Comunicato 12 giugno 2002

RUGBY Notizie

13/giu/2002 09.35.47 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RUGBY Notizie a cura dell'Ufficio Stampa FIR
 

Roma, 12 giugno 2002

 

 

MONDIALI UNDER 21 IN SUDAFRICA:
DEFINITO IL XV PER L'ESORDIO CON IL GALLES
Johannesburg
- Dopo la seduta di allenamento di questa mattina i nuovi tecnici dell'Under 21, Andrea Cavinato e Carlo Orlandi hanno definito i 15 giocatori che, venerdì alle 14, scenderanno in campo per affrontare i pari età del Galles, per il primo incontro dell'IRB Under 21 World Cup.

Questa la formazione:

15 Andrea Masi (Conad L'Aquila); 14 Gonzalo Javier Canale (Mogliano), 13 Diego Saccà (Livorno), 12 Matteo Barbini (APS Petrarca Padova), 11 Stefano Varrella (La Guardiense Sannio); 10 Vittorio Mariuzzo (Benetton Treviso), 9 Pietro Travagli (Arix Viadana); 8 Sergio Parisse (Benetton Treviso); 7 Silvio Orlando (Benetton), 6 Andrea Bresolin (Mogliano); 5 Andrea Frassinella (Benetton), 4 Antonio Pavanello (Ilcev Rovigo); 3 Matteo Pietrosanti (Lottomatica Roma), 2 Giacomo Rigonelli (Valdigrano Rovato), 1 Martin L. Castrogiovanni (Ghial Amatori e Calvisano).

A disposizione: 16 Claudio Russo (Sannio), 17 Bruno Masetti (Two Net Piacenza), 18 Marco Montani (Benetton), 19 Nicola Bezzati (Petrarca), 20 Andrea Porrazzo (Sannio), 21 Giacomo Galleschi (Benetton), 22 Vincenzo Zullo (Sannio).

Nella formazione sono presenti 4 dei 5 giocatori che hanno fatto parte del gruppo della Nazionale maggiore in tournée in Nuova Zelanda a dimostrazione del loro completo recupero dalle fatiche del viaggio. In squadra mancano la terza linea Mannato (uno dei 5 in Nuova Zelanda) ed il mediano d'apertura Vincenzo Zullo (anche se inserito fra le riserve in speranza di un veloce recupero) che, a causa di una tonsillite, sono entrambi allettati con 39° di febbre. Castrogiovanni in prima linea, Parisse al numero 8, il centrale Barbini e l'ala Canale (gli altri 4 in tour) sono comunque un'ottima intelaiatura per una squadra che ha intenzione di far bene al Mondiale Under 21.

Domani la squadra andrà a provare il prato dell'Ellis Park, uno dei Tempi del rugby, in vista di un esordio che sicuramente darà loro i brividi. La scelta di far giocare questo primo Campionato del Mondo Under 21 in uno stadio che ha visto passare tutti i migliori rugbisti della storia passata e recente, è stata una scelta precisa dell'International Board proprio per dare ai giovani l'occasione di provare delle emozioni che dovranno poi affrontare sempre più spesso con il passare degli anni. L'IRB infatti punta molto su questo Under 21 World Cup, che organizza ufficialmente per la prima volta (nel passato si trattava di un torneo), perché considera che questi giocatori rappresentano il futuro del rugby mondiale e la miglior vetrina per metterli in mostra è sicuramente uno stadio come l'Ellis Park.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl