B1F A - La Matia Ornavasso saluta un grande 2011

Calcolando i risultati e ipotizzando di stilare una classifica virtuale tra campionato (più playoff) e Coppa Italia, la Matia conclude il 2011 con 61 punti ottenuti sui 78 a disposizione.

Persone Silvia Baradel, Maria Chiara Gloder, Nicole Uttini, Silvia Bertaiola, Serena Moneta, Valeria Pesce, Federica Zampieri, Federica Pasini, Marta Rovetta, Federica Tasca, Alessia Ghilardi, Massimo Bellano, Veronica Minati
Luoghi Vigevano, Flero, Casalmaggiore, Villa Cortese, Tradate, Chieri, Settimo Torinese, Villata, Vigolzone, Collecchio, provincia di Verbano-Cusio-Ossola, Monza
Argomenti sport, calcio

29/dic/2011 15.45.21 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

È un 2011 che se ne va tra tanti bei ricordi e con risultati storici. L’anno d’oro della Matia Ornavasso, che in aprile ha toccato il punto più alto della sua storia (e del volley provinciale) vincendo la Coppa Italia di B1 e sfiorando la semifinale playoff, si chiude con le Api giallonere in testa alla classifica e con buone possibilità di accedere ai quarti di finale della nuova edizione della Coppa Italia.

Sono i numeri la miglior fotografia di una squadra che nell’estate del 2010 è stata interamente rivoluzionata e che, dopo un autunno di rodaggio, ha preso a marciare forte proprio con l’inizio dell’inverno e la fine del 2010. L’anno solare delle ossolane traccia un bilancio sportivo di 31 partite vinte e 8 perse, con una percentuale di successo che sfiora l’80%.

In campionato sono arrivate 13 vittorie in 18 match, con un bilancio migliore nella seconda metà dell’anno. La stagione in corso ha visto Minati e compagne imporsi 9 volte su 10, tanto - come detto - da ottenere il primato solitario in classifica. Ma non era stato per nulla negativo il cammino nel passato torneo, chiuso dalla Matia con su 12 successi in 16 incontri.

Una volta arrivato ai playoff, il sestetto giallonero ha superato il primo turno contro Flero con due vittorie uscendo ai quarti per mano di Casalmaggiore, a segno sia in casa, sia nel Vco e chiudendo questa esperienza con 2 vinte e 2 perse.

Eccellente e pressoché impeccabile il cammino in Coppa Italia: 8 vittorie su 9 con l’unico k.o. ottenuto nel ritorno dei quarti 2010/2011 contro Vigevano, quando la qualificazione era già stata ottenuta e messa in cassaforte.

Calcolando i risultati e ipotizzando di stilare una classifica virtuale tra campionato (più playoff) e Coppa Italia, la Matia conclude il 2011 con 61 punti ottenuti sui 78 a disposizione.

L’aridità dei numeri, utile per pesare la consistenza dei risultati, non dà conto delle emozioni provate sul campo. A gennaio il 2011 era iniziato molto bene con il big match casalingo contro Casalmaggiore. Il 3-2 con cui le ragazze di Massimo Bellano hanno bloccato l’allora capolista è stata una bella iniezione di fiducia e ha dato alla squadra la consapevolezza di essere competitiva. Di slancio è arrivata la Coppa Italia, la doppia sfida con Vigevano e l’accesso alle final four. Quattro affermazioni di fila con Vigevano, Settimo, Vigolzone e Monza hanno proiettato le Api tra le primissime posizioni. Mentre la società accarezzava l’idea di candidarsi per ospitare la final four, ecco - tra febbraio e marzo - due sconfitte di fila con Cadelbosco e Collecchio a rallentare la marcia giallonera. Per nulla scoraggiata, la Matia, che nel frattempo ha avuto la certezza di portare nel Vco (a Verbania, unico impianto con i requisiti in regola) la final four della Coppa Italia, ha iniziato lo sprint per finire la stagione nel migliore dei modi. Alla vigilia di Pasqua, indimenticabile e per certi versi inaspettato, è arrivato il trionfo in Coppa, impreziosito dai premi individuali a Veronica Minati (mvp), Alessia Ghilardi (miglior libero) e Federica Tasca (miglior centrale). L’euforia, che ha contagiato un pubblico sempre più numeroso, rumoroso e caloroso, ha accompagnato i due mesi successivi, che hanno visto la qualificazione ai playoff, il blitz a Flero e la successiva uscita di scena contro Casalmaggiore, avversario dell’anno in Coppa e campionato.

L’estate ha portato poche novità e l’intenzione di migliorare un gruppo già molto buono. Con il mercato hanno salutato Marta Rovetta, Federica Pasini e Federica Zampieri, sostituite da Valeria Pesce, Serena Moneta e Silvia Bertaiola. L’ornavassese Nicole Uttini ha preferito dedicarsi allo studio e in rosa è stata promossa la giovanissima Maria Chiara Gloder. Un ulteriore aggiustamento è stato operato a novembre, con l’improvviso addio di Pesce che, per motivi personali, ha lasciato la pallavolo aprendo le porte all’arrivo di Silvia Baradel. Il resto è cronaca recente con il primo turno di Coppa superato di slancio e il secondo a portata di mano; con in campionato il mezzo passo falso di Tradate e lo scivolone di Chieri cancellati da 6 vittorie di fila tra cui l’exploit di Monza.

Con la notte di San Silvestro se ne va un grande 2011 che lascia bei ricordi e si protrae nel 2012 con una striscia vincente aperta di 7 vittorie. Il prossimo impegno è in Coppa il 4 gennaio con Chieri, poi di nuovo in campionato con la trasferta di Settimo Torinese, una volta superata la quale mancheranno solo 2 incontri alla fine dell’andata: in casa con Villata e a Villa Cortese.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl