AZZURRI CONTRO I COUNTIES NEOZELANDESI

16/giu/2003 17.23.07 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma,  16 giugno  2003

 

AZZURRI CONTRO  I COUNTIES  NEOZELANDESI:
KIRWAN RUOTA LE LINEE

E SI AVVALE DELL’IMPACT COACH

Pukekohe – Il tour in Nuova Zelanda non è solo l’occasione per il C.T. Kirwan di vedere all’opera personaggi freschi come Saccà,  Zullo (che hanno già esordito nel match contro Southland) o Gennari (in panchina mercoledì prossimo),   o per verificarne altri come Vodo e Ravazzolo (anche loro testati sabato scorso) o Zaffiri  (titolare dopodomani), ma anche per inserire a pieno regime due nuovi tecnici. Parliamo di Grant Doorey, mago della nuova difesa, aggregato allo staff azzurro da circa un mese, e di  Mark Seiayers, biomeccanico australiano di 39 anni che, da un paio di giorni ha arricchito, su richiesta di Kirwan,  lo staff tecnico. Il ruolo di Seiayers è quello di  “Impact Coach”. Il tecnico ha già svolto con successo questa attività per le Nazionale Neozelandese e quella Australiana. Ad iniziare dal tour in Nuova Zelanda è consulente azzurro in questa branca di allenamento. Sarà presente anche la raduno del Nevegal il 28 luglio. Si tratta di una figura relativamente recente: un biomeccanico, cioè uno scienziato del movimento, incaricato di insegnare a ciascun giocatore la migliore posizione da assumere per ottenere il miglior equilibrio, il miglior rendimento nelle varie problematiche di gioco come il placcaggio, il cambio di direzione e via dicendo. Molto interessante, per esempio, è stato osservare  come, dopo le osservazioni di Seiayers, il mediano di mischia possa effettuare un lancio più profondo o più lungo del pallone.

I giocatori sono apparsi entusiasti degli insegnamenti dell’ Impact Coach  - che, fra l’altro offre il beneficio di variare le tematiche dell’allenamento. Si tratta di un allenamento a carattere essenzialmente individuale che Seiayers svolge anche con tecniche collettive.  I giocatori si alternano ogni dieci minuti, singolarmente od a gruppetti di due-tre.Naturalmente ogni ruolo ha le sue prerogative.

Al terzo giorno di lavoro Seiayers offre una prima valutazione del suo lavoro.

“ Ho riscontrato molta capacità nei giocatori italiani di coordinarsi per esecuzioni complesse di alto impegno, dove fantasia ed adattamento sono ottimi elementi integrativi. Ho visto, però, poca disponibilità per le cose  più semplici, più normali, quelle che si debbono assimilare per diventare un proprio patrimonio istintivo. Ma è proprio dalle cose più semplici, dai mattoncini che si costruiscono gli edifici solidi. Le cose più utili, si rivelano proprio quelle alle apparenze più superflue.

 

Intanto come è sua abitudine, John Kirwan ha già comunicato la formazione che dopodomani, mercoledì 17 giugno, affronterà a Pukekohe, i Counties. L’imperativo è quello di far dimenticare il “sonno” di  Invercargill e vincere, convincendo. Questa necessità, però, non ha modificato i piani di Kirwan che schiera una formazione che ruota il XV della prima partita, nel senso che alcune linee sono state sostituite, come la mediana, la seconda e la terza linea. Il C.T. ha anche deciso, a titolo precauzionale, di rinunciare ancora all’impiego di Denis Dallan, rinviando il suo innesco al 21 giugno.

 

La formazione: 15 Peens; 14 Saccà, 13 Stoica, 12 Masi, 11 Vodo; 10 Pez, 9 Troncon (cap.); 8 Phillips, 7 Zaffiri, 6 Benatti; 5 Bezzi, 4 Giacheri; 3 Perugini, 2 Ongaro, 1 Lo Cicero.

A disposizione: 156 Festuccia, 17 Castrogiovanni, 18 Gennari, 19 Pavanello, 20 Mazzantini, 21 Zullo, 22 Zanoletti.

 

MONDIALI UNDER 21: DOMANI

GLI AZZURRI AFFRONTANO LA SUPER  AUSTRALIA

Newbury Domani gli Azzurrini della Under 21 per il secondo incontro della manifestazione iridata affrontano l’Australia (Henley, ore 19 locali), che nel match di apertura ha sbaragliato i padroni di casa inglesi  52 - 22. L’Italia, invece, è reduce da un grande match contro la Francia terminato in una sconfitta 7 – 34, solo perché la sorte non è stata benigna nei confronti degli Azzurri. Alla fine del primo tempo, infatti, gli Azzurri avevano inchiodato i transalpini sul 7 – 7  e solo al 4’ di recupero i francesi riuscivano a portarsi in vantaggio approfittando dell’uscita dal campo del forte mediano di mischia, Campione d’Italia con la Benetton, Picone per un forte colpo al capo. 

Anche la ripresa è rimasta in equilibrio fino all’uscita di Parisse, la colonna azzurra, per problemi muscolari che si porta dietro da giorni uniti ad una misteriosa infezione cutanea che ha colpito lui assieme a Montano e Ferrario nel corso del raduno in Italia.

Privi di due giocatore dell’importanza di Picone e Parisse era fatale che la Francia negli ultimi 15’ prendesse il largo.

Ora l’Australia. Il tecnico Andrea Cavinato guarda al match di domani senza complessi: “Scendiamo in campo con moltissimi cambi. Sappiamo che l’Australia è più forte di noi. Tutti i suoi giocatori giocano stabilmente nel Super 12. Sono fra i favoriti alla vittoria finale, ma noi scenderemo, comunque, sul terreno di gioco per recitare la nostra parte. Probabilmente, senza una grossa pressione, potremo dare il meglio di quello che possiamo fare. Comunque, il nostro obiettivo è quello di entrare fra le prime 10 squadre del mondo e, quindi, guardiamo già al match di sabato contro il Giappone. Pertanto apporterò molte variazioni alla squadra in modo da recuperare elementi importanti come Picone e Parisse e fare riposare altri elementi importanti stanchi per una lunga ed impegnativa stagione. Ci saranno anche alcuni cambi tattici nella squadra: Mirco Bergamasco giocherà al centro con il suo compagno di squadra del Petrarca, Barbini, mentre  con il n. 15 giocherà Malipiero.

 

ITALIA U.21: 15 Malipiero; 14 Nitoglia, 13 Bergamasco Mirco, 12 Barbini, 11 Santillo; 10 Patelli, 9 Brancoli; 8 Pavanello, 7 Persico Lance, 6 Soccorsi; 5 Pavanello Antonio, 4 Albridge; 3 Costanzo, 2 Argonese, 1 Rizzo.

 

Primo Turno  (13 giugno)

Sudafrica – Irlanda, 36 – 27;  Argentina – Canada, 62 – 13; Scozia – Galles, 19 – 37; Australia – Inghilterra, 55 – 22; FRANCIA – ITALIA, 34 – 7; Giappone – Nuova Zelanda, 61 – 14.

 

Secondo Turno (17 giugno)

Henley, 15.00 (locali)        Sudafrica – Canada

Iffley Road, 15.00             Argentina - Galles

Newbury, 17.00                Scozia – Irlanda

Henley, 19.00                   AUSTRALIA – ITALIA

Iffley Road, 19.00             Francia – Nuova Zelanda

Newbury, 19.30                Giappone – Inghilterra

 

 

COPPA ITALIA SERIE A 03-04

PROPOSTA LA FORMULA

Roma - A seguito delle delibere adottate dagli organi competenti, è stata inviata oggi una comunicazione a tutte le 20 società partecipanti al prossimo campionato di serie A, in cui si informa della intenzione della FIR di organizzare per la prossima stagione la Coppa Italia riservata alle società di Serie A.

La partecipazione è facoltativa e se non si avrà l’assenso di almeno 16 squadre il torneo non avrà luogo. Secondo quanto previsto la formula prevede 5 giorni da 4 squadre individuati secondo un criterio di vicinorietà e opportunità. La fase di qualificazione è prevista nelle date del 21, 28  settembre e 5 ottobre (gara unica).  Le prime classificate dei cinque gironi  più le migliori tre seconde prendano parte alla fase finale (quarti, semifinali e finale) che si disputeranno sempre in gara unica  il 28 febbraio, il 14 marzo ed il 21 marzo.    

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl