LA FRANCIA "A" SUPERA L'ITALIA "A" A SAN DONA'

Mazzariol, (primo tempo 7 24).

22/mar/2003 20.46.56 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 22 marzo 2003

 

LA FRANCIA “A” SUPERA L’ITALIA “A” A SAN DONA’

GRAZIE AD UNA DIFESA SUPER E TANTI CAMPIONI

San Donà -  Aveva ragione il tecnico Franco Bernini quando, conosciuta la formazione “A” francese, aveva esclamato: “questa è la Nazionale Assoluta per il Flaminio”!

Infatti i tecnici francesi hanno presentato a San Donà una formazione di titolate celebrità da Sei Nazioni assoluto. Parliamo della grande scoperta Gelez, di Dominici, di Califano, di Mercier in panchina e chi più ne ha più ne metta. Di fronte a questo squadrone gli Azzurri si sono battuti al massimo delle loro possibilità reggendo il confronto fin tanto che la grande determinazione e la condizione fisica li ha sostenuti, ovvero nel primo tempo. E’ bene , comunque, notare che gli Azzurri hanno dovuto nuotare contro corrente sin dai primi minuti perché al 3’ si sono trovati già sotto di 10 punti per un calcio piazzato di un grande Gelez ed una meta di Bousses. Era, poi, comunque bravo Mazzariol a mettere a segno una meta di qualità a seguito di un’azione corale. La Francia ha, comunque, dato una dimostrazione di grande organizzazione difensiva al di là dei nomi messi in campo. Difesa organizzata, sempre in anticipo che deve mettere in allarme John Kirwan per la partita di domani a Roma.

Nel primo tempo gli Azzurri, a causa di questa difesa, sono riusciti ad entrare nei 22 avversari non più di tre volte. Terminato il primo tempo con il punteggio di 7 a 24, nella ripresa gli Azzurri hanno sempre tentato la via del gioco così esponendosi ai micidiali intercetti che per ben quattro volte hanno rovesciato la situazione a sfavore degli Azzurri.

 

ITALIA “A” – FRANCIA “A”, 14 - 66  (pt. 7 – 24)

ITALIA “A”: 15 Massimo Ravazzolo; 14  Mattia Dolcetto, 13 Diego Saccà, 12 Cristian Zanoletti (60’ Pozzebon), 11 Roberto Pedrazzi; 10 Francesco Mazzariol (cap. – 48’ Eigner), 9 Pietro Travagli (59’ Cavalleri); 8 Salvatore Garozzo (65’ Orlando), 7 Andrea Benatti, 6 Enrico Pavanello; 5 Marco Bortolami, 4 Federico Minello (58’ Gumiero); 3 Carlos Nieto, 2 Andrea Moretti (66’ Busato), 1 Gianluca Faliva.  A disposizione: 16 Sebastian Busato, 17 Mario Savi, 18 Fabio Gumiero, 19 Silvio Orlando, 20 Andrea Cavalleri, 21 Darrel Eigner, 22 Walter Pozzebon.

FRANCIA “A”: 15 Brusque; 14 Elhorga, 13 Bousses (65’ Cermeno), 12 Messina, 11 Dominici; 10 Gelez (60’ Mercier), 9 Fillol (68’ Loustau); 8  Bouilou, 7 Martin, 6 Frier (46’ Lievremont); 5 Nallet (58’ Privat), 4 Thion; 3 Califano (68’ Curnier), 2 Azam, 1 Mas. A disposizione:  16 Poux, 17 Curnier, 18 Privat, 19 Lievremont, 20 Loustau, 21 Mercier, 22 Cermeno

MARCATORI: 2’ cp Gelez, 3’ m. Bousses tr. Gelez, 18’ m. Brusque tr. Gelez, 31’ m. Bouilou tr. Gelez, 35’ m. Mazzariol tr. Mazzariol, (primo tempo 7 – 24). Secondo tempo:  41’ m. Brusque tr. Gelez. 45’ m. Dominaci tr. Gelez, 55’ m. Fillol tr. Gelez, 67’ m. Elhorga tr. Mercier,  70’ m. Ravazzolo tr. Eigner, 75’ m. Messina tr. Mercier, 84’ m. Elhorga tr. Mercier.

ARBITRO:  Maybank (Inghilterra). G.d.L. Pearson e Rowden (Inghilterra)

 

LA FRANCIA UNDER 21 BATTE L’ITALIA A NOCETO (40 A 7)

AZZURRINI IN PARTITA FINO AL “GIALLO” PER PICONE

Noceto – Gli azzurrini di Cavinato e Orlandi sono restati in partita fino al 36’ del primo tempo, quando i transalpini conducevano per 7 a 13 in virtù dei piedi molto centrati del mediano di aperta Rieger e per una meta iniziale realizzata dalla linea dei tre quarti ospite. L’Italia Under 21, però, era riuscita a mantenere il match in equilibrio difendendo con molta aggressività, compensando così una   grossa inferiorità fisica del pack degli avanti, spesso sballottato dagli avversari.

Poi, la svolta con il giallo affibbiato dall’arbitro Mike Hall  al mediano di mischia azzurro Picone, reo di fallo di ostruzione continuativo! Il piazzato susseguente di Rieger ed i 10 minuti in 14 consentivano ai francesi di operare il break che all’8’ della ripresa era di 7 a 26. La sarabanda di sostituzioni in ambo le squadre comportava una crescita del rendimento degli avanti azzurri tant’è che questa maggior resistenza provocava anche qualche baruffa in campo.

Nel finale, all’80’, l’Under 21 azzurra subiva anche una meta tecnica per una ostruzione decisiva dell’estremo Di Maura su un avversario lanciato verso la meta.

 

ITALIA U.21 – FRANCIA U.21,  7 – 40   (pt. 7 – 16)

ITALIA U.21:  15 Di Maura; 14 Nitoglia L., 13 Chillon (25’ st Tempestini), 12 Ghidini (18’ st Doglioli), 11 Santillo; 10 Marcato (19’ st. Brancoli), 9 Picone (Cap.); 8 Parisse, 7 Persico (19’ st. Bresolin); 6 Bergamin (19’ st Ferraro); 5 Pavanello, 4 Montani; 3 Staibano (18’ st. Sbaraglini), 2 Arganese, 1 Russo (34’ st. Rizzo).

A disposizione: 16 Rizzo, 17 Ferraro, 18 Sbaraglini, 19 Bresolin, 20 Brancoli, 21 Tempestini, 22 Doglioli.

FRANCIA U.21: 15 Lafforgue; 14 Garcia, 13 Lison (18’ st. Rioux),  12 Grandclaude, 11 Donguy; 10 Rieger, 9 Garcia Leduc (19’ st. Sestaret); 8  Lamboley, 7 Deniau, 6 Nyanga; 5 Millo Chlusky, 4 Marchois (19’ st. Marechal); 3 Bergos (19’ st. Berhabe), 2 Szarezewski, 1 Forestier. A disposizione: 16 Rioux, 17 Berhabe, 18 Marechal, 19 Soucaze, 20 Durand, 21 Lison, 22 Sestaret.

MARCATORI: Primo tempo: 3’ cp Rieger, 10’ m. Grandclaude tr. Rieger, 26’ cp Rieger, 30’ m. Persico tr. Marcato, 37’ cp. Rieger (7 – 16). Secondo tempo: 6’ cp. Rieger, 8’ m. Lison tr. Rieger, 15’ m. Nyanga tr. Rieger, 40’ m. tecnica tr. Rieger.

Note: primo tempo 36’ Giallo per Picone; Secondo tempo 37’ Giallo per Denieau e per Brancoli. All’80 infortunio all’arbitro Myke Hall, sostituito da un giudice di liena.

ARBITRO: Hall (Scozia); G.d.L. Changleng e Craig (Scozia)

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl