B1F Gir. A - Grima Tradate-Matia Ornavasso 2-3

23/ott/2011 13.44.39 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Grima Tradate-Matia Ornavasso 2-3 (23-25, 25-22, 14-25, 25-19, 15-17)

Grima Tradate: Arnoldi 20, Volpi, Garzonio (L), Massara 9, Causevic 18, Moda 4, Sghedoni 1, Fasoli 14, Arioli, Brogliato (L2) ne, Perinetto ne. All.: Alessandro Greco

Matia Ornavasso: Moneta 20, Pesce 1, Albini, Ghilardi (L), Minati 18, Tasca 11, Perrone 1, Mossetti, Bertaiola, Salvi 11, Gloder ne, Loda 19. All.: Massimo Bellano. 2°: Matteo Azzini.

Arbitri: Federico Ceschi e Cristiano Cristoforetti di Verona.

 

TRADATE - La Matia Ornavasso torna da Tradate con due punti. Niente bottino pieno per le Api nella seconda giornata del campionato di B1 femminile e, anzi, una vittoria sudata ottenuta solo al tie break e con il minimo scarto. Dopo aver agevolmente sconfitto le biancoblù nei due precedenti confronti di Coppa Italia, le giallonere si sono presentata a Tradate con l’obiettivo di dare continuità alla bella vittoria su Vigolzone. Un compito riuscito solo in parte, sia per propri demeriti, sia per i meriti di un avversario che ha saputo mettere in difficoltà le ossolane.

Si comincia con i sestetti annunciati. Massimo Bellano schiera Valeria Pesce in palleggio con Veronica Minati opposto, Sara Loda e Serena Moneta ali, Federica Tasca e Giulia Salvi centrali, Alessia Ghilardi libero.

Alessandro Greco replica con la regista Valentina Sghedoni in diagonale a Giulia Arioli (che già nel primo set lascerà il posto a Elisa Massara per non rientrare più), Mia Causevic e Jenny Arnoldi in posto-quattro, Elisa Moda e Francesca Fasoli centrali, con libero Barbara Garzonio.

L’inizio della Matia è positivo. Le Api controllano l’incontro e vanno sull’8-3 e il 16-12. Poi, nel finale di set, un passaggio a vuoto e la buona reazione di Tradate riporta sotto le locali, che pareggiano a quota 23, prima che le Api diano la spallata utile per chiudere i conti sul 25-23.

C’è comunque da lottare e si capisce che per le ospiti vincere in terra varesina non sarà facile. La conferma arriva a inizio del secondo periodo. Molto attente in ricezione e in difesa, Arnoldi e compagne fiaccano una Matia che in attacco fatica a mettere palloni a terra e alla quale servirebbe più pazienza nel costruire il gioco. Tradate si prende fin da subito quei 2-3 punti di margine che mantiene sino al 25-22.

La situazione si inverte nel terzo set, vinto con autorevolezza da Minati e compagne, che piazzano subito un break di 8-0 che cresce fino al 25-14 finale.

Il traguardo della Matia pare farsi più vicino ma il quarto set è ancora appannaggio delle locali, brave a sfoggiare maggior determinazione e lucidità. Avanti 8-4 le Api si fanno raggiungere sul 13-13, disunendosi progressivamente e cedendo 25-19.

Al tie break succede un po’ di tutto perché le ossolane vanno sotto 5-2 ma ribaltano 10-7 riuscendo, questa volta sì, a far propria la lotta di nervi dei punti decisivi. Il match si conclude sul 17-15 per la Matia che lascia per strada un punto e che deve già guardare al prossimo match casalingo contro Vigevano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl