffertissimo per entrambe le compagini, nella doppia sfida nei Preliminari di Champions League. Al Bassano la "consolazione" di una Coppa CERS da protagonisti insieme agli spagnoli.
 Gran ressa alla biglietteria per avere un tagliando d'ingresso fin dalle 15.
 In campo invece partita attenta da ambo le parti, senza l'agonismo sfrenato delle ultime due sfide. Bassano più riservato, più attento ma non manca qualche errore quasi banale con palline regalate in piena impostazione di gioco. Primo acuto della finalissima al sesto minuto quando il Prato ruba palla a metà campo e il duetto inedito Alessandro Bertolucci e Gigio Bresciani arriva fin a pochi passi dal miracolo dei gambali del Cune. Sessanta secondi più tardi e la partita si apre improvvisamente: prima il Prato sfiora il vantaggio poi i giallorossi ci riprovano ma i due protagonisti sono i due portieroni. Bagarre in campo e a metà gara doppio brivido e doppio mugolio del palazzo quando Dario Rigo in discesa alla "Ghedina" spara sulla traversa, e l'arrembante "Tomba" Alberto Orlandi in tap-in la fionda sul palo. Dalla curva, alla tribuna, uno sconforto globale che zittisce l'infuocato palasport. Le squadre invece di sfidare la dea bendata, tra l'altro sembrerebbe ancora per l'ennesima volta avversa al nostro team, si chiudono a riccio e la tattica prevale sullo spettacolo. Nessun sussulto con le due compagini pronte solo a difendere e magari ad intraprendere delle timide azioni offensive.
 Se il Sia Infoplus aveva l'abitudine di segnare con i campioni d'italia nei primi 25 minuti, questa volta il primo gol giallorosso (ormai una tradizione) arriva a tagliare le gambe degli avversari dopo soli 21 secondi dal fischio del duetto arbitrale Fedon-Di Nicola. Fiondata di 15 metri di Alberto Michielon, il gemello Alessandro è beccato in un clamoroso contropiede solitario e la bomba ravvicinata si spalma appena vicino alla traversa, trafiggendo il quotato Bargallo. Il palazzetto esplode in un urlo liberatorio. Bassanesi gasatissimi sul parquet del PalaBassano: il Prato sembra non reagire alle mazzate dei quattro della Nazionale e al settimo minuto Orlandi se ne beve tre sulla balaustra e regala un eurogoal di prima al bomber di sempre Alessandro Michielon che la piazza dove nessuno ha osato, tra il guantone e la traversa del massacrato Bargallo. E' l'apoteosi tra i 3000 del palasport. Prato confuso prova l'assedio a suon di bombe dai 7 metri ma proprio in un rimpallo fortunoso la "Furia Cavallo del West, Orlandi" s'invola sul tappeto rosso della vittoria con un gancio d'altri tempi che fa impallidire anche ai più collaudati pratesi. E' la standing ovation con i nostri sotto la curva giallorossa ad innalzare l'urlo Bassano, Bassano. Atmosfera incandescente. Non è ancora finita! Il Prato potrebbe riaprire virtualmente il match con un tiro dai cinque metri con l'assassino dello scorso anno in quel lontano 5 giugno 2003, Mirko Bertolucci. Questa volta il funambolico di Viareggio sbaglia tutto, cercando il dribbling alla botta sicura che valse il primo massimo titolo italiano. Pubblico in piedi a scandire gli ultimi minuti di questa ennesima partita infinita tra veneto e toscana. Ci scappa un secondo e dubbissimo rigore assegnato dall'arbitro di Novara ma anche questa volta Enrico Mariotti non ha la forza di alzare la pallina sul più bello: strepitoso Cunegatti che anticipa il gigante toscano col guantone destro. Il sigillo ormai è sicuro e il finale è una mezza corrida. La Coppa la alza il capitano Michele Panizza dopo 23 anni di astinenza. Mini-invasione di campo e champagne sulla gloriosa pista rimessa a nuovo per il cinquantesimo anno della società bassanese. E proprio il 2004, al primo appuntamento del cinquantesimo anno di vita del Bassano Hockey, è l'anno della svolta. Sei le sconfitte patite nell'ultimo anno. Due giri di pista per ringraziare i 3000 del palazzo e la festa si sposta fuori dal recinto del PalaBassano per una notte lunga e gloriosa. Nell'albo d'oro, il Bassano ora puo' vantare due Coppe italia, 1981 e 2004. 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl