QUALIFICAZIONE MONDIALE ASSICURATA..

30/set/2002 15.52.09 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Rugby Notizie a cura dell'Ufficio Stampa FIR

Roma, 30 settembre 2002

 

QUALIFICAZIONE MONDIALE ASSICURATA
L'ITALIA PENSA GIÀ AD ARGENTINA ED AUSTRALIA

CONFERMATI I DUE MINI RADUNI A PADOVA

Parma - Sciolte le fila azzurre dopo le tre settimane spese per preparare, e vincere, le due partite di qualificazione mondiali contro Spagna a Valladolid (3 - 50) e Romania a Parma sabato scorso (25 - 17), il bilancio è più che positivo.

La giovane Nazionale di Kirwan ha preso a muoversi sin dal tour estivo in Nuova Zelanda per obbiettivi. Il primo obiettivo era quello di inserire dei giovani e giovanissimi in Nuova Zelanda e tornare con un bilancio attivo, vale a dire sconfitta contro gli All Blacks e vittorie negli altri due match. A dire la verità si trattò di un successo, quello contro Manawatu, ed un pari contro Divisional XV, raggiunto, però, dai locali solo a tempo scaduto e con una grossa mano offerta dall'arbitro.

Il secondo obiettivo era quello di qualificarsi nel girone mondiale insieme a Nuova Zelanda, Galles, Canada e la vincente del ripescaggio oceanico (99% Tonga). Anche questo obiettivo è stato raggiunto pienamente.

Come da considerazione aggiuntiva sulla positività delle ultime due partite azzurre, c'è da dire che l'ottima preparazione atletica conseguita ha permesso di chiudere la parentesi agonistica con un solo infortunato (Dellapè ad una costola e Bortolami, leggermente, per una lieve distorsione al ginocchio destro).

Entrambe le due seconde linee sono recuperabili e, quindi, disponibili per affrontare il terzo obiettivo offerto dai Jaguar Test Match di novembre contro Argentina (Roma, 16.11) e Australia (Genova, 23.11), con il proposito di vincerne uno.

Per capire, più a fondo la nuova mentalità, per obiettivi, del clan azzurro anche il modo con cui l'ambiente azzurro ha accolto la vittoria contro la Romania: "si, abbiamo vinto, era quello che volevamo ma adesso rimbocchiamoci le maniche perché dobbiamo volare più alto, sia come qualità di gioco che come mentalità".

Proprio per focalizzare questi punti gli azzurri sono attesi da John Kirwan a due mini raduni nei giorni del 14 e 21 ottobre a Padova. In quelle occasioni si comincerà a lavorare per i successivi obbiettivi e sulla squadra con la quale affrontarli.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl