B1F A - Presentazione Chieri-Matia Ornavasso

04/nov/2011 19.24.29 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

È un posticipo insidioso quello che attende la Matia Ornavasso. Domenica alle ore 18 (arbitrano i fischietti siciliani Francesco Salerno di Gela e Luigi Condorelli di Modica) le Api scendono infatti in campo in casa della matricola Chieri, rivelazione del torneo con i suoi 8 punti - gli stessi delle ossolane - raccolti nelle prime tre giornate contro Vigevano, Vigolzone e Asti. L’ottimo avvio della compagine allenata da Max Gallo, che solo la scorsa primavera lottava con successo nei playoff di B2, può forse sorprendere i più, ma non è certo casuale. Lo affermano i numeri delle torinesi ma anche la qualità della rosa, che è mediamente molto giovane ma che può contare su alcuni elementi di esperienza, che ha dalla sua la mancanza di pressione (si tratta della seconda squadra della compagine che milita in A1 e non ha l’assillo dei risultati), l’entusiasmo e un allenatore abituato a far crescere ragazze giovani e promettenti.

Dopo gli esordi in Liguria tra Quiliano e Albenga, Gallo ha lavorato a lungo nel Piemonte meridionale, seguendo per cinque stagioni il Cuneo tra giovanili e B1. Poi c’è stato il biennio ad Alba e il successivo passaggio a Chieri. Nella città torinese ha assemblato  il gruppo che l’anno scorso è arrivato secondo in B2 dietro Villata ed è salito in B1 grazie ai playoff. Gruppo che ha mantenuto quasi del tutto intatto inserendo una sola atleta nel sestetto e, sfruttando la continuità, ha ben iniziato la stagione.

La novità è Serena Meneghello, 27enne che viene dal Villata e che nelle stagioni addietro ha giocato in B1 a Monza, Flero e Donoratico. Opposto fino all’anno scorso, è stata convertita con grande profitto in schiacciatrice-ricevitrice. Con lei nel reparto dei posti-quattro c’è la chierese Chiara Burzio, classe ’85 che ebbe un grande inizio di carriera proprio a Chieri in A2 e nella Nazionale giovanile e che ha successivamente vestito le casacche di Asti e Trecate. L’opposto è Federica Nasari, albese di 20 anni al suo secondo anno a Chieri. Sulla sua diagonale gioca il palleggiatore Silvia Bersighelli (’88). Come la compagna Nasari, Bersighelli ha giocato ad Alba agli ordini di Gallo. Da Alba due anni fa è partita insieme a Valentina Soriani (‘89), centrale nel reparto che ha come altra titolare Rossella Pilotti (‘90), già vista in B1 a Giaveno. Il libero è la più esperta Enrica Magaraggia (‘84), cresciuta nel Pietro Micca di Biella e transitata per Trecate e Settimo Torinese. Non sono da valutare anche le seconde linee come le banda Paola Molineris (’88) e Cristina Levra Levron (’94), la centrale Camilla Neriotti (’94) e l’opposto Ariana Pirv (’96), italoromena nipote d’arte (la zia è Cristina Pirv) che ha vinto il Trofeo delle Regioni con la rappresentativa regionale piemontese in estate.

A dare spessore al valore di Chieri ci sono anche, come detto, i risultati. Le ottime prestazioni dell’ultimo biennio hanno reso la palestra torinese un fortino quasi inespugnabile. L’ultima sconfitta interna delle piemontesi risale alla stagione 2009/2010, quando - il 24 aprile - la Mokaor Vercelli in B2 passò per 3-1. Da allora sono arrivate 18 vittorie consecutive contando anche i playoff della stagione passata.

Dopo 560 giorni di imbattibilità la Matia proverà a cancellare questa statistica nella consapevolezza che la continuità di risultati è indispensabile per cercare di puntare in alto. Massimo Bellano, che contro Vigevano ha avuto dalle sue ragazze la miglior risposta al passaggio a vuoto mostrato a Tradate, affronta la trasferta torinese con la serenità di avere tutto il gruppo a disposizione e in crescita ma con la consapevolezza che Chieri è una buona squadra. «Stimo e apprezzo Gallo e sono convinto che abbia in mano una formazione interessante - dichiara l’allenatore -, forte fisicamente e ben messa in campo. L’ho studiata in video e mi ha destato un’ottima impressione anche per i pochi errori che commette e per il livello di gioco. Non è un avversario da sottovalutare, anzi…».

Tra l’altro Chieri sarà anche il prossimo avversario di Coppa Italia della Matia, che agli ottavi di finale ha pescato proprio le torinesi. Si giocherà tra l’8 dicembre e il 4 gennaio nelle date che concorderanno le due società e con il retour match programmato in Ossola in virtù del miglior risultato della prima fase. La vincente ai quarti di finale affronterà la superstite della sfida tra Vigolzone e Settimo Torinese. Gli altri abbinamenti sono Bergamo-Monza, Cadelbosco-Flero, Padova-Porcia, Udine-Breganze, Casaldepazzi-Sabaudia, Bari-Molfetta.

Ornavasso-Chieri è sicuramente il match di cartello della quarta giornata di campionato, che si svolge per 6/7 di sabato e che ha come unico posticipo quello di Chieri. Da seguire anche il derby emiliano tra un Vigolzone in crisi di risultati e il Collecchio che è partito molto bene in stagione e i derby lombardo Villa Cortese-Monza e piemontese Villata-Settimo. Al PalaFamila, come su tutti i campi d’Italia, la partita delle Api inizierà osservando un minuto di raccoglimento in memoria di Carlo Iacone, lo storico presidente della Sirio Perugia morto oggi all’età di 66 anni.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl