SEI NAZIONI : ITALIA - FRANCIA, FORFAIT DI QUEIROLO, IN ARRIVO MAZZANTINI

SEI NAZIONI: ITALIA - FRANCIA, FORFAIT DI QUEIROLO, IN ARRIVO MAZZANTINI

17/mar/2003 20.40.56 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 17 marzo 2003

 

SEI NAZIONI : ITALIA – FRANCIA

FORFAIT DI QUEIROLO, IN ARRIVO MAZZANTINI

INIZIATO IL RADUNO AZZURRO A ROMA

Roma – Per un Dominguez recuperato, un Queirolo che ritorna in Francia. Questa la novità più saliente registrata stamani dopo il primo allenamento della Nazionale italiana a Roma in preparazione del quarto turno del Torneo delle Sei Nazioni che oppone domenica al Flaminio (ore 15) l’Italia alla Francia.

Diego Dominguez (dopo il forfait contro l’Inghilterra) nell’ultimo match del campionato francese fra il suo Stade Francais ed il Grenoble, aveva subito un colpo ad un occhio che avrebbe potuto avere una qualche conseguenza pratica. Invece il Diego nazionale si è presentato ieri al raduno presso l’Hotel Summit in perfetto orario, oggi si è allenato regolarmente senza avvertire alcunché che possa farlo considerare non in condizione di giocare.  

Discorso opposto per il mediano di mischia Juan Manuel Queirolo che stamani dopo qualche movimento brusco in allenamento, ha accusato una contrattura al polpaccio. E la successiva risonanza magnetica ha mostrato una lesione  che non consente un immediato recupero.

Pertanto, Queirolo nel pomeriggio ha fatto le sue valige e si è imbarcato alla volta della Francia. Al suo posto lo staff azzurro ha deciso di richiamare dal raduno della Nazionale “A”, a San Donà, il mediano di mischia del Rovino, Matteo Mazzantini, impiegato a Twickenham contro l’Inghilterra 8 giorni fa’ nella parte finale della partita.

Per il resto gli azzurri oggi hanno svolto una doppia sessione di allenamento alle quali non ha partecipato il solo Paolo Vaccari, esentato perché stamani impegnato a Milano nel suo ultimo esame universitario.

Ecco l'elenco completo dei 25 convocati:

Denis Dallan, Santiago Dellapé, Ramiro Martinez, Nicola Mazzuccato, Fabio Ongaro, Scott Palmer, Alessandro Troncon (Benetton Treviso); Leandro Castrogiovanni, Giampiero De Carli, Andrea De Rossi, Giovanni Raineri, Paolo Vaccari (Ghial Am. e Calvisano); Cristian Bezzi, Aaron Persico, Matthew Phillips (Arix Viadana); Mark Giacheri, Ramiro Pez (Rotherham); Mirco Bergamasco (APS Petrarca Padova); Andrea Masi (Conad L’Aquila); Gert Peens (Overmach Parma); Matteo Mazzantini (Rovigo); Carlo Festuccia (SKG GRAN Parma); Andrea Lo Cicero (Lazio & Primavera); Cristian Ale” Stoica (Castres); Diego Dominguez (Stade Français).

 

 

ANCHEWAYNE SMITH OSSERVA GLI AZZURRI

L’EX CT DEGLI ALL BLACKS OSPITE DELL’ITALIA A ROMA

Roma – Dopo Eddie Jones questa volta è il turno di Wayne Smith. Due guru del grande Rugby, amici di John Kirwan che il CT azzurro ha voluto avere vicino a se nel periodo del Sei Nazioni. Il CT azzurro non è alla ricerca di consigli ma nel dialogo  e nel confronto con  questi due grandi “dotti” cerca la verifica del proprio lavoro e della validità della strada da lui imboccata per dare all’Italia del Rugby una sua, propria, fisionomia in sintonia con le caratteristiche peculiari degli italiani. In particolare l’ex CT All Blacks è un grande esperto nell’utilizzo del video nelle analisi delle partite e dei conseguenti sitemi di allenamento. Un’innovazioni tecnica in cui anche John Kirwan crede molto.

Eddie Jones, allenatore dell’Australia campione del mondo, è rimasto con gli azzurri nella settimana che ha preceduto l’Inghilterra. Wayne Smith, allenatore degli All Blacks fino a due anni fa’ (vecchia conoscenza italiana nel Benetton Treviso e attualmente allenatore del Northampton in Inghilterra) resterà insieme agli Azzurri fino a venerdì prossimo.

 

IL GIAPPONE GUARDA AL RUGBY AZZURRO

KIRWAN: “AI MONDIALI L’ITALIA FRA LE PRIME OTTO”

Roma – A John Kirwan, fortunamente, non fa difetto l’energia. Non bastassero i doppi allenamenti quotidiani, le riunioni con i giocatori, le analisi video delle partite dell’Italia e degli avversari, il CT azzurro si sobbarca ogni giorno di incontri con la stampa italiana ed internazionale, quest’ultima interessata a scoprire il “fenomeno” Italia del Rugby.

Oggi , per esempio, nell’intervallo fra i due allenamenti si è trattenuto a lungo con il giornali sta giapponese Takashi Ohtsuka che concludeva una sua lunga inchiesta sul Rugby italiano. Il giornalista è l’inivato speciali del “The Yomiuri Shimbun”, il più influente quotidiano giapponese ed il giornale più letto al giorno con i suopi 12 milioni di copie. Anche il Giappone il Rugby sta diventando assai popolare, tanto che la copia del quotidiano che takashi portava con se mostrava in prima pagina la foto d ella squadra del Nec che ha appena vinto il titolo di Campione del Giappone di Rugby. Anche all’interno servizi e foto sull’avvenimtno. Il Nec è anche il club che qualche anno fa venne allenato da John Kirwan quando inizio la sua carriera da tecnico dopo aver dato l’addio al rugby giocato. L’intervista con il giornalista del Sol Levante ha permesso, uno  di scoprire  che oltre all’italiano John Kirwan se le cava molto bene anche in Giapponese, due di  ribadire quali siano i suoi  obiettivi a breve ed a lungo raggio: “vincere una partita del Sei Nazioni ed entrare nei primi 8 nella prossima Coppa del Mondo. A lungo termine, vincere il Sei Nazioni entro 5/8 anni”.

- Ma la partita del Sei nazioni è già stata vinta, contro il Galles? –interloquisce Takashi San

“E’ vero, ma io aggiungo adesso altri due obbiettivi importanti per la squadra: il primo è quello di far guadagnare all’Italia il rispetto di tutto il mondo attraverso il gioco che sappiamo produrre in modo da non sentir più dire che non meritiamo il Sei Nazioni. Il secondo, sempre per la ragione precedente, di guadagnarsi la stima del mondo con la correttezza ed il rispetto delle regole, ovvero con la disciplina.

- Perché avete battuto il Galles?

“Perché la squadra ha fatto quello che ha saputo fare, cioè ha eseguito l’organizzazione di gioco che ci siamo dati, aggiungendovi l’imprevedibilità latina. E, con questo mix, e questo tipo di gioco noi siamo più forti del Galles”.

Il Giappone, anche lui presente ai prossimi Mondiali australiani (inizio il 10 ottobre) affronteranno nel loro girone proprio le due prossime avversarie dell’Italia nel Sei Nazioni: Francia e Scozia. Le altre 2 squadre della poule sono le Fiji ed una ripescata.

 

SEI NAZIONI “A”: MAZZANTINI RAGGIUNGE ROMA

ANCORA DA DECIDERE CHI LO SOSTITUISCE

Roma – Anche la Nazionale sarà impegnata contro la Francia, nel quadro del Sei Nazioni. Giocando contro i transalpini a San Donà sabato 22 marzo (ore 15.30). Per questa partita e la successiva contro la Scozia (a Perth, il 28 marzo) i responsabili tecnici della Selezione azzurra “A”, Franco Bernini e Alessandro Ghini hanno convocato 22 giocatori che si sono trovati al raduno oggi a Jesolo (Venezia). Ovviamente, dei giocatori inizialmente convocati, non ci sarà Matteo Mazzantini (che ha raggiunto il CT Kirwan a Roma per la Nazionale maggiore). I tecnici Bernini e Ghini, comunque, non hanno ancora deciso chi dovrà raggiungere S.Donà per sostituire il mediano di apertura del Rovigo e, nel tardo pomeriggio si riuniranno per poi avvisare il giocatore prescelto.

Questi, attualmente, i convocati:

Manuel Dallan, Gianluca Faliva, Salvatore Garozzo, Francesco Mazzariol, Enrico Ravanello, Silvio Orlando (Benetton Treviso); Andrea Benatti, Matteo Dolcetto, Fabio Gumiero, Roberto Pedrazzi, Mario Savi (Arix Viadana); Federico Minello, Carlos Nieto, Diego Saccà (SKG Gr.A.N. Rugby); Andrea Moretti, Massimo Ravazzolo, Cristian Zanoletti (Ghial Am. e Calvisano); Marco Bortolami, Pietro Travagli (APS Petrarca Padova); Darrel Eigner (Mogliano); Sebastian Busato (Overmach Parma).

 

SEI NAZIONI U21: RADUNO INIZIATO A FONTANELLATO

IN VISTA DI ITALIA – FRANCIA A NOCETO IL 22 MARZO

Roma – Iniziato nel pomeriggio anche il raduno della Nazionale Under 21 diretta da Andrea Cavinato e Carlo Orlandi, a Fontanellato (3 km circa da Noceto) in vista della sfida contro i pari età francesi. Il match, valevole per il quarto turno del Sei Nazioni Under 21, è in programma sabato 22 marzo a Noceto (ore 16.00, campo “Nando Capra”).

I tecnici che hanno confermato il gruppo convocato contro l’Inghilterra U.21, con l'unica eccezione dell’inserimento del tre quarti centro del Overmach Parma, Norman Di Maura, hanno potuto notare, in giornata che tutto il gruppo è apparso in ottima forma fisica. Nei prossimi giorni potranno poi affinare le nozioni tattiche e tecniche.

Questi i convocati:

Riccardo Bergamin, Salvatore Costanzo, Marco Montani, Sergio Parisse,  Simon Picone, Franco Sbaraglini (Benetton Treviso); Alessandro Chillon, Bruno Doglioli, Luigi Ferraro, Andrea Marcato (APS Petrarca Padova); Andrea Brancoli, Norman Di Maura, Fabio Staibano (Overmach Parma); Fabio Ghidini (Ghial Am. & Calvisano); Claudio Russo (SKG Gran Parma); Antonio Pavanello (Rovigo); Lance Persico (Arix Viadana); Andrea  Bresolin (Mogliano); Ludovico Nitoglia (Lazio e Primavera); Niccolò Tempestini (Prato); Valerio Santillo (Benevento); Gregorio Arganese (Castres).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl