RUGBY NOTIZIE: I COMMENTI DEL CT KIRWAN E DI CAPITAN BORTOLAMI

12/feb/2005 20.30.54 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RUGBY NOTIZIE - a cura dell'Ufficio Stampa FIR

Roma, 12 febbraio 2005

COMMENTI CT ITALIA JOHN KIRWAN E CAPITANO ITALIA MARCO BORTOLAMI
Roma - La conferenza stampa Azzurra dopo la sconfitta di questo
pomeriggio contro il Galles ha nel CT Kirwan e in Capitan Marco
Bortolami i protagonisti.
Il CT precisa subito che “l’infortunio di Mauro Bergamasco (colpo allo
zigomo sinistro) non è grave e questo è un fatto importante. Per De
Marigny (distorsione al ginocchio destro) dobbiamo aspettiamo domani
prima di poter avere dettagli più precisi”.

Il tecnico neozelandese ammette la propria insoddisfazione per la prova
dell’Italia: “Abbiamo giocato male, in particolar modo nella ripresa: e
nel 6 Nazioni, se non riesci ad esprimerti al meglio, vieni punito.
Stiamo crescendo, ma quando giochiamo male come abbiamo fatto oggi
perdere è inevitabile. Dobbiamo essere in grado di esprimerci sempre su
livelli elevati”.

Adesso una settimana di pausa, poi sabato 26 ad Edinburgo si andrà ad
affrontare la Scozia. Ancora Kirwan: “Lasciamoci alle spalle la partita
di oggi, iniziamo a pensare subito al match di Murrayfield. Vietato
guardare indietro, obbligatorio iniziare subito a concentrarsi sul
match con gli scozzesi”.

Sul nome della Nazionale favorita per aggiudicarsi l’RBS 6 Nazioni 2005
il CT espone il proprio parere: “Sento molti indicare l’Irlanda come
principale favorita per la vittoria finale, ma il Galles - quello visto
oggi, ma più in generale nell’ultimo perido - ha tutte le carte in
regola per andare sino in fondo e se riuscirà a disputare tutto il
Torneo su questi livelli potrà portare a casa la vittoria finale”.

Sulla meta messa a segno al 43’ del primo tempo dal flanker gallese
Martyn Williams - concessa dopo l’intervento della prova-tv - Kirwan
non fa polemica: “L’ho rivista in tv, Williams è stato bravo ad
appoggiare il pallone al palo e il regolamento prevede che in questo
caso venga concessa la meta. Nessun dubbio, la marcatura era valida e,
per noi, ha avuto effetti devastanti: potevamo andare al riposo sul
5-12, ci siamo ritrovati sul 5-19”.

Infine Capitan Bortolami non nasconde la propria delusione per la
sconfitta: “Cosa ci siamo detti negli spogliatoi a fine gara? C’era
grossa tristezza, tutti sappiamo di poter fare molto meglio di quanto
fatto oggi. Ma anche questo può servirci per tornare a lavorare (dal 19
febbraio riprende il raduno a Roma, presso il Park Hotel La
Borghesiana) con ancor più convinzione in vista della partita con la
Scozia”.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl