CRV - Comunicato Stampa del 3 luglio 2008

Ne approfitta la squadra marchigiana che prende il largo (21-17) per poi chiudere con il 25-21 finale.

04/lug/2008 00.20.00 Ufficio Stampa FIPAV Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Veneto è finale maschile
Successo 2-0 sul Piemonte. Sconfitta invece per le ragazze con le Marche.

 

 

Il Trofeo delle Regioni - Kinderiadi 2008 di scena in questi giorni nella splendida provincia sarda dell’Ogliastra ha vissuto quest’oggi il ricco programma di gare che davano l’accesso alle finali di domani dal 1° al 21° posto. Il Veneto unica regione a portare le due formazioni indoor in semifinale, è stata premiata con la vittoria della formazione maschile mentre ha pagato forse troppo la sconfitta della femminile.

Come nelle giornate precedenti sono state le ragazze di Greca Pilittu e Angelo Dotto a scendere per prime in campo nella difficile sfida con le Marche formazione che al termine delle tre giornate di qualificazione era in testa alla classifica generale. Una gara intensa e spettacolare con il Veneto costretto ad inseguire per buona parte del match. Perso il primo 25-22, nel secondo la strada si ricomplica subito (10-4) costringendo le ragazze in divisa blu Mikasa ad inseguire nuovamente. Con tenacia arriva il pareggio a 16, ma un errore di formazione condito dal relativo pasticcio arbitrale ferma il gioco raffreddando la tensione agonistica. Ne approfitta la squadra marchigiana che prende il largo (21-17) per poi chiudere con il 25-21 finale. Veneto rosa che lascia così alle Marche il pass per la finale di domani alle ore 17 contro la Lombardia (vincente 2-1 sull’Emilia). Alle ragazze venete spetterà domani mattina (ore 9.30 a Lanusei) la sfida per il 3° posto contro l’Emilia-Romagna, di fatto la rivincita della passata edizione che ha consegnato al Veneto rosa in terzo posto.

Tutt’altra musica la semifinale maschile giocata sempre al palasport di Lanusei che insieme a Tortolì è il capoluogo della nuova provincia dell’Ogliastra. Opposta la selezione del Piemonte formazione che ha chiuso le tre giornate di qualificazione con una sconfitta (Toscana) ed altri quattro set persi. Un Veneto concentrato anche se non particolarmente spettacolare ha dominato buona parte dell’incontro fermando in difesa ma soprattutto a muro l’attacco piemontese. Vinto il primo set 25-20, nel secondo De Marchi e compagni si sono trovati ad inseguire sul finale di set (17-20). Punto su punto è arrivato il pareggio a 21 e sorpasso sino al 23-21. Ultimi punti al cardiopalma chiusi con il 25-23 finale.

Non era nei programmi questa finale - esordisce in modo pacato ma soddisfatto il tecnico Renato Barbon - il gruppo non era dei migliori ma in questi due mesi ha saputo lavorare e crescere tanto tecnicamente quanto tatticamente. La finale è il premio di tanto lavoro. Con il Piemonte c’era da far fatica. Non abbiamo espresso un bel gioco costellandolo con tanti errori. Ma se abbiamo vinto, vuol dire che qualcosa abbiamo fatto!”.

Logicamente altrettanto appagato è il Presidente Regionale Adriano Bilato che ha vissuto dagli spalti le due semifinali. “Sono molto felice. La vittoria maschile non è la vittoria di 12 ragazzi ma dell’intero progetto (Progetto di Sviluppo dei Fondamentali curato nel corso dell’anno nelle varie province venete dallo stesso prof. Barbon ndr). Abbiamo una squadra splendida: ragazzi molto seri, che ci tengono ad arrivare fino in fondo. L’unica pecca è che non sono abituati a finali o gare intense visto che provengono da società non di vertice. Hanno però tutti dentro la voglia di vincere. Qualche rammarico rimane per la femminile. Le Marche però hanno comunque meritato”.

Domani a Tortolì con inizio alle ore 19.00 è in programma la finalissima per il Titolo contro la formazione del Lazio vincente 2-1 sulla Puglia. Quattro anni dopo il successo in Puglia e tre dopo quello in casa a Jesolo, il Veneto maschile torna a correre per il Titolo Nazionale cercando il suo 5° Titolo. Una rincorsa che sarà sicuramente supportata dai tanti genitori ed amici giunti in Sardegna e che per l’occasione saranno in tribuna un’unica macchia rossa con le t-shirt messe a disposizione dal CR Veneto.

 Siamo diventati una bella realtà - continua il prof. Barbon - e domani partendo dallo zero a zero dipenderà solo da noi decidere il colore della medaglia”.

 

 

Comunicato Stampa CR Veneto n. 36/08
Arbatax, 3 luglio 2008

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl