B1F A - Matia Ornavasso - Monza: è l'ora dello scontro al vertice

B1F A - Matia Ornavasso - Monza: è l'ora dello scontro al vertice.

Persone Massimo Bellano, Valentina Pastorello, Sara Ceron, Teresa Bernabè, Debora Stomeo, Ilaria Polato, Fabiola Facchinetti, Marta Agostinetto, Alessandra Guatelli, Ester Franco, Marco Gazzotti, Minati, Cristiano Cristoforetti, Massimiliano Giardini
Luoghi Cremona, Pavia, Verona, Trento, Perugia, Casalmaggiore, Ostiano, Ornavasso, Monza
Organizzazioni Modena
Argomenti sport, calcio

30/mar/2012 14.59.46 Ornavasso volley Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Scontro diretto, partita di cartello, match-verità. Da qualsiasi prospettiva la si guardi e con qualunque nome la si chiami, la partita tra Matia Ornavasso e Saugella Monza è il clou della giornata e, probabilmente, dell’intero campionato. Alla nona di ritorno è arrivato il momento che le duellanti che si sono spartite il primato finora si affrontino per meglio delineare la classifica.

Domani sera, con inizio alle ore 21 e sotto la direzione della coppia arbitrale Massimiliano Giardini e Cristiano Cristoforetti di Verona Monza e Ornavasso si contendono il primato. Non è una gara da dentro o fuori, ma chi la vincerà avrà obiettivamente grandi chance di arrivare sino in fondo perché, a quel punto, mancheranno solo quattro gare.

Oggi la distanza tra la prima (Ornavasso) e la seconda (Monza), entrambe comunque già certe di andare ai playoff, è di una sola lunghezza ma, per una serie di incroci aritmetici, nell’eventuale arrivo in parità è molto difficile che la Matia prevalga, come accaduto invece nel convulso finale della B2 2008/2009, culminata con la promozione diretta delle Api e quella ai playoff delle lombarde.

È la quarta volta che la partita si ripete negli ultimi quattro anni, partendo proprio dalla B2 e dal 3-0 pro Ornavasso del 1° novembre 2008. In B1 i precedenti risalgono al 13 marzo 2010 e al 19 febbraio 2011, con le ossolane a segno 3-1. I precedenti sono dunque favorevoli alle padrone di casa, che possono contare anche sul fattore campo, che si traduce in un ambiente molto caloroso ma anche nei numeri di questa stagione: 10 vittorie di fila in campionato (15 se si conta la Coppa Italia) con 30 set vinti e 2 persi (45 e 3 Coppa inclusa). L’ultima sconfitta di Minati e compagne risale a un anno fa circa ed è il 3-2 strappato il 26 marzo dal Fontanellato, poi vincitore del campionato.

A proposito di pubblico, si attende il tutto esaurito, tanto che la biglietteria aprirà alle ore 19.

Più che i numeri e la cabala, però, i pronostici vanno pesati sulle qualità tecniche delle squadre e sulla loro mentalità. In questo frangente Monza non è assolutamente seconda a nessuno, anzi. Spiccano, nel sestetto titolare, almeno tre-quattro elementi che per esperienza e doti personali sono in grado di fare la differenza e di sostenere anche la categoria superiore. È il caso dei tre attaccanti a disposizione di Marco Gazzotti: le schiacciatrici Ester Franco (32 anni, una lunga carriera in A e 4 promozioni ottenute nell’ultimo decennio), Alessandra Guatelli (28 anni, reduce dall’A1 di Modena e con in carniere 3 promozioni nell’ultimo lustro), e l’opposto Marta Agostinetto (24 anni, negli ultimi 4 tre in A a Perugia, Cremona e Pavia). Sanno cosa significa vincere anche la centrale Fabiola Facchinetti, 22enne trionfatrice della B1 nel giugno scorso con Trento e il libero Ilaria Polato (ex Casalmaggiore, promossa in A2 negli ultimi playoff), così come lo stesso tecnico Gazzotti, che nel 2007 ha portato Ostiano in A2. Completano il sestetto elementi di non inferiore caratura come il palleggiatore Debora Stomeo (24 anni), che nel reparto può contare su una sostituta di livello quale la giovane Teresa Bernabè e, al centro, una tra le baby Sara Ceron e Valentina Pastorello.

Nelle ultime settimane un infortunio alla caviglia ha tenuto fuori Stomeo, ben sostituita da Bernabè. Ormai recuperata, la titolare dovrebbe essere lei. Si pensa avrà un posto tra le sei anche Ceron, ultimamente preferita a Pastorello.

In casa Matia l’infermeria s’è svuotata e, tra acciacchi risolti e riposi precauzionali esauriti, l’intera rosa sarà a disposizione di Massimo Bellano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl