Com. Stampa Bassano Hockey 54

PRATO Non è più come l'anno scorso, ora è il SiaInfoplus da

16/gen/2004 02.30.39 Stefano Zamperin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 CAMPIONATO ITALIANO SERIE A1 2003/2004
 
 
GIRONE di ANDATA - 12° GIORNATA - Sabato 17.01.2004
 
PALABASSANO di Bassano del Grappa (Vicenza) - ore 20.45
 SIAINFOPLUS BASSANO HOCKEY 54  -  PRIMAVERA PRATO
 
 

 Non è più come l'anno scorso, ora è il SiaInfoplus da battere
 
 
E' cambiato qualcosa e tutti se ne sono accorti. Il trionfo assoluto del Bassano SiaInfoplus solo 10 giorni fa è ancora nell'aria e il Prato deve dimostrare molte più cose del nostro team. Se lo scorso anno la squadra toscana rifilo' sei risultati positivi su sei ai nostri ragazzi, già da questa seconda sfida annuale il Prato deve dimostrare un cambiamento di direzione. E' la quarta volta che l'Ecoambiente ritornerà a Bassano del Grappa in poco più di 40 giorni. Il terrore è nelle gambe dei campioni d'italia perchè il risultato non devono farlo i padroni di casa ma proprio gli ospiti. Ma come mai? Aver dominato per un anno solare la scena italiana è sicuramente un macigno sulle spalle dei giocatori del Prato e la sconfitta durissima di 3 a 0 patita solo 6 giorni, potrebbe essere ancora nella testa dei Bertolucci e Mariotti. Chi vince questa gara ipoteca una bella fetta di regular season, è comunque uno scontro al vertice.
 Quello che salta all'occhio sono le due ultime vittorie corpose dei toscani, una in Spagna nella tana del Vic e una contro l'unico nostro neo della stagione, il Roller Novara. Segnali d'avvertimento non da poco: l'8 a 4 in quel di Vic è già una grandiosa impresa e l'11 a 3 contro il Novara aumenta le probabilità di vittoria dei Campioni.
 Al PalaBassano è facile dirlo, ci sarà un grande pubblico, galvanizzato dalla conquista del secondo trofeo della storia bassanese. Difatti i preparativi della società sono sempre di notevole sforzo organizzativo, vedasi l'apertura già a domani (Venerdi') della biglietteria per non parlare delle sorprese che aspetteranno il pubblico al PalaBassano. Sara' un ricco sabato sera di emozioni.
 Per molti addetti ai lavori, Enrico Mariotti sembra aver sostituito i due fratelli leader Bertolucci, proprio di un altro mondo lo scorso anno, mentre in questa nuova stagione evidentemente diminuiti di rendimento. Il cinismo è dei fuoriclasse più furbi: ancora fanno ragionare i vari guizzi dei fratelli nella recente sfida di Champions League, anche se analizzando più profondamente la squadra avversaria, c'è stata una diminuzione di efficienza in fase realizzativa, anche se in campionato vantano ben 90 reti all'attivo in 11 partite giocate contro le più umane 59 nostre. Solo due invenzioni di Mirko Bertolucci (viziato da un errore difensivo) e di Mauricio Videla (forse insieme a Mariotti l'unico che potrebbe cambiare le sorti del Prato) hanno confezionato il pacchetto Coppa dei Campioni in quel di Prato. Per il resto la difesa demarca qualche appannamento di notevole importanza. Questo accadde contro di noi già in tre incontri.
 Girando lo sguardo al SiaInfoplus Bassano notiamo un rinforzamento del reparto difensivo e la conseguente solidità dell'attacco. Le azioni nascono dall'angolo e con la forza fisica nettamente a favore dei giallorossi, lo sfondamento del centrocampo è davvero più facile. Mettiamoci anche una giornata storta di Oriol Bargallo, ma la sconfitta del Prato in Finale desta ancora qualche dubbio al nostro allenatore portoghese Carlos Dantas.
 "Non è una squadra da prendere sottogamba. La loro forza per me sta nelle numerose possibilità di cambiamento in attacco, quello che noi non possiamo avere per il momento. Il nostro "segreto" sarà simile a quello della Coppa Italia ma bisogna essere più concentrati nell'impostazione di gioco, dove ultimamente perdiamo parecchie palline".
 E' tranquillo il coach portoghese, denominato in Portogallo "Imperador Carlos", ma teme l'orgoglio toscano e un rilassamento dei nostri.
 A voi la sfida dell'anno senza telecamere e forse l'unica della "serie" senza quell'occhio nascosto che forse "trattiene" l'agonismo e l'hockey più rude.
 Fischietto dell'incontro l'arbitro novarese Carmagnola, già direttore di gara in quell'orribile prima gara di Finale Scudetto dello scorso anno, conclusa con un umiliante sconfitta 6 a 1. 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl