C.S. n° 1 Roma Seven 2006

Manca un mese al quinto appuntamento con il "Roma Seven", il torneo internazionale che, unico nel suo genere, ha la prerogativa di coniugare la spettacolarità dei gesti atletici del rugby a sette alla mondanità.

12/mag/2006 02.50.18 romaseven Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ROMA SEVEN 2006 - c.s. n° 1 Roma, 10 maggio 2006


Manca un mese al quinto appuntamento con il “Roma Seven”, il torneo internazionale che, unico nel suo genere, ha la prerogativa di coniugare la spettacolarità dei gesti atletici del rugby a sette alla mondanità.

La data da annotare è quella del 10 giugno 2006 mentre è confermatissima la spettacolare cornice dello Stadio dei Marmi al Foro Italico, divenuto oramai dopo tre anni la sede ufficiale dell’evento.

Qualche cenno storico sullo Stadio dei Marmi
L’impianto, costruito negli anni ’30 in piena era fascista ed inaugurato nell’ottobre del 1932, è un vero e proprio capolavoro di raffinata bellezza, basti pensare alle decine di statue in marmo opera di giovani artisti di tutt’Italia.
Il progetto e la realizzazione dello stadio fù opera di Renato Ricci, sottosegretario all’Educazione e fondatore dell’Opera Nazionale Balilla, che volle fortemente tale struttura ispirata direttamente agli stadi della Grecia classica nel contesto del “Foro Mussolini”.
Da non sottovalutare i nomi di alcuni degli allora giovanissimi e sconosciuti scultori: Selva, Canevari, Buttini ed addirittura Aroldo Bellini che realizzò ben sedici statue ed i gruppi di lottatori in bronzo.

Il perché della location
La scelta della location del “RomaSeven” non è un caso, in quanto la vulcanica mente di Fabrizio Bernardi sin dalla prima edizione del torneo ha voluto coniugare sport, cultura e mondanità per quello che sarebbe divenuto con gli anni uno degli eventi cult della Capitale.
Roma, città eterna e vero e proprio museo all’aperto, è abituata ad accogliere durante il “Torneo delle Sei Nazioni di Rugby” frotte di stranieri che uniscono la passione dello sport a quella della cultura; è abituata durante il “Concorso Ippico di Piazza di Siena” o gli “Internazionali d’Italia di Tennis” a coniugare il gesto atletico alla mondanità che si sviluppa la sera intorno ai “Villaggi VIP” dei due eventi…..ma il “RomaSeven” riesce ad unire sia la passione per lo sport e per la cultura che il gesto atletico e la mondanità……

…… ed è proprio per questo che è “unico” nel suo genere !

Maggiori notizie all’interno del sito www.romaseven.com si trovano tutte le informazioni ed anche il collegamento per accedere alle pagine web e ai filmati delle passate edizioni.

Luca Pezzini
Ufficio Stampa
Torneo Internazionale
Roma Seven
++39.335.6059767

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl