Hockey su Pista - BassanoH54 - I giallorossi sconfitti in Spagna in finale

22/apr/2004 17.21.46 Stefano Zamperin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 



COPPA EUROPA "CERS" 2003/2004

SEMIFINALI
- GARA
di RITORNO - Sabato 20.03.2004
Palacio Deportes di Reus (Spagna) - ore 21.30
REUS DEPORTIU - SIAINFOPLUS BASSANO HOCKEY 54 = 4-0 (1° tempo: 1-0; 2° tempo: 3-0)
Reus Deportiu:
Joan Carles Vadillo, Jordi Garcia, Lluis Teixido, Marc Gual, Xavier Caldu' (2) - Subentrati: Ricardo Pereira, Toni Sanchez (2), Joan Sabater - Non entrati: Raul Marin e Roger Molina
SiaInfoplus Bassano Hockey 54:
Massimo Cunegatti, Alberto Michielon, Alberto Orlandi, Dario Rigo, Alessandro Michielon - Subentrati: Michele Panizza, Enrico Giaretta, Marco Conte - Non entrati: Giovanni Fontana
Marcatori:
1° Tempo: 19'18" Toni Sanchez (R) - 2° Tempo:
3'50" Xavier Caldu' (R), 4'29" Xavier Caldu' (R), 15'55" Toni Sanchez (R)
Cartellini Gialli: 3' Alberto Michielon (B), 12' Massimo Cunegatti (B), 36' Michele Panizza (B), 39' Alessandro Michielon (B), 40' Ricardo Pereira (R), 44' Toni Sanchez (R), 47' Joan Sabater (R), 47' Dario Rigo (B)  -  Cartellini Blu: 39' Michele Panizza ( +3 min.) (B), 41' Alessandro Michielon ( + 3 min.) (B), 41' Marco Conte ( + 5 min. diretto) (B)
Arbitri:
  Micheal Niessen (Germania) e Martin Lehn (Svizzera)


Leoni giallorossi incatenati nella corrida e il Reus ha metà Coppa in sacco

Inizia con una "sonora" sconfitta del SiaInfoplus Bassano, la prima parte della Finale Europea di Coppa CERS di Hockey su Pista. Un 4 a 0 un po' bugiardo, con un gol fantasma che ha deciso la partita, con una direzione arbitrale ai limiti dell'imponderabile. Una partita a senso unico a dir il vero, come nelle previsioni, con un gap pero' troppo pesante per due squadre ben equilibrate, con una maggior predisposizione offensiva dei rossoneri di Spagna, favoriti dal fattore campo. Giallorossi assediati in difesa, Reus ben disposto in centropista, molto piu' forte del Lleida Llista dello scorso anno, con una fantasia in attacco davvero imprevedibile. Il migliore giocatore in campo sicuramente è stato Massimo Cunegatti, paratutto della nazionale e del SiaInfoplus, che ha fatto impallidire anche i tifosi piu' esagitati.
L'allenatore dei locali, Manuel Barcelo', schiera in pista Gual al posto di Toni Sanchez mentre per il resto il quintetto è quello di sempre. Il SiaInfoplus di Dantas schiera invece il quintetto della Nazionale Italiana, il migliore possibile.
Il Reus Deportivo, forte di un pubblico affiatatissimo di quasi 3000 persone, comincia subito a pressing alto. SiaInfoplus arroccato in difesa e piu' o meno sarà il leit-motiv della serata.
Il primo episodio, decisivo, del match accade subito dopo 180 secondi quando clamorosamente l'arbitro tedesco Niessen ammonisce Alberto Michielon. Per che cosa non si capisce nemmeno nel replay, visto che comunque il fallo non l'aveva commesso Alberto, tra l'altro l'unico giallorosso ad avere già due cartellini blu e con un pendolante terzo sulle spalle. Praticamente un masso grande cosi' che lo ha travolto e condizionato per tutti i restanti 47 minuti, compromettendo tutta la resa della squadra, risultando pero' un grande nell'autogestirsi e non cadere nei tranelli spagnoli.
Il SiaInfoplus comunque non si fa intimorire e per ben due volte nei primi 8 minuti puo' palesemente recriminare su due falli degli spagnoli su altrettanti contropiedi troncati nel quarto bassanese, quindi due punizione di prima limpide come l'aria. Proteste fin da subito... ed è solo l'inizio. All'undicesimo minuto primo e vero impegno di Massimo Cunegatti sul tiro scaturito da una mischia in centro area. Decisione oltre che discutibile anche quella accaduta al dodicesimo minuto, quando un giocatore atterra platealmente dentro l'area di rigore. E' penalty e pure una ammonizione all'italico Cunegatti. Il gatto pero' non si fa intimorire e Marc Gual ci pensa di suo a sparare alto. Al minuto 18 Antonio Sanchez sfiora il vantaggio con una precisa deviazione volante davanti al Cune, che d'istinto devia compiendo un miracolo. Un minuto piu' tardi il Bassano usufruisce di una punizione di prima, finalmente assegnata per l'ennesimo atterramento, questa volta al limite dell'area. Dai dieci metri si apposta Alessandro Michielon. Il suo rigore all'americana elude il portiere avversario ma la scoccata finale è debole e con un po' di furbizia Vadillo neutralizza. Il gioco riprende subito e la nostra squadra rimane un po' attardata. Sfrutta il buco in area Toni Sanchez che tapina di prima intenzione la corta respinta del Cunegatti dal tiro da posizione defilata di un compagno reusense. Il Palacio esplode di gioia. All'ultimo minuto il Reus sfiora il raddoppio con l'ennesima e spettacolare deviazione volante, colpendo un incrocio dei pali che fa ululare tutti i 3000 del palazzo. Arriva la sirena per fortuna a tagliare l'assedio rossonero.
La ripresa è terribile; il Reus non s'accontenta e a testa bassa sforna una miriade di occasioni-gol. Il secondo episodio che a conti fatti deciderà tutta la partita e il suo andamento, è il raddoppio dei padroni di casa. Xavier Caldu', il bomber del team catalano, fa il classico giro porta e infila la pallina tra il palo e i pattini del Cunegatti. La palla non oltrepassa la linea di porta ed è tutto apposto, tranne il fischio congiunto dei due arbitri, che vedono clamorosamente il gol dentro la porta. La posizione dei due referee è nettamente sfavorevole, coperti da tutti e vengono ingannati da una mossa del Cunegatti. Il replay in TV poi confermerà la sensazione dalla panchina: il gol era inesistente. Proteste vibranti dei portacolori giallorossi, ma tutto rimane inalterato. Il SiaInfoplus è scosso e in 30 secondi crolla sotto gli occhi attoniti dei 30 tifosi arrivati da Bassano con aereo, camper e auto, tra l'altro eccezionali come sempre, sempre a cantar anche se il tifo locale li sopravvanzava di gran un bel po'. Massimo Cunegatti ne fa quattro di miracoli, uno dietro l'altro, parando ben quattro tiri uno piu' difficile dell'altro, ma al quinto soccombe steso a terra, sbilanciato, e Caldu' ha vita facile ad appoggiare la pallina in rete, con la difesa attonita e bloccata.  Il Bassano tenta il colpo d'orgoglio con la bomba di Dario Rigo, una delle poche concesse ai tiratori giallorossi, ma Vadillo col pattino devia in spaccata. Il Reus spadroneggia in pista sotto la Ola del pubblico spagnola ed anche le energie vengono a mancare. Espulso col blu cumulativo a Michele Panizza, entrato solo da cinque minuti in pista, al quattordicesimo per un fallo discutibile. Un'altra tegola si abbatte già in una partita iniziata malissimo con l'arbitraggio nettamente sfavorevole. Al suo posto rientra Alberto Michielon, fatto riposare per alcuni minuti. Neanche il tempo di assestare il nuovo quartetto e Alessandro Michielon viene allontanato dal rettangolo di gioco per un fallo da ultimo uomo, giusto per una volta e sanzionato con un altro blu. Di male in peggio se pensiamo che persino lo svizzero aveva chiesto al gemello Alberto di andarsene, con un palese errore che da un arbitro internazionale di Coppa non ci si aspetterebbe. La punizione dai 10 metri è micidiale e per la prima volta nell'anno Toni Sanchez rompe la saracinesca valdagnese, sfatando un grande tabu'. Niente da fare. Il finale è un terribile inferno col tifo assordante dei reusensi e una traversa salva la faccia ai giallorossi a 6 minuti dalla sirena finale. Marco Conte entra al posto di Ale Michielon e neanche di nuovo il tempo di assodare gli schemi e il tedesco lo spedisce anzitempo in panca (blu direto) per un fallo che anche in altre partite internazionali avrebbero persino lasciato andare. E' la beffa finale. La ciliegina pero' si assiste al termine dell'incontro quando Sabater, capitano storico del team, si rifiuta di salutare Rigo. Una scenata degna dei peggiori film in circolazione che fa imbestialire tutti e tutto. Il Bassano esce sotto le monetine, sputi e fischi senza che nessuno fermi i poveri scatenati della curva appostata subito dietro le due panchine. Le contestazioni finali della panchina fanno impallidire il capoarbitro e viene mostrato un rosso al presidente della società Merlo, a dir poco irato dalla conduzione d'oltralpe.
Questo quanto è successo in campo, ampliamente preannunciato nelle previsioni del match e che è stata una mesta conferma. L'amaro in bocca è di aver assistito ad uno spettacolo pessimo nel finale, antisportivo e antihockeystico, episodi che succedono per fortuna solo in alcuni luoghi al mondo. L'amarezza rimane, anche se dopo tutto il Reus è quello che ha creato enormemente di piu', convinto piu' dei propri mezzi. Il Siainfoplus ha preferito come già successo nelle altre partite internazionali, attendere e ripartire in attacco. L'attesa è stata predominante e i tiri si contano con le dita delle mani, grazie soprattutto agli anticipi sistematici della impenetrabile difesa spagnola. Il 4 a 0 è pesantissimo, troppo, viziato da troppi fattori come non dovrebbe succedere. La superiorità c'è, esiste, ma non cosi' evidente, anche se la panchina locale è molto piu' lunga, con l'utilizzo di tutti gli 8 giocatori già nei primi 10 minuti di gioco. Il miracolo è ancora possibile, le squadre sono equilibrate, basta un niente per capovolgere tutto, ma dopotutto se andiamo a sgranocchiare le statistiche avversarie il Reus è ad un passo dalla conquista del bis europeo, non meritato ancora pienamente in pista. Il ritorno è previsto il primo maggio alle 21.00 al PalaBassano.
Lo sconforto potrebbe aver già attanagliato tifosi e appassionati del SIaInfoplus, ma ricordiamolo che è sempre una Finalissima, dove anche una A puo' cambiare il volto di una partita equilibrata e dare il via al miracolo giallorosso. Non perdiamo le speranze, è comunque un evento irripetibile!!


Prossimi appuntamenti:
Sabato 24 Aprile al PalaMaliseti di Prato alle ore 20.45, contro i locali della Primavera Prato, venticinquesima giornata del Campionato di Serie A1.
Sabato 1° Maggio al PALABASSANO di Bassano del Grappa alle ore 21.00, contro il Reus Deportiu, valida come ritorno della FINALE EUROPEA DI COPPA CERS.
 

Sede di andata Sede di ritorno Andata
17/4/04
Ritorno
1/5/04
Totale
Reus Deportiu (Spagna) SIAINFOPLUS
BASSANO HOCKEY 54
4-0 - -


LA CLASSIFICA MARCATORI GIALLOROSSA IN EUROPA

Giocatore Part.
gioc.
Reti
#5 - Alessandro Michielon 8 6
#8 - Alberto Orlandi 8 5
#4 - Marco Conte 5 4
#7 - Alberto Michielon 9 4
#3 - Michele Panizza 8 3
#6 - Enrico Giaretta 4 3
#9 - Dario Rigo 8 2
#2 - Luis Nunes 2 0
Autorete 0 0

 

 

 

 

 


Per altre statistiche piu' dettagliate vi invitiamo a navigare nel nostro sito internet www.bassanohockey54.it
 

Bassano del Grappa (Vicenza),  il 19/04/2004


Stefano Zamperin
Ufficio Stampa Bassano Hockey 54
Webmaster Sito Ufficiale Bassano Hockey 54
news@bassanohockey54.it - www.bassanohockey54.it
Cell.:  +39 348 9327659


Per rimuoverti da questa mailing-list invia un'e-mail a news@bassanohockey54.it e scrivi nell'oggetto "RIMOZIONE MAILING-LIST"
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl