Comunicato 19 giugno 2002

Per buona parte del primo tempo infatti la Nazionale Under 21 ha giocato

20/giu/2002 10.28.00 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RUGBY Notizie a cura dell'Ufficio Stampa FIR
 

Roma 19 giugno 2002

MONDIALI UNDER 21 IN SUDAFRICA:
L'ITALIA TIENE TESTA ALL'INGHILTERRA PER 30 MINUTI
POI CEDE ANCHE A CAUSA DELLE DECISIONI ARBITRALI: 41 - 12 (20 - 9)
Johannesburg
- Al secondo turno, disputato ieri, della IRB Under 21 World Cup, in corso di svolgimento nella città sudafricana, gli azzurrini di Andrea Cavinato e Carlo Orlandi tengono testa all'Inghilterra per i primi 30 minuti, quando alcune decisioni arbitrali (2 cartellini gialli consecutivi) la mettono al tappeto.

Per buona parte del primo tempo infatti la Nazionale Under 21 ha giocato alla pari con gli inglesi e solo quando l'arbitro ha deciso di mandar fuori quasi contemporaneamente, prima il tallonatore Bruno Masetti per un fuorigioco di troppo (falli ripetuti) e successivamente (poco più di un minuto dopo) il centro Matteo Barbini per aver risposto con una spinta ad un pugno di un inglese (c'è intanto un ricorso dell'Italia per uno stamping, che avveniva nello stesso momento, in un'altra parte del campo), l'Inghilterra ha preso il sopravvento. La decisione dell'arbitro neozelandese (che ha permesso molto da un lato e molto poco dall'altro), in quel caso, è stata solo quella di dare il cartellino giallo all'italiano lasciando in campo l'inglese. A quel punto, giocando in 13, gli azzurrini non sono riusciti a contenere il gioco degli inglesi ed hanno terminato il primo tempo sotto di 11 punti (9 a 20).

Una situazione che ha ovviamente inciso anche nello svolgimento della seconda metà di gara quando gli azzurrini hanno cercato di recuperare concedendo ovviamente troppi spazi ad una Nazionale forte come quella britannica.

A questo punto la concentrazione va tutta sulla prossima partita contro il Giappone (venerdì alle 15 all'Ellis Park di Johannesburg) che l'Italia tenterà di vincere. Infatti, anche se i giapponesi sono usciti sconfitti piuttosto malamente dalla fortissima Nuova Zelanda (99 - 8), per tutto il primo tempo avevano tenuto egregiamente il campo (18 - 8). In campo azzurro, senz'altro positivo il recupero di alcuni giocatori importanti come il pilone Castrogiovanni (torna dall'Italia) e Mannato e Zullo che, da ieri, hanno ripreso gli allenamenti dopo essere stati obbligati a letto da una tonsillite.

Tabellino:

15 Masi; 14 Di Maura (dal 1' s.t. Varrella), 13 Saccà, 12 Barbini, 11 Spadaro; 10 Mariuzzo, 9 Porrazzo (dal 25' s.t. Travagli); 8 Parisse; 7 Orlando, 6 Bezzati; 5 Montani, 4 Pavanello; 3 Pietrosanti, 2 Masetti, 1 Russo.

Marcatori: Mariuzzo 4 c.p.

Note: cartellino giallo per Masetti (fallo ripetuto) e per Barbini (fallo di reazione).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl