Comunicato stampa del 30/09/2002

che il Parlamento si appresta ad approvare in fretta e furia, è davvero

30/set/2002 10.32.48 Giovanni Sonego Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Casella di testo: ObiettivoUlivo  Circolo politico-culturale  http://obiettivoulivo.monrif.net  Casella di testo:

 

 

Cara Amica, Caro Amico,

 

La libertà d’informazione è perno centrale di un sistema democratico, nonché base essenziale per la creazione di una coscienza critica.

 

L’informazione permette ai  cittadini di discernere tra ciò che è buon governo e ciò che è cattiva gestione della cosa pubblica ed è perciò grave il fatto che venga condizionata e limitata nella sua libertà di espressione.

 

Il nostro Paese è oggi governato da un Presidente del Consiglio, che, in spregio al dovere di tenere distinti interessi privati e interessi pubblici, insegue il sogno di una “democrazia” plebiscitaria, anche attraverso il potere mass-mediatico di cui dispone.

 

Il disegno di legge Frattini, che il Parlamento si appresta ad approvare in fretta e furia, è davvero ridicolo, dal momento che non parla di incompatibilità tra cariche pubbliche e proprietà di mezzi di informazione.

 

D’altra parte Frattini avrà tagliato la legge a misura del suo capo, portatore di un clamoroso conflitto di interessi che non ha eguali nel mondo civile e sviluppato (unico esempio Taiwan): l’ascesa polista al Governo del Paese ha determinato una nuova e preoccupante occupazione politica (e qualche epurazione) della Rai ed il conseguente allineamento dei suoi giornalisti al nuovo potere politico, tanto da rendere tale conflitto ancora più evidente.

 

È noto che il servizio radiotelevisivo pubblico viene trattato dalla classe politica alla stregua di un mercato delle vacche, che vengono di volta in volta acquistate a seconda degli equilibri politici esistenti ed in relazione al tipo di condizionamento culturale e politico che si intende perseguire.

Il nodo cruciale rimane quindi quello della politicizzazione e lottizzazione partitica di cui è vittima il sistema informativo pubblico: nessuna nuova legge, ma solo la sottrazione dello stesso ai torbidi giochi politici e l’assegnazione del potere di nomina e revoca del CdA della Rai ad organismi realmente super partes possono garantire effettivo pluralismo.

 

Sui temi della libertà di informazione, viene proposto un incontro per il giorno

 

30 settembre alle ore 20.45 presso LA SALA DELLE DAME, via dei Servi, 21

 

All’incontro parteciperanno Roberto Zaccaria, professore ordinario di Diritto Costituzionale nell’Università di Firenze ed ex Presidente RAI, Giulio Santagata e Andrea Papini, deputati dell’Ulivo: tre personaggi accomunati dalla convinzione forte che la libertà di informazione sia il sale della democarazia.

 

Nella speranza di incontrarvi numerosi e allegri, inviamo saluti cordiali.

 

                                                                                                          p. il Circolo ObiettivoUlivo

                                                                                                                 Alberto Crepaldi

 

 

Circolo “ObiettivoUlivo

C.so Canalchiaro, 26 - Scala A

(059 235493 - 328 6861286)

 

segnalazione
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl