B1F A - Matia Ornavasso-Massarosa 3-0

Matia Ornavasso-Delta Luk Massarosa 3-0 (25-16, 25-9, 25-14) Matia Ornavasso: Baradel, Barba, Moneta 6, Albini 2, Ghilardi (L), Minati 18, Tasca 5, Perrone, Mossetti, Bertaiola ne, Salvi 6, Gloder (L2) ne, Loda 15.

Persone Paolini, Veronica Barba, Claudio Conti, Fabrizio Barberio, Raffaele Giraldi, Andrea Marselli, Dentini, Matteo Azzini, Massimo Bellano, Silvia Bertaiola, Silvia Baradel, San Mariano
Luoghi Bergamo, Brescia, Massarosa, Corciano, Chieri, Ornavasso, Brianza, Monza
Organizzazioni International organization of securities commissions
Argomenti sport, tennis, pallavolo

04/dic/2011 12.17.45 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Matia Ornavasso-Delta Luk Massarosa 3-0 (25-16, 25-9, 25-14)

Matia Ornavasso: Baradel, Barba, Moneta 6, Albini 2, Ghilardi (L), Minati 18, Tasca 5, Perrone, Mossetti, Bertaiola ne, Salvi 6, Gloder (L2) ne, Loda 15. All.: Massimo Bellano. 2°: Matteo Azzini.

Massarosa: Iosco 4, Pisani, Paolini 6, Magnelli 3, Baudone (L), Papa 5, Cosci, Dentini 3, Gnesi, Ghezzi ne, Massarotto 4, Venturi (L2). All.: Andrea Marselli. 2°: Raffaele Giraldi.

Arbitri: Fabrizio Barberio di Brescia e Claudio Conti di Bergamo.

 

ORNAVASSO - Le Api all’inseguimento della capolista. Con il netto 3-0 inflitto al Massarosa e in virtù della concomitante sconfitta (la prima stagionale) di Monza a Chieri, la Matia Ornavasso sale a -1 dalla vetta e si prepara per lo scontro diretto di sabato prossimo.

L’ottavo turno di campionato non ha riservato sorprese per le giallonere, che contro le toscane di Andrea Marselli hanno fatto valere il fattore campo e il pronostico, concedendosi anche la possibilità di far debuttare la diciassettenne Veronica Barba, centrale della Prima Divisione che in queste settimane sta sostituendo Silvia Bertaiola, il cui infortunio alla caviglia è in via di guarigione. Serata di debutto anche per il nuovo palleggiatore ornavassese, la romana Silvia Baradel, arrivata venerdì dal San Mariano Corciano.

A inizio gara Massimo Bellano schiera il sestetto annunciato con Albini in palleggio, Minati opposto, Tasca e Salvi centrali, Loda e Moneta ali, Ghilardi libero.

Le lucchesi replicano con Cosci in regia e l’esperte Paolini sulla sua diagonale, Magnelli e Dentini al centro, Iosco  Papa in posto-quattro, Venturi libero.

La Matia parte in sordina e va sotto 4-2 con un ace di Dentini su Loda. La stessa schiacciatrice e la grande vena di Minati al servizio (5 ace e 1 errore in tutta la gara) ribaltano la situazione. Le locali vanno al primo time out tecnico sull’8-5 e quando rientrano in campo accelerano fino al 16-9.  Sul 18-10 Bellano toglie Albini per Perrone e nella rotazione successiva inserisce Baradel per Minati completando il cambio di diagonale e lasciando spazio all’esordio da Ape della ventenne romana. Negli scambi finali entra anche Mossetti per sfruttare il servizio, che Moneta capitalizza mettendo a segno il punto del 25-16.

Nel parziale successivo sembra che ci possa essere maggior equilibrio e, difatti, nessuno riesce a prendere il sopravvento, almeno fino a un terzo di set. L’errore al servizio di Tasca manda Massarosa al time out tecnico avanti 8-7. Alla ripresa c’è subito cambio palla e sulla linea dei nove metri si presenta Albini. Da quel momento in poi c’è solo la Matia, che batte bene, mura meglio e difende alla perfezione. Una combinazione letale per le toscane, che tra tanti errori naufragano in un break di 17-0 interrotto solo dal 24-9 della neoentrata Massarotto (nel frattempo per la Matia aveva debuttato Veronica Barba, classe 1994), che diventa subito 25-9.

Marselli lascia in campo Massarotto per Dentini ma la sostanza è la stessa: 4-0, 9-3, 19-9 e 25-14 sono i passaggi intermedi della Matia nella conquista del terzo set e della partita, che va in archivio in 61 minuti di gioco. La differenza si legge tutta nelle statistiche: nel 52% in attacco delle Api (Minati e Loda spiccano con il loro 72% personale) contro il 30% delle avversarie (solo il 21% per la top scorer Paolini, autrice di 6 punti); nel 37% di ricezione del Massarosa; nel confronto dei punti in battuta (9 a 2); e in quello dei break point: 43 a 13.

Per Minati e compagne è il quarto 3-0 consecutivo, la vittoria numero 7 in 8 partite. Ora in classifica Monza guida con 21 punti, uno in più della Matia (20) e due su Chieri (19). E sabato in Brianza c’è Monza-Ornavasso.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl