B1F A - Asti-Matia Ornavasso 0-3

04/mar/2012 00.49.13 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Asti-Matia Ornavasso 0-3 (14-25, 15-25, 16-25)

Asti: Fasano 2, Menardo ne, Morra (L), Dametto 3, Torchio ne, Cumino, Baruffi ne, Giordana 4, Borgna 3, Vinciarelli 3, Mascherini 7, Alessandria 8, Giampietri (L2) ne. All.: Vincenzo Rondinelli. 2°: Christian Reggio.

Matia Ornavasso: Baradel, Moneta 14, Albini 3, Ghilardi (L), Minati 8, Tasca 9, Mossetti 1, Bertaiola ne, Salvi 10, Gloder (L2), Loda 12. All.: Massimo Bellano. 2°: Matteo Azzini.

Arbitri: Andrea Montironi di Lodi e Alberto Zaia di Genova.

 

ASTI - “Salutate la capolista!”. Sul pullman che riporta la Matia Ornavasso da Asti si leva il canto delle Api, tornate in testa al campionato di B1. Mentre la squadra attende di partire arriva la notizia che Vigolzone e Monza sono al tie break e, fatti i debiti calcoli, nella peggiore delle ipotesi - il successo brianzolo - l’aritmetica premia il team ossolano. Il successivo aggiornamento, cioè il 3-2 per Monza, conferma la previsione. A parità di punti (47), di vittorie (16 su 18), e con identico quoziente set (3,92), la differenza la fa il quoziente punti. Quello delle piemontesi, 1,2977, supera l’1,2093 delle lombarde e segna il passaggio di consegne al vertice. È tutta una questione di decimali, di differenze minime, ma è sufficiente per trascorrere una settimana in testa prima di pensare al prossimo impegno, pur con la consapevolezza che la strada è ancora lunga.

Il sorpasso in vetta alla graduatoria fa quasi passare in secondo piano la perentoria affermazione della Matia, capace di espugnare Asti con un rotondo 3-0 (senza il massimo scarto nei set il primato sarebbe di Monza) ottenuto in meno di un’ora e un quarto, senza sbavature, con personalità e punteggi netti: 25-14, 25-15, 25-16.

La gara inizia con alcune novità nella compagine locale. Il tecnico Vincenzo Rondinelli lascia fuori il centrale Menardo e il libero Giampietri schierando Alessandria e Morra. Con loro nel sestetto iniziale ci sono il palleggiatore Cumino, l’opposto Mascherini, il centrale Vinciarelli, le bande Borgna e Giordana.

Le Api, orfane di Perrone infortunata dell’ultima ora, sono in campo nello starting six consolidato: Albini in regia e Minati opposto, Tasca e Salvi centrali, Loda e Moneta ali, Ghilardi libero.

Dopo una prima fase di studio e di equilibrio nel punteggio (6-6), la prima accelerata della Matia è un bruciante break di 10-0. Le ospiti, avanti 18-8 al secondo time out tecnico, gestiscono senza problemi e chiudono il conto 25-14 con il punto firmato da Mossetti, subentrata in corso d’opera.

Attenzione e concentrazione caratterizzano anche la frazione successiva. Minati e compagne riprendono da dove s’erano fermate. Sempre in vantaggio (8-4 e 16-10), arrotondano 21-10 per distendersi fino a 25-15.

Il copione della serata è già scritto e si ripete nel terzo set, fotocopia di quello precedente anche (quasi) nel punteggio: 25-16.

Le Api vincono dunque con autorità e autorevolezza, grazie a una prova corale e fiaccando la resistenza di un Asti apparso comunque sotto tono, specie nei suoi elementi più rappresentativi. Alle basse percentuali in attacco di Giordana, Borgna e Vinciarelli hanno parzialmente sopperito le ragazze più giovani. Nel ruotare tutte le attaccanti a sua disposizione, Rondinelli ha infatti ricevuto riscontri positivi dalle baby Fasano e Dametto.

Archiviata la trasferta astigiana, la Matia è attesa da un altro impegno esterno. Sabato prossimo le ragazze di Massimo Bellano saranno di scena a Castellanza. Monza riceverà invece la visita di Tradate. Il duello a distanza continua, mentre s’avvicina lo scontro diretto del 31 marzo a Ornavasso.

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl